top of page
Cerca

Autoimmunità: la chelazione da metalli pesanti può peggiorarla?



Uno degli approcci più comuni nell'autoimmunità nel mondo della salute alternativa è la chelazione dei metalli pesanti, un processo che estrae metalli e altre sostanze chimiche dal corpo. Ma lo sapevate che nelle circostanze sbagliate – che in realtà sono abbastanza comuni – questo può peggiorare significativamente e permanentemente le condizioni ?

Le chelazioni di metalli pesanti, o disintossicazioni, in genere iniziano con un test del sangue, delle urine o dei capelli o perché qualcuno ti ha detto di farla perché risolverai tutti i problemi (sigh). Il test più comune è un test delle urine dopo aver ingerito un chelante, una sostanza che si lega con un metallo pesante o una sostanza chimica, liberandolo dal tessuto corporeo per circolare nel flusso sanguigno per il test o la rimozione.

Tuttavia, TUTTI abbiamo alti livelli di metalli pesanti nel nostro corpo. Questo vale per le persone sane e per le persone malate croniche. È un dato di fatto della vita moderna. Siamo costantemente esposti a sostanze chimiche nella nostra aria, nei prodotti per il corpo, nel cibo e nell'ambiente circostante. Mercurio, piombo, benzene, solventi e altri composti si trovano nel nostro ambiente quotidiano: tappeti, materassi, utensili di plastica, bottiglie d'acqua di plastica e capsule di caffè di plastica, ritardanti di fiamma che si trovano nei mobili e nei pigiami per bambini, traffico e fumi industriali e altro ancora. Mentre tutti noi portiamo questo carico tossico, le sostanze chimiche ambientali possono innescare autoimmunità, sensibilità chimiche e altri problemi di salute in alcune persone ma non in altre. Il problema non è quante sostanze chimiche o metalli pesanti mostra il tuo test di laboratorio, ma se il tuo sistema immunitario sta reagendo a questi composti ambientali.


Che tu soffra di più sensibilità alimentari, sensibilità chimiche o malattie autoimmuni, ti mostrerò esattamente come ripristinare la tolleranza al tuo sistema immunitario. Scopri RECODE 21


I rischi della chelazione

La chelazione può essere utile nelle giuste circostanze. Ma quando un professionista decide automaticamente di chelare un paziente a causa di alti livelli di metalli pesanti in un test di laboratorio, rischia di infiammare il cervello e causare riacutizzazioni autoimmuni.

Perché?

Autoimmunità neurologica: La ricerca mostra che i chelanti come EDTA, DMPS e DMSA possono ridistribuire i metalli pesanti nel tessuto neurologico, che può innescare sintomi nella persona con autoimmunità neurologica.

Mimetismo molecolare: Le sostanze chimiche e i metalli pesanti possono innescare reazioni immunitarie infiammatorie allo stesso modo del glutine o di altri alimenti, attraverso la cross-reattività. Questo è il motivo per cui è importante prima testare una barriera emato-encefalica sana, lo strato protettivo intorno al cervello progettato per tenere fuori la sostanza indesiderata e consentire il beneficio.

È anche saggio verificare che la barriera intestinale sia intatta.

Questo viene fatto misurando la barriera emato-encefalica e gli anticorpi a giunzione stretta. Con un intestino permeabile o una barriera emato-encefalica permeabile, sostanze chimiche chelate e metalli pesanti possono innescare reazioni infiammatorie nel cervello e in tutto il corpo, a volte causando sintomi gravi.

Questo spiega perché la chelazione rende alcuni pazienti autoimmuni non diagnosticati con sintomi molto peggiori. In genere viene spacciato come una reazione di disintossicazione, ma in realtà ha innescato un attacco autoimmune aggressivo. Questo è solo uno dei concetti che copro durante il mio Training informativo RECODE 21 e HASHIMOTO RE-START.

Durante i Training Informativi, insegno le ultime ricerche sull'autoimmunità e sul sistema immunitario in modo che quando un paziente ha "sintomi misteriosi", il professionista ha una sequenza di passaggi da seguire per identificare i meccanismi sottostanti. Ecco alcuni di ciò che tratterò durante questo corso:

  • Una scomposizione delle risposte immunitarie in concetti di base pertinenti all'autoimmunità.

  • I molteplici meccanismi della malattia autoimmune conosciuti finora, come ce ne sono molti – come l'agglutinazione, il mimetismo molecolare, l'attività citotossica delle cellule T e la disfunzione regolatoria delle cellule T – e altro ancora.

  • Altri fattori di impatto come le sostanze chimiche ambientali, le relazioni sociali e la gestione dello stress.

  • I pro e i contro dei diversi approcci terapeutici, come ad esempio quale dieta funziona meglio quando (AIP, GAPS, FODMAP, ecc.).

Conoscere queste basi dell'autoimmunità supportate dalle ultime scienze pubblicate consentirà ai pazienti di comprendere meglio i meccanismi sottostanti e mantenere la motivazione a seguire protocolli dietetici, nutrizionali e di stile di vita. Questa è la ricetta per il successo.







323 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page