top of page
Cerca

Hai sentito parlare di permeabilità cerebrale?





Potresti aver sentito parlare di permeabilità intestinale, ma hai sentito parlare di permeabilità cerebrale?


La rottura della barriera emato-encefalica può far passare infezioni, agenti patogeni e altri fattori scatenanti ambientali, portando a infiammazioni e degenerazione cerebrale.


Le persone che soffrono di permeabilità cerebrale spesso manifestano sintomi neurologici tra cui nebbia cerebrale, perdita di memoria e depressione.


Permeabilità cerebrale e rottura della barriera ematoencefalica


Sebbene siano stati pubblicati migliaia di articoli sulla permeabilità intestinale e su come provoca disfunzioni in tutto il corpo, il modello della barriera ematoencefalica sta iniziando solo ora a ricevere un ampio riconoscimento.


Quindi cosa causa la rottura della barriera emato-encefalica e cosa puoi fare per migliorarla?


Prima di parlare dei sintomi della permeabilità cerebrale, cosa lo causa e cosa puoi fare al riguardo, dobbiamo prima esaminare cos'è la barriera emato-encefalica e cosa fa normalmente.


La barriera emato-encefalica è costituita da vasi sanguigni e cellule chiamate astrociti. Insieme, creano una barriera che tiene fuori gli inquinanti, le tossine, gli anticorpi circolanti e le proteine ​​alimentari.


Quando questa barriera diventa eccessivamente permeabile, le sostanze chimiche nel flusso sanguigno, gli agenti patogeni e gli anticorpi circolanti possono attraversare e causare infiammazione nel cervello.


I sintomi della permeabilità cerebrale:

  • Cervello annebbiato

  • Difficoltà a concentrarsi

  • Mancanza di coordinazione motoria

  • Affaticamento cerebrale

  • Depressione

  • Ritardi cognitivi

  • Resistenza mentale ridotta

  • Diminuzione della velocità di conduzione nervosa

Tutti questi sintomi sono associati a infiammazione e neurodegenerazione.



L'infiammazione cerebrale interferisce con la normale attività sinaptica, rallentando la conduzione nervosa e rendendo meno efficiente tutto ciò che il cervello ha bisogno di fare. Le abilità motorie, la resistenza mentale e la memoria sono tutte influenzate.


All'improvviso, un giocatore di tennis esperto potrebbe avere difficoltà a servire la palla, o un avido lettore potrebbe non essere in grado di finire una singola pagina.


Come diagnosticare la permeabilità cerebrale?


Quindi, come determiniamo se una persona ha la permeabilità della barriera ematoencefalica?


Il test più noto misura un marker chiamato S100B, poiché livelli elevati del marker sono un segno comune di maggiore permeabilità.


I medici possono la permeabilità cerebrale osservando diversi anticorpi proteici. Questi tipi di anticorpi circolanti non possono attraversare il cervello a meno che la barriera non sia stata abbattuta, quindi la loro presenza indica una maggiore permeabilità.


Sebbene sia sempre un problema, questo è particolarmente preoccupante per chi soffre di celiachia o sensibilità al glutine.


La sequenza di amminoacidi del glutine è molto simile alla struttura proteica di alcune regioni del cervello, in particolare le proteine ​​dei neurofilamenti e gli astrociti nel cervelletto. A causa di questa somiglianza, il glutine è spesso in grado di imitare queste strutture proteiche e legarsi al cervello.


Questo concetto è chiamato mimetismo molecolare e fa sì che il sistema immunitario attacchi e distrugga il tessuto cerebrale ogni volta che la persona sensibile al glutine (sperimentando questo meccanismo, che non è da tutti) mangia glutine.


In effetti, la sensibilità al glutine e la celiachia colpiscono principalmente il tessuto nervoso e cerebrale. Nessun altro alimento è più di un innesco per la disfunzione neurologica e l'autoimmunità neurologica del glutine.


Quali sono le cause della rottura della barriera emato-encefalica?


Tutto ciò che influisce sulla funzione sana dei vasi sanguigni o crea un'infiammazione persistente può causare la rottura della barriera emato-encefalica. A meno che non vengano gestiti attraverso strategie dietetiche e di stile di vita, i disturbi infiammatori cronici e autoimmuni come il lupus, la tiroidite di Hashimoto, l'artrite reumatoide hanno il potenziale per abbattere le barriere nel corpo, comprese le barriere intestinali, polmonari e cerebrali.


Sappiamo che le malattie infiammatorie intestinali e l'infiammazione cronica dell'intestino possono contribuire alla permeabilità della barriera emato-encefalica. È stato dimostrato che l'infiammazione nell'intestino spesso significa infiammazione nel cervello e la ricerca ha dimostrato che i pazienti con malattie infiammatorie intestinali hanno un rischio significativamente più elevato di rottura della barriera emato-encefalica.





Le lesioni cerebrali traumatiche sono un'altra causa comune della permeabilità cerebrale. Quando il cervello è ferito, la barriera ematoencefalica si apre intenzionalmente per consentire il passaggio delle cellule immunitarie. Dopo che le cellule immunitarie sono entrate per aiutare il cervello ferito, la barriera dovrebbe chiudersi di nuovo, ma ciò non sempre accade.


I pazienti con lesioni cerebrali traumatiche spesso notano che la loro funzione cerebrale diminuisce nel tempo perché la loro barriera emato-encefalica non è mai veramente guarita.


Fattori che aumentano il rischio di perdite cerebrali:

  • Abuso di alcool

  • Uno stile di vita sedentario

  • Diminuzione del flusso sanguigno

  • Mancanza di esercizio

  • Disturbi cronici del sonno

  • Uso a lungo termine di corticosteroidi

Quindi, come si tratta una barriera emato-encefalica che perde?


Il primo passo è esaminare i fattori del tuo stile di vita. Ciò significa esaminare l'uso di alcol, assicurarsi di seguire una dieta antinfiammatoria e identificare eventuali altri problemi sottostanti che potrebbero essere fattori che contribuiscono.


Sia che tu soffra di una malattia infiammatoria cronica o di una malattia autoimmune, puoi implementare diverse strategie per aiutare a ridurre l'infiammazione associata e migliorare la salute metabolica.


Alcuni nutraceutici hanno dimostrato di aiutare a sostenere la barriera emato-encefalica, tra cui olio di pesce, ginkgo biloba, vinpocetina, acido alfa lipoico, glutatione e resveratrolo.




 


Hai una malattia autoimmune? Hai sviluppato più sensibilità alimentari? scopri il mio Training Informativo RECODE 21 Clicca qui




540 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page