top of page
Cerca

Il glutine aumenta la necessità di ormoni tiroidei



Questo è l'ennesimo studio che dimostra l'associazione clinica tra la sensibilità al glutine e l'ipotiroidismo di Hashimoto. È molto raro trovare una persona con Hashimoto che non ha un certo grado di sensibilità al glutine o celiachia.

Il glutine sovrastimola il sistema immunitario

La sensibilità al glutine è fondamentalmente definita come qualsiasi risposta immunitaria al glutine. La celiachia è definita generalmente come una risposta autoimmune ai tessuti intestinali dopo l'esposizione al glutine, così come l'attivazione complessiva del sistema immunitario. Vari laboratori classificano la celiachia utilizzando diversi criteri, tra cui test genetici e biopsia intestinale. In entrambi i casi, una tale risposta immunitaria non è mai buona per una persona con Hashimoto o altra malattia autoimmune. Il sistema immunitario è già squilibrato e iperattivo durante una condizione autoimmune attiva. Una reazione immunitaria continua dovuta ad un alimento che si assume regolarmente rende il sistema immunitario più attivo, esacerbando ulteriormente la condizione autoimmune.

Questa attivazione continua del sistema immunitario crea infiammazione e spiega perché i sintomi della sensibilità al glutine variano. Per alcuni l'infiammazione può colpire le articolazioni, creando dolore e gonfiore. Per altri ne derivano eruzioni cutanee e disturbi della pelle. Molti altri soffrono di infiammazione cerebrale, con conseguente nebbia cerebrale, disturbi dell'umore e dell'ansia o perdita di memoria.

L'elenco dei sintomi indotti dall'infiammazione causati da una continua sensibilità al glutine dipende dal corredo genetico della persona. Inutile dire che tale infiammazione sistemica aggrava una condizione autoimmune. L'esperienza dimostra che una dieta priva di glutine è un must. La maggior parte delle persone con Hashimoto ha la sensibilità al glutine o la celiachia. Tuttavia, quasi tutte le persone con Hashimoto migliorano con una dieta rigorosamente priva di glutine, anche se non soddisfano i criteri stabiliti della celiachia. Per rigoroso intendo che stai al 100% senza glutine. Poiché la reazione immunitaria al glutine ha dimostrato di durare fino a sei mesi dopo l'esposizione, dire di mangiare ogni tanto o occasionalmente il glutine è imbrogliare se stessi, perché mangiare glutine farà deragliare i benefici terapeutici di una dieta priva di glutine.



I medici o professionisti della salute sbagliano quando dicono che il glutine è OK

Ho ascoltato molte persone nel corso degli anni con Hashimoto i cui operatori sanitari hanno detto loro che possono mangiare glutine perché avevano un normale test degli anticorpi del glutine ( che non significa che non c'è sensibilità) o non avevano il gene per la sensibilità al glutine. Questo è un errore orribile e una completa disconnessione con la realtà di ciò che un serio trigger immunitario al glutine è, per la maggior parte, presente nelle persone con Hashimoto, non associati alla celiachia.

Il problema risiede nel test del glutine incompleto

Sono sicura che parte del problema con i test negativi degli anticorpi del glutine sia un test improprio. Il test generale degli anticorpi del glutine condotto oggi dalla maggior parte dei laboratori sta testando solo una piccola parte della proteina del glutine, l'alfa-gliadina.

In realtà, un individuo può avere una risposta immunitaria a varie parti della proteina del glutine, tra cui omega-gliadina, gamma-gliadina, agglutinina di germe di grano e gliadina deamidata. Se sei un paziente tiroideo che è risultato negativo per gli anticorpi alfa-gliadina e ti è stato detto che è OK mangiare glutine, quel consiglio potrebbe essere dannoso per la tua condizione in quanto potresti reagire a uno di questi altri componenti del glutine che nessun professionista, in Italia, conosce. Certi esami sono disponibili solo all'estero. Ma non potendo verificare determinate sensibilità NON vuol dire che la persona possa mangiare glutine solo perché non è risultata positiva alla proteina del glutine alfa-gliadina.

Inoltre, ricerche più recenti mostrano che le persone possono avere una cross-reattività del glutine, il che significa che reagiscono ad altri alimenti come se fossero glutine. Infine, se il tuo sistema immunitario è depresso ed esausto, potresti non essere in grado di produrre abbastanza anticorpi per registrarti positivo su un pannello di laboratorio, anche se è in corso una reazione immunitaria. Sia le prove scientifiche che cliniche che collegano il glutine con la malattia di Hashimoto e autoimmune in generale sono troppo potenti e abbondanti per essere ignorate. Una dieta rigorosamente priva di glutine è il primo e più importante passo per gestire l'ipotiroidismo di Hashimoto.


Impara come gestire i tuoi sintomi ipotiroidei nel Training Informativo Hashimoto Re-Start. Basato su informazioni scientificamente supportate. Puoi imparare come guidare il tuo Hashimoto in remissione e mantenerlo in remissione.


I medici (purtroppo) sono in genere poco istruiti sull'ipotiroidismo di Hashimoto e ignari della grande quantità di ricerche. Ciò significa che i pazienti sono da soli quando si tratta di comprendere la loro condizione e come gestirla. Ma migliaia lo fanno con successo. E anche tu puoi. Nel mio Training Informativo di Hashimoto ti guido attraverso le informazioni più complete disponibili su cosa sta causando il tuo Hashimoto ... e cosa fare.


Ti è capitata qualcuna di queste cose?

  • Ti vengono prescritti antidepressivi o farmaci per l'ansia.

  • Ti viene detto di seguire una dieta e fare più esercizio.

  • Sei accusato di cercare attenzione, di essere un paziente problematico o di inventare cose.

  • Ti viene detto che hai "sintomi inspiegabili dal punto di vista medico".

  • Ti viene detto che i tuoi test di laboratorio sono normali e non c'è niente che non va in te.

Se è così, non sei solo! Queste sono esperienze molto comuni tra i pazienti di Hashimoto.

Scopri il mio Training Informativo Hashimoto Re-Start (la bibbia di Hashimoto).


Ecco i motivi per cui è importante che tu prenda il controllo del tuo Hashimoto:

1. Sei a rischio di sviluppare altre malattie autoimmuni Hashimoto non gestito significa un sistema immunitario fuori controllo. Ciò aumenta significativamente il rischio di sviluppare più di una malattia autoimmune. (Se non l'hai già fatto!) 2. Infiammazione e degenerazione del cervello Una condizione della tiroide non gestita è una condizione del cervello non gestita. L'Hashimoto infiamma e degenera il cervello, aumentando il rischio di malattie neurodegenerative. 3. Infiammazione cronica su tutto il corpo Non gestire l'Hashimoto mantiene il corpo perennemente infiammato. Questo infiamma il cervello, provoca dolore cronico, esaurisce il sistema immunitario e aumenta il rischio di più disturbi cronici di salute. 4. Molteplici sensibilità alimentari e chimiche L'Hashimoto non controllato provoca molteplici sensibilità alimentari e chimiche in molte persone. 5. Permeabilità intestinale La permeabilità intestinale è spesso citata come causa di Hashimoto. Ma l'Hashimoto non gestito causa anche una permeabilità intestinale, per non parlare della stitichezza, della congestione della cistifellea e di altri sintomi intestinali.


Approfitta del Bonus del 20% di sconto, in fase di ordine scrivi: HASHIMOTO20


Nessun altro corso sul mercato ti guida esattamente attraverso ciò che devi fare per valutare e gestire l'ipotiroidismo di Hashimoto. Un paziente istruito è un paziente che si prende cura della propria salute.





112 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page