top of page
Cerca

Malattia autoimmune: andare in remissione


Guardo il trattamento delle malattie autoimmuni con l'uso a lungo termine di potenti farmaci immunosoppressori che hanno un elenco ridicolo di effetti collaterali come infezione, cancro, malattie cardiovascolari, malattie delle ossa.

Per quelli di voi che mi conoscono, sapete che invertire la malattia autoimmune è un mio progetto di passione. Non solo mi ha fatto vivere nel buio totale per 20 anni, ma venivo anche derisa dai medici perché non accettavo questa condizione senza poter fare niente. Mi dicevano che non ci si poteva fare niente se non supportare l'organo colpito, nel mio caso con una compressa che mi sostituiva gli ormoni della tiroide. 


Non sto ad elencare tutti i problemi che può dare una compressa di Eutirox quando un corpo non riesce a convertire il T4 per innumerevoli motivi. Ne ho già parlato a sufficienza e ne parlerò ancora nel mio Blog e nelle mie pagine Facebook Patrizia Coffaro - Naturopata e Salute Adattiva.

Oggi voglio parlarti della malattia autoimmune e della sua remissione.


Sono fermamente convinta che il trattamento della malattia autoimmune con potenti farmaci immunosoppressori cadrà per un trattamento migliore, poiché i ricercatori continuano a migliorare le nostre conoscenze e pratiche mediche. Ci stiamo avvicinando a capire come invertire completamente la malattia autoimmune ... e un giorno vedremo i farmaci che disattivano il sistema immunitario come una cosa folle.

Pensavamo che la malattia autoimmune non fosse reversibile. La malattia autoimmune era considerata una condizione permanente. Come dissero a me per 20 lunghi anni.

Quando le condizioni autoimmuni sono state riconosciute per la prima volta oltre cento anni fa, abbiamo pensato che avesse tutto a che fare con gli antigeni non autonomi (come virus o infezioni batteriche). In effetti, si pensava che la condizione fosse una malattia infettiva spiegata dalla teoria del "mimetismo molecolare", in cui batteri e virus esterni invadono il nostro corpo e sembrano così simili al nostro tessuto sano che il sistema immunitario fa guerra ad entrambi (1). Si pensava che fosse il peggior tipo di identità sbagliata. Si fa molta confusione sul mimetismo molecolare nei gruppi Facebook e negli articoli che troviamo online. Cerchiamo di fare chiarezza.

Un medico specializzato nella ricerca sulla malattia celiaca ha scoperto una storia diversa. 

Il ricercatore Alessio Fasano, MD , è stato in prima linea nella recente ricerca sulle malattie autoimmuni e celiache. Nel 2011, ha pubblicato un documento intitolato "Leaky Gut and Autoimmune Diseases", introducendo una nuova teoria che suggerisce che è possibile prevenire e invertire la malattia autoimmune.

Presenta l'idea che tre condizioni preesistenti devono esistere tutte insieme affinché le malattie autoimmuni possano svilupparsi (2). E sono:

  1. Una predisposizione genetica all'autoimmunità

  2. Un'esposizione all'innesco ambientale

  3. Aumento della permeabilità intestinale 


Step 1: La nostra genetica porta all'autoimmunità


Siamo tutti nati con un insieme di geni, che ci vengono tramandati dai nostri genitori.


I geni sono ciò che determina i processi nei nostri corpi, controllano le nostre cellule e forniscono i progetti per la costruzione di nuovi componenti (come le proteine). Ora, prima di andare oltre, è importante notare: non tutti i geni che abbiamo sono espressi. Per il momento, lascia perdere questo pensiero. Ciò che i ricercatori stanno scoprendo ora è che alcuni geni sono collegati a determinati disturbi autoimmuni.


Ad esempio, se si dispone del gene XYZ, si ha una probabilità più elevata o un rischio maggiore di sviluppare un disturbo autoimmune ABC. Sempre più ricercatori stanno iniziando a identificare alcuni di questi geni:


  • Nel caso della celiachia, i geni sono HLA DQ2 / DQ8.

  • Nell'artrite reumatoide stanno osservando HLA-DRB1 * 0401 nei topi.

  • La tiroidite di Hashimoto era associata a vari geni HLA che differivano nelle popolazioni (3) 

  • Un'altra malattia infiammatoria articolare, la spondilite anchilosante è associata all'HLA-B27 (4)


I dettagli esatti di come ogni variazione influisce sul processo di sviluppo autoimmune non sono completamente compresi. La vera domanda è: cosa accende questi geni?

Step 2: I trigger ambientali che attivano l'autoimmunità

Ora sappiamo che qualcosa deve innescare questi geni specifici affinché si verifichi l'autoimmunità. In genere qualcosa di estraneo all'ambiente.


Uno studio chiave lo pone in questo modo:


“Sembra che una stretta interazione tra fattori scatenanti ambientali e fattori genetici sia responsabile della perdita di tolleranza immunologica e autoimmunità (2 , 3 ) ( Figura 1 ). Pertanto, in relazione al ruolo dell'ereditarietà nell'autoimmunità, studi di associazione a livello del genoma hanno riferito che la genetica rappresentava solo una minoranza di casi di autoimmunità e in molti casi esiste una discordanza della malattia nei gemelli monozigoti (4). Per questo motivo, la ricerca e le pubblicazioni dedicate ai fattori ambientali nell'autoimmunità sono cresciute in media del 7% ogni anno dal 1997 (6)". 

Lo vediamo quando osserviamo gemelli identici in cui uno ottiene la malattia e l'altro no. Condividono lo stesso identico codice genetico, quindi ognuno ha i geni che li predispongono. Ma cosa fa fare a questi geni quello che fanno?

Risulta che i fattori ambientali hanno un ruolo enorme in ciò che i geni vengono espressi .

È come accendere un interruttore della luce.


I tuoi geni sono come un gruppo di interruttori della luce nella tua casa, ma non sono tutti accesi, si trovano solo dove ne hai bisogno.

Quindi, i ricercatori stanno iniziando a esaminare i fattori scatenanti ambientali che "attivano" questi interruttori della luce genetici autoimmuni:

  • Nella celiachia, l'innesco ambientale è il glutine.

  • Nell'artrite reumatoide esiste una forte correlazione tra fumo di sigaretta e insorgenza di malattie.

  • La silice cristallina (quarzo) contribuisce allo sviluppo di diverse malattie autoimmuni sistemiche, tra cui la RA e la sclerosi sistemica (7).

  • Il virus Epstein-Barr può essere correlato allo sviluppo della SM (7).


Anche il modo in cui funzionano esattamente questi trigger non è del tutto chiaro. Non è chiaro se agiscono direttamente sui geni o se sono un catalizzatore in una serie di eventi che portano a cambiamenti nell'espressione genica. Ma stiamo iniziando a vedere qualcosa che li lega tutti insieme.

Step 3: Permeabilità intestinale - L'inizio della malattia autoimmune

Il lavoro del Dr. Fasano suggerisce che i trigger ambientali devono interagire con geni specifici per attivarli.

Ma come si incontrano?


Nell'intestino!


In effetti, il lavoro del Dr. Fasano suggerirebbe che non possiamo assolutamente avere una malattia autoimmune senza prima sperimentare un intestino permeabile. Quindi, se così fosse, dovremmo essere in grado di testare e trovare intestino permeabile in quelle persone con malattia autoimmune. Ed è esattamente ciò che la ricerca sta trovando.

Quando il tuo intestino perde, quei trigger ambientali iniziano a interagire direttamente con il tuo sistema immunitario e la tua genetica.

Il tuo intestino è un tubo cavo che ha lo scopo di impedire alle cose che si trovano al di fuori del tuo corpo, cose come particelle di cibo tossico, sostanze chimiche ambientali e rifiuti batterici, di entrare nel tuo corpo.

Il tessuto serve a consentire selettivamente i nutrienti e alcune molecole attraverso la barriera e nel tuo corpo. Ma non tutto può o dovrebbe passare.

Quando quel delicato tessuto intestinale inizia a rompersi (anche se per una o tutte le ragioni sopra menzionate), tutta quella roba cattiva è in grado di fuoriuscire attraverso il tratto digestivo e nel tuo corpo!

Una volta all'interno, queste particelle estranee viaggiano in diverse aree del corpo e innescano una risposta immunitaria, promuovendo l'infiammazione e avviando lo sviluppo della malattia cronica. Invece di tenere fuori le cose cattive, il delicato rivestimento dell'intestino lascia entrare tutte le cose cattive e il tuo corpo si rompe dall'interno.

Quindi, proprio ora l'attuale pensiero sullo sviluppo della malattia autoimmune va in questo modo:

Step 1: sviluppare l'intestino permeabile


Step 2: avere la predisposizione genetica


Step 3: il trigger ambientale attiva i geni

Quindi, arrivati a questo punto, la tua domanda sarà: è possibile invertire la malattia autoimmune?

Anche se non conosciamo i dettagli dei geni e dei fattori scatenanti ambientali in relazione a specifiche malattie autoimmuni, il lavoro pionieristico del Dr. Fasano suggerisce che l'autoimmunità può essere fermata e persino invertita rimuovendo l'interazione innesco ambientale/genetico.

Ciò significa che dobbiamo correggere la permeabilità intestinale.

Cosa significa?

Non sto dicendo che qualcuno con la celiachia possa mai mangiare di nuovo il glutine o che qualcuno con una tiroide completamente distrutta possa smettere di assumere farmaci.

La mia definizione di inversione dell'autoimmunità è questa: disattivare definitivamente l'attacco immunitario contro il corpo.

In alcuni casi, non è possibile riparare il danno se è già andato troppo lontano, come nel mio caso. Da quanto tempo il tuo corpo fa la guerra sul proprio tessuto determinerà cosa significa "inversione" per te. Se convivi da troppo tempo con l'Artrite reumatoide, possono verificarsi danni permanenti alle articolazioni. Nelle malattie autoimmuni della tiroide, il tessuto tiroideo può essere irreparabile. E se potessi fermarla prima ancora che arrivasse a quel punto? 

Se tu o una persona cara sta lottando con la malattia autoimmune, sai quanto può essere paralizzante quando il tuo corpo attacca se stesso. Lottare con questo tipo di diagnosi può portare a una grave depressione.


Lo so, perché ci sono passata in prima persona. E 20 lunghi anni sono stati devastanti. E se ci fosse un modo per iniziare a disattivare la risposta autoimmune? E se ci fosse un modo per calmare il sistema immunitario e consentirgli di iniziare a riparare il danno? Basato sul lavoro del dott. Alessio Fasano, uno dei primi posti da porre attenzione è il tuo intestino ... e sono qui per aiutarti dandoti la giusta informazione.



730 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page