top of page
Cerca

Placebo e mente subconscia: il potere nascosto della guarigione



Mentre rispetto profondamente la profonda conoscenza che la medicina orientale ha accumulato nel corso dei secoli, non è mia intenzione criticare negativamente i medici occidentali che frequentemente prescrivono elevati dosaggi di farmaci, trasformando, in tal modo, una vocazione curativa in un potenziale rischio per la vita. I professionisti della salute si trovano spesso in una posizione delicata, divisi tra la loro educazione accademica e le pressioni delle grandi aziende farmaceutiche, diventando così elementi all'interno del grande apparato dell'industria farmaceutica.


Le loro abilità curative sono ulteriormente limitate da un modello educativo obsoleto, che si basa su una visione materialista del mondo influenzata dalle teorie newtoniane. Questo paradigma è stato in realtà superato da quasi un secolo, dal momento che la fisica ha abbracciato la meccanica quantistica, riconoscendo che l'Universo è fondamentalmente costituito da energia.


Nel periodo post-universitario, questi medici subiscono una continua educazione sui farmaci, guidata da rappresentanti farmaceutici, gli agenti di marketing del settore sanitario. Questi individui, che non sono medici, forniscono ai professionisti della salute informazioni sull'efficacia delle nuove terapie farmacologiche con l'unico scopo di aumentare le vendite. Le aziende farmaceutiche offrono questa formazione senza costi ( e con premi) per incoraggiare i medici a prescrivere i loro prodotti. È chiaro che l'abbondante uso di farmaci prescritti nei paesi occidentali è in contraddizione con il giuramento di Ippocrate, che tutti i medici fanno e che afferma: "Per prima cosa non nuocere". Siamo stati condizionati a diventare una società dipendente dai farmaci, con effetti pericolosi. È tempo di rivisitare e integrare le intuizioni della meccanica quantistica nella pratica medica, al fine di sviluppare un approccio terapeutico più sicuro e in sintonia con le leggi naturali.



Credo che la ragione fondamentale dell'assenza di discussione sulla ricerca energetica sia essenzialmente economica. L'industria farmaceutica multimiliardaria investe i suoi finanziamenti nella creazione di "pillole miracolose" a base di composti chimici, poiché le pillole rappresentano profitti. Se la medicina energetica potesse essere imbottigliata in una capsula, puoi scommettere che le aziende farmaceutiche si getterebbero a capofitto.


Nel contempo, queste aziende etichettano come "seri disordini" qualsiasi deviazione fisica o comportamentale dalla "norma" e mettono in guardia il pubblico contro queste apparenti minacce gravissime. La semplificazione eccessiva dei sintomi nei loro annunci pubblicitari è tatticamente progettata per convincere le persone che soffrono di una malattia specifica. Ad esempio, "Siete ansiosi? L'ansia è un segno di un disturbo noto come 'disturbo d'ansia'. Smettete di essere preoccupati. Consultate il vostro medico per la nuova pasticca rosa miracolosa antiansia."


Parallelamente, i media raramente parlano delle morti causate da farmaci prescritti, spostando invece il focus sui pericoli delle droghe illecite. Ci viene continuamente detto che utilizzare droghe come via di fuga dai problemi della vita è sbagliato. Eppure, potrei dire la stessa cosa riguardo all'abuso di farmaci prescritti. Sono pericolosi? Basta chiederlo a coloro che ne sono stati vittime. Usare i farmaci per mascherare i sintomi ci permette di evitare di affrontare la nostra responsabilità personale nella genesi di quei sintomi.



E' come se in una concessionaria di auto, una cliente entra con un problema: una spia sul suo cruscotto continua a lampeggiare. Un meccanico decide di risolvere la questione nel modo più rapido possibile. Porta l'auto in officina, smonta il cruscotto e rimuove semplicemente la spia che lampeggiava. La cliente, vedendo che la spia è spenta, esce felice dal negozio, ignara del fatto che il problema sottostante non è stato affrontato. La causa del problema era ancora presente, ma il sintomo era scomparso. Allo stesso modo, i farmaci cancellano i sintomi, ma non si rivolgono quasi mai alle cause.


Anche se la medicina convenzionale non si è ancora impegnata nello studio del ruolo svolto dall’energia come “informazione” nei sistemi biologici, ha ironicamente accolto molte tecnologie di scansione non invasive che leggono proprio tali campi energetici, come le risonanza, la TAC, ecc.. I fisici quantistici hanno creato delle apparecchiature per la scansione dell’energia in grado di analizzare le frequenze emesse da specifiche sostanze chimiche. Questi sistemi di scansione consentono di identificare la composizione molecolare di sostanze e oggetti.


Sebbene i progressi nella fisica quantistica suggeriscano un legame tra mente e materia, la medicina occidentale tende ancora a separare il fisico dal mentale. Gli scienziati sono spesso scettici riguardo ai casi eccezionali in cui individui sembrano usare la forza della mente per superare malattie considerate geneticamente predestinate. A mio avviso, è proprio queste "eccezioni" che la scienza dovrebbe esaminare più attentamente. Questi casi potrebbero rivelare nuovi modi di comprendere la vita e la salute che vanno oltre i metodi tradizionali basati su farmaci e sostanze chimiche. Ricerche che ho citato in precedenza suggeriscono che l'energia potrebbe essere un modo più efficace per influenzare la materia rispetto ai trattamenti chimici. Sfortunatamente, gli scienziati tendono a scartare queste anomalie piuttosto che investigarle.



Sebbene la scienza sostenga categoricamente che l'HIV è la causa dell'AIDS, rimane un mistero il motivo per cui alcune persone infette dal virus per anni non sviluppano mai la malattia. Allo stesso modo, ci sono casi strabilianti di pazienti con tumori in fase avanzata che hanno sperimentato remissioni spontanee. Questi eventi che sfuggono alle spiegazioni convenzionali vengono spesso liquidati come anomalie inspiegabili o come frutto di diagnosi errate, piuttosto che essere studiati per comprendere i meccanismi sottostanti che potrebbero sfidare le attuali "verità" scientifiche.


Ma attenzione, ci sono persone che pensano che adottare un pensiero positivo possa influire sulla materia e sulla salute in generale. Il pensiero positivo è un mantra popolare nel discorso contemporaneo sulla salute e il benessere. Tuttavia, è essenziale comprendere che la mera ripetizione di affermazioni positive potrebbe non essere sufficiente per instaurare un cambiamento reale nella nostra vita. Mentre l'energia mentale positiva può avere un ruolo nel nostro benessere generale, essa è solo una parte di un sistema molto più complesso e interconnesso che include sia la mente conscia che quella subconscia.


Molte persone, infatti, che non hanno successo con la pratica del pensiero positivo finiscono per sentirsi ancor più disempowerate. Si convincano erroneamente che, avendo "fallito" nel controllo della propria mente e corpo attraverso il pensiero positivo, tutte le speranze sono perse. Ecco dove la distinzione tra mente conscia e subconscia diventa cruciale. La mente conscia è il centro della nostra creatività e può generare pensieri positivi, ma è la mente subconscia quella che funziona come un archivio di reazioni abitudinarie e risposte istintive. Queste risposte, programmate attraverso anni di condizionamento e esperienza, possono facilmente sovrascrivere qualsiasi tentativo conscio di cambiamento positivo.



Dal punto di vista del potere di elaborazione, la mente subconscia è straordinariamente più potente della mente conscia. Quindi, quando i desideri e gli obiettivi della mente conscia sono in conflitto con i programmi profondamente radicati nella mente subconscia, è probabile che quest'ultima abbia la meglio. In sintesi, se avete provato il pensiero positivo e non avete ottenuto i risultati sperati, non disperate. La chiave potrebbe essere nell'integrare la consapevolezza e il controllo sia della mente conscia che di quella subconscia, permettendo un vero e proprio cambiamento a un livello più profondo.


È vero che la medicina moderna tende a minimizzare o addirittura a ignorare l'importanza dell'effetto placebo, relegandolo spesso a una sorta di aneddoto curioso piuttosto che a un argomento serio di studio. Questo atteggiamento è problematico per una serie di ragioni. Primo, minimizzare l'effetto placebo significa ignorare una dimostrazione concreta del potere della mente sul corpo. Come si nota, l'effetto placebo - o come preferisce chiamarlo, "effetto credenza" - è una prova tangibile delle capacità di autoguarigione del nostro organismo.


Secondo, l'atteggiamento scettico nei confronti dell'effetto placebo rispecchia una visione riduttiva della medicina, che vede il trattamento farmacologico e chirurgico come l'unico "vero" percorso verso la guarigione. Questa visione non solo ignora la complessità dell'essere umano, ma anche marginalizza o addirittura stigmatizza coloro che riportano miglioramenti dovuti all'effetto placebo come "deboli" o "suggestionabili".


Terzo, non studiare adeguatamente l'effetto placebo è un errore non solo scientifico, ma anche etico. Se, come sembra, l'effetto placebo ha il potenziale di offrire trattamenti efficaci con pochi o nessun effetto collaterale, allora dovrebbe essere al centro di importanti ricerche mediche. Quarto, la resistenza all'idea che la mente possa avere un impatto significativo sulla salute è alimentata non solo da un pensiero dogmatico, ma anche da considerazioni economiche. Le implicazioni economiche della validità dell'effetto placebo sono enormi, specialmente per l'industria farmaceutica.


Il punto è che la medicina dovrebbe essere un campo guidato dalla ricerca della verità e dal desiderio di guarigione, non dalle limitazioni imposte da una visione ristretta o dagli interessi economici. E in questa ricerca della verità, l'effetto placebo non dovrebbe essere ignorato, ma piuttosto studiato, compreso e, dove possibile, sfruttato per il bene dei pazienti.


Nel mondo della medicina, sono spesso consapevoli dell'effetto placebo, ma raramente considerano la suo controparte negativa, l'effetto nocebo, e le implicazioni che entrambi hanno sull'autoguarigione. L'effetto placebo dimostra quanto il pensiero positivo possa contribuire a migliorare la salute, ma cosa succede quando la mente si immerge in pensieri negativi? Quando la mente, grazie a suggestioni positive, induce miglioramenti nella salute, parliamo di effetto placebo. Tuttavia, è importante sapere che la stessa mente può anche influire negativamente sulla salute attraverso l'effetto nocebo.


In medicina, l'effetto nocebo può essere altrettanto potente dell'effetto placebo, e questo è un aspetto che dovremmo tenere sempre presente quando ci rivolgiamo a un professionista della salute. Le parole e il comportamento del medico possono trasmettere messaggi che influenzano la percezione della malattia da parte del paziente, messaggi che a volte possono essere ingiustificati.


Un esempio è la potente affermazione: 'Lei ha sei mesi di vita'. La decisione di crederci può avere un impatto significativo sulla prognosi. Se decidete di crederci, è probabile che non vi rimanga molto tempo in più da vivere su questa Terra.

Questo ci ricorda quanto sia cruciale non solo il lato clinico della medicina ma anche il potere delle parole e dell'atteggiamento del medico. La mente ha un ruolo rilevante nella promozione della guarigione e nel provocare danni, quindi è fondamentale creare un ambiente positivo e fiducioso nella pratica medica, in cui la speranza e l'ottimismo possano svolgere un ruolo attivo nel miglioramento della salute e del benessere dei pazienti.



La consapevolezza di questi effetti può portare a una migliore comprensione del potere della mente nella nostra salute generale. Le credenze sono come i filtri di una macchina fotografica, che cambiano il modo in cui vedete il mondo. E il vostro funzionamento biologico si adatta a quelle vostre credenze. Se riconosciamo davvero il potere delle nostre credenze, abbiamo in mano la chiave della nostra libertà. Non possiamo cambiare facilmente il nostro codice genetico, ma possiamo cambiare la nostra mente.


Ecco perché vivere nell’amore e vivere nella paura producano effetti opposti nel corpo e nella mente. Ma prima vorrei ribadire che non soltanto non c’è nulla di sbagliato nel vivere guardando attraverso le proverbiali lenti rosa; anzi, queste lenti sono indispensabili al benessere delle vostre cellule. I pensieri positivi sono il comandamento biologico per una vita sana e felice. Nelle parole del Mahatma Gandhi:


Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri.

I tuoi pensieri diventano le tue parole.

Le tue parole diventano le tue azioni.

Le tue azioni diventano le tue abitudini.

Le tue abitudini diventano i tuoi valori.

I tuoi valori diventano il tuo destino.


E, infine, Henry Ford aveva ragione riguardo all’efficienza della catena di montaggio, e aveva ragione riguardo al potere della mente: «Se credete di potere o se credete di non potere... avete ragione».


 

Migliora le tue competenze con i nostri Corsi Online!


Desideri approfondire le tue conoscenze o acquisire nuove competenze? Scopri i nostri corsi online su Corsi & Workshop Online. Abbiamo una varietà di corsi che si adattano alle tue esigenze e ai tuoi interessi, tra cui anche corsi gratuiti.





111 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page