top of page
Cerca

Tossine nel dentifricio: quale usare?



Quando ci laviamo i denti, ci fa sentire sani e puliti, come se ci stessimo prendendo cura del nostro corpo. Ma cosa succede se ti dicessi che ci sono sostanze chimiche nel dentifricio da evitare? Questi ingredienti tossici del dentifricio (e altri ingredienti per la cura dei denti) potrebbero fare più male che bene.


Cerchiamo di essere chiara, non voglio spaventarti assolutamente. Una cosa buona che è emersa dal dialogo sulla tossicità del dentifricio è il divieto generale di triclosan, o meglio, negli Usa l'hanno vietato, in Italia ancora no ma non bisogna allarmarsi: nella maggior parte dei casi, i produttori non lo utilizzano più. E per i pochi prodotti che lo contengono, è possibile trovare facilmente alternative.





Il triclosan è un antibatterico e antimicotico che riduce la placca e la gengivite. Secondo Consumer Reports, il triclosan è stato trovato sui saponi per le mani e nei detergenti per il corpo ed è stato eliminato da molti tubetti di dentifricio dopo che la ricerca (meglio tardi che mai) ha scoperto che il triclosan è un distruttore dell'ormone tiroideo che ha contribuito allo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici e all'aumento del rischio di cancro.

Ora che dobbiamo preoccuparci meno del triclosan, è il momento di fare un focus al resto degli ingredienti del tradizionale prodotto per la cura dei denti. Ci sono altre sostanze chimiche dannose nel dentifricio da evitare? Ci sono ingredienti tossici anche nel collutorio e nel filo interdentale? E, soprattutto, come evitare il dentifricio tossico e gli ingredienti per la cura dei denti in futuro?

Quanto è tossico il dentifricio?


Il dentifricio viene utilizzato dal 69% delle persone almeno due volte al giorno, il dentifricio è sorprendentemente tossico. Mentre il dentifricio tradizionale è efficace nel rimuovere e prevenire l'accumulo della placca, prevenire la carie e combattere l'infiammazione delle gengive, molti dei suoi ingredienti non sono sicuri.

Non è che se ingerisci un po' di dentifricio accidentalmente mentre ti lavi i denti ti ucciderà. La maggior parte dei dentifrici tradizionali è fatta con concentrazioni così piccole di fluoro e altre sostanze chimiche che non avvertirai immediatamente alcun sintomo sconcertante. Tuttavia, se dici di aver mangiato o ingoiato un intero tubetto di dentifricio, potresti provare dolore addominale, blocchi intestinali, difficoltà respiratorie, diarrea, convulsioni, shock e tremori, debolezza, vomito e persino un infarto. Se ciò accade, contattare immediatamente il controllo antiveleni. Quindi, fate attenzione ai bambini piccoli.

Anche se la maggior parte di noi non ingoia un intero tubetto di dentifricio, le tossine nel dentifricio possono comunque causare, nel tempo, irritazione alla bocca e poiché la bocca influisce in modo significativo sul resto della salute generale del corpo (cerca la connessione bocca-corpo: è un realtà), una cattiva igiene e salute orale può portare ad altri problemi di salute. Questi includono polmonite batterica, cancro al seno, malattie cardiovascolari, demenza, diabete, sindrome dell'intestino irritabile (IBS), osteoporosi, cancro alla prostata e aumento di peso inspiegabile.

Tossine nel dentifricio (e altri prodotti per l'igiene orale)


Alcol


L'alcol è usato nel collutorio a causa delle sue proprietà antibatteriche, ma questo ingrediente ha molti noti problemi di salute. In effetti, l'alcol può essere antibatterico, ma non conosce la differenza tra le cose buone e quelle cattive. Funziona semplicemente eliminando tutti i batteri, e questo non è esattamente l'ideale per l'ecosistema del tuo corpo.

Oltre all'alcol che uccide i batteri buoni, uno studio pubblicato sulla National Library of Medicine ha scoperto che l'alcol può causare lo sviluppo del cancro orale poiché l'alcol stesso è cancerogeno.

L'alcol è anche molto seccante per la bocca; se usato regolarmente, potresti notare lo sviluppo della sindrome della bocca secca. Questo può presentarsi come un aumento del rischio di placca e malattie gengivali, ulcere della bocca, un'infezione del lievito della bocca nota come mughetto, pelle divisa agli angoli della bocca e labbra screpolate.

Coloranti artificiali


Il biossido di titanio è uno di questi coloranti artificiali pensato per rendere il dentifricio più gradevole alla vista, ma non è certamente l'unico. La colorazione artificiale non è sempre sicura e nei bambini è stata collegata all'iperattività e al disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD). Secondo uno studio del 2012 di Neurotherapeutics , la colorazione artificiale ha un legame diretto con l'iperattività, la disattenzione e l'impulsività nei bambini.




Dolcificanti artificiali


A nessuno piace un dentifricio che ha un cattivo sapore. Ecco perché la maggior parte delle aziende produttrici di dentifrici tradizionali fa uso di dolcificanti artificiali. Alcuni di questi possono includere sorbitolo, saccarina e xilitolo. Mentre lo xilitolo è sicuro per l'uomo (ma non per gli animali domestici!), il sorbitolo e la saccarina sono visti come ingredienti problematici.

C'è di più sulla saccarina in fondo a questo articolo (i punti salienti includono un legame con il cancro alla vescica, i tumori cerebrali e il linfoma), ma il sorbitolo è un dolcificante artificiale liquido che impedisce al dentifricio di diventare secco e croccante. Ma è anche un lassativo e, se ingerito dai bambini, può provocare diarrea.

Aspartame


L'aspartame è un dolcificante artificiale che aggiunge sapore a dentifrici, bevande e altri prodotti per l'igiene orale. Tuttavia, questo dolcificante è stato criticato per la sua cancerogenicità, ovvero la sua capacità di provocare il cancro.

Quando vengono ingerite, le sostanze chimiche dell'aspartame si scompongono e alcune di esse si scompongono in metanolo, che è un tipo di alcol. Poiché i nostri corpi non possono digerire questo composto, il nostro corpo sovracompensa convertendolo in formaldeide. La formaldeide può causare mal di testa, vertigini, debolezza, perdita di memoria, problemi gastrointestinali e molto altro ancora.

Carragenina


Potresti trovare carragenina nel caffè lavorato, nel latte e in altri alimenti. Questo perché è un additivo che viene utilizzato come agente addensante.

La carragenina può causare condizioni infiammatorie della pelle come acne, problemi intestinali, ulcerazioni del colon e cancro. Sebbene esista una versione alimentare della carragenina e una forma degradata alternativa, che è la nota forma cancerogena, è meglio evitare la carragenina sia nel cibo che nei prodotti per la cura dei denti.

Dietanolammina (DEA)


Aggiunto al dentifricio per creare un maggiore effetto schiumogeno, la dietanolammina (DEA) è un distruttore ormonale. In effetti, l' EWG lo valuta 10, citandolo come irritante, tossina respiratoria umana e cancerogena. La DEA è vietata anche nei cosmetici canadesi, il che pone la domanda sul perché altri Stati non abbiano fatto lo stesso.

Fluoruro


Il fluoro è acclamato per le sue proprietà di prevenzione della carie. Mentre una piccola quantità di fluoro può aiutare a denti e gengive più sani e più forti, il fluoro è un additivo chimico che viene fornito con un avviso di tossicità acuta dalla Food and Drug Administration (FDA).

L'avvelenamento da fluoro può causare mal di testa, nausea, vomito e altri sintomi gastrointestinali e, per questo motivo, dovrebbe essere evitato.

Inoltre, il fluoro è anche celebrato per la sua capacità di rimineralizzare i denti, tuttavia il dentifricio tradizionale non contiene abbastanza fluoro per consentire agli utenti di raccogliere effettivamente i benefici della remineralizzazione.




Parabeni


I parabeni sono conservanti che mantengono il dentifricio più fresco più a lungo, il che significa che possono rimanere più a lungo sugli scaffali senza scadere. Ma mentre questo è un fattore positivo per i profitti di un negozio (e di un'azienda), non indica necessariamente l'opzione più salutare per noi.

Sono necessarie ulteriori ricerche sugli effetti collaterali dell'esposizione ai parabeni, ma si ritiene che aumentino il rischio di cancro al seno e altre complicazioni di salute. I parabeni possono bioaccumularsi nel corpo, il che significa che si accumulano all'interno del nostro corpo più velocemente di quanto il nostro corpo possa liberarsene.

Acido perfluoroesan solfonico (PFHxS)


Il dentifricio non è l'unico prodotto per la cura dei denti con ingredienti tossici. Nel 2019, Harvard ha riferito che gli ingredienti associati a determinati marchi di filo interdentale potrebbero causare malattie cardiovascolari e cancro.

Lo studio del Journal of Exposure Science & Environmental Epidemiology ha scoperto che le donne che usavano regolarmente il filo interdentale Oral-B Glide erano state esposte ad alti livelli di acido perfluoroesano solfonico (PFHxS). PFHxS fa parte di una classe più ampia di sostanze chimiche note come PFAS, sostanze chimiche che causano danni al fegato, danni ambientali, cancro e problemi di sviluppo.

L'ingrediente in questione è in realtà il fluoro, che secondo Harvard , "indica la presenza di composti PFAS".

Glicole propilenico


Il glicole propilenico è una sostanza chimica sintetica che può essere utilizzata come detergente, emulsionante o agente schiumogeno. Non per diventare troppo scientifica, ma il suo compito principale è diminuire la tensione superficiale tra due liquidi, un liquido e un solido, o un gas e un liquido.

Gli studi sugli animali hanno dimostrato che il glicole propilenico è un ingrediente tossico a lungo termine che dovrebbe essere completamente evitato, specialmente nei bambini. E come se avessi bisogno di un motivo in più per stare alla larga, il glicole propilenico viene utilizzato nell'antigelo.

Saccarina (saccarina sodica)


La saccarina, o saccarina sodica, è un altro tipo di dolcificante artificiale che viene aggiunto al dentifricio per migliorarne il sapore. In uno studio condotto su ratti e topi, questa sostanza chimica è stata identificata come cancerogena, il cui rischio di cancro alla vescica aumentava quando veniva somministrata la saccarina. L'esposizione alla saccarina ha provocato lo sviluppo di tumori cerebrali e linfomi nei topi e nei ratti.

Sodio laurilsolfato (SLS)


Il sodio laurilsolfato, abbreviato in SLS, ha una doppia vita come insetticida popolare, quindi lo stesso ingrediente che stai mettendo in bocca per promuovere la salute orale può uccidere gli insetti.


Utilizzato anche come detergente, l'SLS provoca lacrime microscopiche in bocca, che alla fine possono portare a afte e altre irritazioni e infiammazioni. Inoltre spoglia la bocca del suo rivestimento naturale, indebolendola.

Quindi, perché è comunemente usato nel dentifricio? Beh, fa schiumare il dentifricio. Ancora una volta, non vale assolutamente il rischio.

SLS potrebbe essere in agguato nei tuoi prodotti per l'igiene orale sotto uno pseudonimo losco. Cerca questi nomi alternativi: A13-00356, Akyposal SDS, Aquarex metil, Monododecil estere, Monododecil ester sodio sale acido solforico, sodio dodecil solfato (SDS), sale sodico, sale sodico acido solforico, acido solforico monododecil estere sale sodico e acido solforico.

Biossido di titanio (TiO2)


Il biossido di titanio (TiO2) è un composto chimico inorganico ampiamente utilizzato nei dentifrici perché aggiunge il caratteristico colore bianco del dentifricio.

A parte questo colorante che non fornisce alcun beneficio orale (viene letteralmente aggiunto solo per dargli colore), il biossido di titanio è sicuro solo quando non viene assorbito. Anche se non ingeriamo dentifricio e quindi ingeriamo biossido di titanio, le membrane all'interno della nostra bocca possono assorbire molto bene le concentrazioni di biossido di titanio. Secondo l' Environmental Working Group (EWG), c'è la preoccupazione che il biossido di titanio possa essere un cancerogeno che potrebbe presentare tossicità per il sistema di organi non riproduttivi, il che significa solo che influisce negativamente sugli organi non riproduttivi del corpo.

Triclosan


Questo antibatterico e antimicotico è stato utilizzato nei dentifrici perché riduce ampiamente la placca e l'infiammazione delle gengive associate alla gengivite. Tuttavia, potresti ancora trovarlo in giro, quindi fai attenzione quando leggi le etichette per l'igiene orale.

Il triclosan altera gli ormoni nella tiroide, provoca il cancro e crea ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.



Il fluoro è tossico nel dentifricio?


Il fluoro viene aggiunto alla maggior parte dei tradizionali dentifrici, collutori e integratori per la cura dei denti grazie alla capacità di questa sostanza chimica di ridurre il rischio di carie. Mentre la ricerca ha dimostrato che una piccola quantità di fluoro può contribuire a denti e gengive più forti e più sani, molti credono che questa tossina del dentifricio semplicemente non valga il rischio.

L'ingestione di fluoro può alla fine portare ad avvelenamento, a seconda della quantità, lasciando i nostri più piccoli spazzolini da denti i più vulnerabili. (Ci vuole molto meno fluoro per influenzare negativamente un bambino rispetto a un adulto.) In effetti, l'80% dei casi di avvelenamento da fluoro sono stati segnalati in bambini di età inferiore ai sei anni.

Gli effetti tossici acuti dell'avvelenamento da fluoro possono causare danni. Gli effetti acuti comprendono nausea e vomito, ipocalcemia, tetania delle mani e dei piedi, ipersalivazione, ipotensione, insufficienza dei sistemi renale e respiratorio, coma e convulsioni che possono portare alla morte. Gli effetti cronici includono fluorosi dentale, fluorosi scheletrica, irritazione gastrica, intorpidimento e spasmi muscolari, difetti alla nascita, cancro e un sistema renale insufficiente.

In breve, è meglio evitare del tutto il fluoro e scegliere un'opzione senza fluoro.

Il perossido di idrogeno è tossico nel dentifricio?


Mentre la maggior parte dei marchi e delle organizzazioni di dentifrici concordano sul fatto che le piccole concentrazioni di perossido di idrogeno che si verificano nel dentifricio e in altri prodotti per la cura dentale sono sicure da usare, il perossido di idrogeno nell'igiene orale dovrebbe probabilmente essere evitato.

Sebbene sia stato scoperto che è un efficace sbiancante per denti, alcune ricerche suggeriscono che il perossido di idrogeno penetra in profondità nello smalto di un dente. Questo sbiancamento può danneggiare la superficie del dente, indebolendolo. Una superficie del dente indebolita potrebbe potenzialmente provocare la perdita di minerali e una maggiore suscettibilità a graffi e ammaccature visibili nello smalto indebolito.

Ma non è tutto: il perossido di idrogeno nei dentifrici e nei prodotti per l'igiene orale passa attraverso lo smalto e nella dentina e nella polpa del dente dove può causare lievi infiammazioni. Queste infiammazioni possono farti sentire una maggiore sensibilità nei denti.

Ancora una volta, potresti semplicemente voler stare lontano dal perossido di idrogeno nei dentifrici e nei prodotti per la cura dei denti.

Cosa c'è nel mio dentifricio che uso quotidianamente "LE DENTIFRICE MENTHE"?


Il dentifricio che uso tutti i giorni ( LE DENTIFRICE MENTHE) utilizza i migliori ingredienti, sicuri e provenienti da fonti sostenibili. Nei prodotti che uso, non troverai mai ingredienti che sono stati collegati a sostanze cancerogene, irritanti noti o ingredienti vietati dalle organizzazioni sanitarie. Non ci troverai mai solfati (SLS), triclosan, dietanolammina, parabeni, coloranti artificiali, glicole propilenico, carragenina, saccarina e ossido di titanio.

Piuttosto, ecco cosa troverai nel dentifricio "LE DENTIFRICE MENTHE":

  • Carbonato di Calcio (detergente delicato che apporta calcio ai denti)

  • Acqua

  • Glicerina (conservante naturale)

  • Eritritolo (contro la formazione di carie)

  • Acqua estratta dalla foglia di menta piperita

  • Bicarbonato di sodio (agente sbiancante senza alluminio)

  • Coco-Glucoside (agente schiumogeno naturale )

  • Gomma di Xantano (gelificante)

  • Goemon bianco in polvere (gelificante da alghe)

  • Mentolo (agente di freschezza)

  • Olio di menta selvatica

  • Acido citrico (riequilibra il pH)

  • Estratto di Stevia Rebaudiana

  • Polvere di succo di foglie di Aloe

Molti ingredienti tossici del dentifricio possono causare il cancro, irritare la pelle, gli occhi e i polmoni e avere un impatto negativo sullo sviluppo. Invece di cercare un dentifricio tradizionale, evita i prodotti chimici del dentifricio e lavati i denti con qualcosa di sicuro, sostenibile e buono per te!








795 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page