top of page
Cerca

Alopecia: quali sono le vere cause?



Forse per molti l'alopecia è un mondo sconosciuto ma questo problema è molto più comune di quanto si possa pensare. Spesso, nella mia community, ricevo domande su come poter risolvere problemi di alopecia. E spesso nei gruppi Facebook (soprattutto quelli inerenti alla tiroide) leggo delle inesattezze che onestamente creano più confusione che altro, attribuendo la colpa dell'alopecia solo agli androgeni alti.


Ma andiamo per step. E' bene fare chiarezza. Qualsiasi problema di perdita dei capelli, che sia a chiazze, diffusa o totale, si chiama alopecia. Spesso si parla di alopecia autoimmune ma questa definizione viene usata troppo spesso e crea confusione.

Esistono persone con la calvizie a pattern femminile, nota anche come calvizie femminile (FPB) o alopecia androgenetica (o androgenetica) è una forma di calvizie che colpisce le donne. Essa si manifesta con un assottigliamento e accorciamento dei capelli, fenomeni che progrediscono con l’invecchiamento. In molti casi questa condizione ha inizio a livello della scriminatura o in corrispondenza della sommità centrale della testa. Puoi andare qui per vedere le immagini secondo la scala Ludwig>

Un malinteso molto diffuso sull'alopecia è che la perdita del modello femminile causi un'attaccatura dei capelli simile a quella degli uomini. Questo di solito non è il caso: se una donna perde i capelli lungo l'attaccatura dei capelli sulla fronte, si tratta spesso di alopecia fibrosante frontale.

L'alopecia androgenetica è un po' anomala in quanto è in gran parte associata agli ormoni androgeni (DHEA, testosterone e DHT), ma non sono l'unica causa, per molti con il pattern androgenico, in genere devono affrontare problemi come il lievito sistemico, problemi con l'acido cloridrico, di zucchero nel sangue, di dominanza estrogenica e ferritina bassa, solo per citarne alcuni. Aspetti che vanno risolti per trattare l'alopecia. Inoltre, quelli con perdita irregolare o totale possono avere uno squilibrio degli androgeni. I medici spesso dicono alle persone che soffrono di schemi di alopecia come areata, totalsis, universalis o ofiasi, che non c'è niente da fare al riguardo o che dobbiamo conviverci (se non stanno già prescrivendo farmaci discutibili che possono peggiorare la situazione a lungo termine). E dicono la stessa cosa sull'alopecia androgenetica.

Ecco alcuni fattori specifici, e spesso sconosciuti, da considerare per il modello androgeno:

  • Sia gli androgeni alti che quelli bassi possono causare la caduta dei capelli.

  • L'uso di ibuprofene a lungo termine e/o ad alte dosi può contenere androgeni.

  • Il testosterone si converte naturalmente in DHT (un metabolita del testosterone noto come "mangiatore di capelli") tramite un enzima chiamato 5-alfa reduttasi (5-AR). Solo perché hai un basso livello di testosterone non significa che parte di esso non venga convertito in DHT, che, a proposito, è 3-5 volte più potente del testosterone.

  • La miniaturizzazione dei follicoli è in gran parte dovuta al DHT. L'altro fattore primario è la genetica. Ma questo non significa che devi conviverci.

  • L'alto DHT è provocato dalla predominanza degli estrogeni e dall'elevato cortisolo.

  • Parlando di estrogeni, il pattern androgenico è spesso correlato a problemi con il metabolismo degli estrogeni (che può portare alla dominanza degli estrogeni).

  • La perdita di capelli androgenica è spesso associata alla PCOS . E senti questo: c'è un equivalente maschile di PCOS; uno studio ha rilevato che gli uomini con calvizie maschile prematura avevano un profilo ormonale simile alle donne con PCOS, inclusa una resistenza all'insulina significativamente più alta.

  • Saw palmetto e olio di semi di zucca bloccano sia 5-AR che DHT. Parla di catturare due farfalle con una rete.

  • Gli acidi grassi essenziali inibiscono la produzione di 5-AR e DHT ( 1, 2 ) - si dice che sia una "bomba nutrizionale" e che funzioni anche meglio della Finasteride. Farmaco inibitore dell'enzima 5-alfa reduttasi di tipo II, un enzima espresso in diversi tessuti che converte il testosterone nello steroide androgenico più attivo diidrotestosterone. L’inibizione di questo enzima riduce perciò i livelli di DHT.

  • Poiché l'alopecia androgenetica è un'aberrazione del normale ciclo dei capelli, è teoricamente reversibile (nonostante ciò che la comunità medica ti dirà).

Ancora una volta, la maggior parte delle donne che hanno il pattern androgenico hanno più di un semplice squilibrio androgeno. Ad esempio, hanno spesso la dominanza estrogenica e la caduta dei capelli diffusa è uno dei sintomi caratteristici dell'ipotiroidismo/Hashimoto e spesso c'è uno squilibrio della tiroide.

E sì, i geni giocano un ruolo, ma abbiamo il potere di disattivare i geni cattivi e accendere i geni buoni con la potente ed entusiasmante scienza dell'epigenetica. Se hai lo schema androgeno e non sei arrivato da nessuna parte, fatti coraggio. La buona notizia è che c'è molto di più di quanto probabilmente ti è stato detto: non devi SOLO ossessionarti per gli ormoni androgeni. E questi altri fattori che contribuiscono, una volta portati alla luce, possono spesso essere gestiti.

Quando verranno gestiti questi aspetti e l'infiammazione (che causa anche la miniaturizzazione) nei follicoli è ridotta, è del tutto possibile vedere molti miglioramenti. Affrontare questi squilibri insieme alla gestione degli androgeni può avere un impatto positivo e di vasta portata su tutto il corpo.


 

Chi ha provato l'Oil Rejuvenate e Oil balance, non ne potrà più fare a meno. L'Oil Rejuvenate, grazie alle frequenze impresse e all’azione combinata delle componenti di origine naturale, esplica un’azione riequilibrante del sistema ormonale femminile. Se massaggiato sul ventre calma spasmi, dolori mestruali e argina le emorragie. Indicato in disturbi legati agli squilibri ormonali, ansia e irritabilità che caratterizzano la sindrome premestruale e la menopausa. Ma gli innumerevoli benefici non finiscono qua!! LOil Rejuvenate ha azione lenitiva adatta a tutti i tipi di pelle. In caso di pelle sensibile, secca o matura, svolge un’azione astringente, tonificante, antirughe, anti-aging e idratante. Utile a calmare l’ansia pre-parto, può essere anche massaggiato sulla pancia per prevenire le smagliature in gravidanza. Lo puoi trovare cliccando qui


Chi ha provato l'Oil Rejuvenate e Oil balance, non ne potrà più fare a meno. L'Oil Rejuvenate, grazie alle frequenze impresse e all’azione combinata delle componenti di origine naturale, esplica un’azione riequilibrante del sistema ormonale femminile. Se massaggiato sul ventre calma spasmi, dolori mestruali e argina le emorragie. Indicato in disturbi legati agli squilibri ormonali, ansia e irritabilità che caratterizzano la sindrome premestruale e la menopausa. Ma gli innumerevoli benefici non finiscono qua!! LOil Rejuvenate ha azione lenitiva adatta a tutti i tipi di pelle. In caso di pelle sensibile, secca o matura, svolge un’azione astringente, tonificante, antirughe, anti-aging e idratante. Utile a calmare l’ansia pre-parto, può essere anche massaggiato sulla pancia per prevenire le smagliature in gravidanza. Lo puoi trovare cliccando qui

310 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page