top of page
Cerca

Come l'ipotiroidismo colpisce l'intero corpo



Sapevi che la tiroide è parte integrante della salute e colpisce quasi tutte le cellule del corpo? La sua influenza può essere vista nel modo in cui il corpo trasmette informazioni, attiva l'attività, regola varie sostanze e supervisiona molti altri aspetti del benessere. Pertanto, una tiroide malfunzionante si traduce spesso in una cascata di sintomi che possono comparire quasi ovunque nel corpo. La profonda interconnettività del corpo fa sì che le aree direttamente interessate dalla scarsa funzionalità tiroidea possano riverberarsi e danneggiare altre aree apparentemente non correlate. L'ipotiroidismo è una delle forme più comuni di malattia della tiroide che, come altre condizioni della tiroide, può causare un'interruzione sistemica. Comprendere la disfunzione tiroidea e il suo impatto significativo su quasi tutti i sistemi del corpo può portare a una migliore diagnosi, trattamento e benessere.


Cos'è l'ipotiroidismo?


La tiroide è responsabile della produzione e della regolazione degli ormoni che influenzano i sistemi in tutto il corpo. La malattia della tiroide colpisce milioni di italiani, la maggior parte ipotiroidei. Quando la tiroide non è in grado di produrre l'ormone tiroideo necessario per mantenere una corretta funzionalità, è considerata ipotiroidea. Tipicamente, l'ipotiroidismo provoca un rallentamento delle funzioni corporee. L'impatto dell'ipotiroidismo è diffuso e può essere visto in tutto il corpo. Le seguenti aree sono particolarmente colpite dall'ipotiroidismo. Tuttavia, gli effetti negativi della disfunzione tiroidea non si limitano solo a queste regioni.


Regolamento della glicemia


Il pancreas e la tiroide sono strettamente correlati e hanno un'influenza significativa l'uno sull'altro. Livelli ridotti dell' ormone tiroideo possono limitare l'azione pancreatica con conseguente scarso assorbimento del glucosio nell'intestino, rottura dell'insulina e interazione glucosio-insulina. Questi elementi possono causare una carenza di glucosio, diminuendo infine l'energia cellulare con conseguente affaticamento fisico e mentale.


Salute delle ossa


Quelli con bassi livelli dell' ormone tiroideo hanno in genere una densità ossea più elevata che può causare irregolarità nel collagene, nel turnover osseo, nella dimensione dei cristalli minerali e nella struttura dell'osso stesso. Il risultato è un aumento del rischio di frattura, anche se l'osso ha una densità maggiore. I bambini con bassi livelli di ormone tiroideo possono manifestare un'inibizione della crescita ossea, che può influire sullo sviluppo fisico del bambino.


Cervello e umore


Gli ormoni tiroidei sono importanti per la crescita del cervello e la ritenzione dei tessuti. Più avanti nella vita l'ipotiroidismo può contribuire alla riduzione delle dimensioni del cervello e ai disturbi dell'umore.

Uno studio del 2012 pubblicato sul Journal of Thyroid Research afferma che quelli con una condizione tiroidea hanno maggiori probabilità di sviluppare depressione o soffrire di stati depressivi rispetto a quelli con normali livelli di ormoni tiroidi. Uno dei sintomi più comuni dell'ipotiroidismo è la nebbia cerebrale o la difficoltà a pensare chiaramente. In genere la causa è l'infiammazione e l'indebolimento della barriera emato-encefalica a causa della limitata disponibilità degli ormoni tiroidei.


Salute cardiovascolare


La funzione arteriosa è significativamente influenzata dall'attività dell'ormone tiroideo. Gli studi hanno trovato un'associazione tra bassi livelli di T3 e malattie cardiovascolari. L'ipotiroidismo può contribuire a ridurre la pressione sanguigna e una frequenza cardiaca più lenta. Ciò aumenta il rischio di accumulo di placca, indurimento delle arterie, infarto o ictus. Un cuore indebolito a causa della scarsa prevalenza di ormoni della tiroide limita la quantità di ossigeno trasportata in tutto il corpo. Ciò può rendere difficile la respirazione, soprattutto durante l'esercizio. Inoltre, il conseguente calo del flusso sanguigno può causare il raffreddamento delle estremità, contribuire alla caduta dei capelli e alla crescita fungina delle unghie.


Equilibrio e utilizzo del colesterolo


Il colesterolo è un componente necessario della costruzione degli ormoni, compresa la costruzione degli ormoni tiroidei. Una mancanza di ormoni tiroidei può ridurre la disgregazione del grasso riducendo anche i recettori LDL. Gli stati ipotiroidei possono ritardare l'uso del colesterolo e limitare la rimozione del colesterolo in eccesso. Questa diminuzione dell'efficienza si traduce in un aumento dei livelli di trigliceridi e LDL o colesterolo "cattivo".


Digestione e benessere intestinale


Gli ormoni tiroidei facilitano lo scambio di informazioni tra il cervello e l'intestino. La ridotta funzione tiroidea può limitare questa comunicazione, che può causare problemi come stitichezza, malassorbimento e disbiosi o uno squilibrio dei batteri benefici. La disbiosi è spesso coinvolta nello sviluppo di lieviti o crescita eccessiva di funghi. Un deficit dell' ormone tiroideo può limitare l'azione muscolare e nervosa che facilita il movimento nell'esofago, rallentando la digestione. Inoltre, bassi livelli di ormoni tiroidei sono associati a ridotti livelli di gastrina. Bassi livelli di gastrina possono causare bruciore di stomaco, ulcere, reflusso, gonfiore e infiammazione.


Funzione epatica


Il fegato è un fattore importante per quanto riguarda la conversione da T4 a T3. Pertanto, la malattia del fegato può influenzare negativamente i livelli dell' ormone tiroideo attivo. È interessante notare che la tiroide influenza la funzione epatica e la sua capacità di rimuovere efficacemente le sostanze nocive. Un deficit tiroideo può inibire l'attività epatica, che influisce negativamente sulla conversione dell'ormone tiroideo, peggiorando gli stati ipotiroidei.


Metabolismo ed energia


Gli ormoni tiroidei sono fondamentali per la funzione e la regolazione metaboliche. Una cattiva funzione tiroidea significa una riduzione dell'attività metabolica, che contribuisce all'aumento di peso, incapacità di perdere peso e affaticamento. L'ipotiroidismo inibisce anche la capacità del corpo di utilizzare gli acidi grassi, il che significa che il grasso non può essere efficacemente scomposto e disperso come combustibile per altre cellule.


Sistema riproduttivo


Le donne che soffrono di ipotiroidismo spesso soffrono di irregolarità mestruali, inclusi periodi leggeri, pesanti o mancanti. Livelli di tiroide inadeguati possono portare a infertilità e aborto spontaneo. Secondo l' American Thyroid Association , le donne hanno cinque volte più probabilità di sviluppare ipotiroidismo. Pertanto, le donne che desiderano una gravidanza dovrebbero monitorare la loro funzione tiroidea prima e durante la gravidanza.


Salute della pelle e dei capelli


Una lamentela comune dei pazienti ipotiroidei è l'incapacità di tollerare temperature più fredde, che può portare allo sviluppo di pelle secca e cerosa. Altri cambiamenti come unghie increspate o divise, gonfiore e pelle pallida o ingiallita possono verificarsi nei casi più avanzati di squilibrio tiroideo. I pazienti ipotiroidei possono manifestare una maggiore ruvidità, secchezza e perdita di capelli sul cuoio capelluto, sulle sopracciglia e sul corpo.


Leggere i segni dell'ipotiroidismo


Poiché l'ipotiroidismo può causare disfunzioni in tutto il corpo, l'ampia gamma di sintomi che si sviluppano può fuorviare pazienti e medici rendendo difficile la diagnosi (senza considerare l'incapacità medica, visto che tutt'oggi, per verificare la salute della tiroide, molti medici prescrivono solo il TSH, invece di fare gli esami completi). I sintomi individuali e l'intensità con cui si manifestano sono diversi per ogni paziente. Pertanto, è importante essere consapevoli delle molte aree interessate dalla tiroide per identificare correttamente il problema. Con una migliore comprensione di come la tiroide influenza i vari sistemi e quali aree di disfunzione possono indicare uno squilibrio tiroideo, è possibile riconoscere meglio la disfunzione tiroidea e successivamente cercare un trattamento adeguato.


Per saperne di più sugli esami da fare e calcolare i valori ottimali delle analisi del sangue della tiroide, leggi il mio Ebook gratuito. Scaricalo qui: https://www.patriziacoffaro.it/tiroide





Risorse

  • Lakatos P. “Thyroid hormones: beneficial or deleterious for bone?” Calcif Tissue Int. 2003. Sep;73(3):205-9.

  • Muller MJ, Burger AC, Ferrannini E, et al. “Glucoregulatory function of thyroid hormones; role of pancreatic hormones.” Am J Physio. 1989;256:E101-E110.

  • Calza L, et al. “Thyroid hormone-induced plasticity in the adult rat brain.” Brain Res Bull. 1997;44(4):549-57.

  • Flavin RSL, et al. “Regulation of microglial development: a novel role for thyroid hormones.” The Journal of Neuroscience. 2001;21(6):2028-2038.

  • Oge A, Sozmen E, Karaoglue AO. “Effect of thyroid function on LDL oxidation in hypothyroidsim and hyperthyroidism.” Endocr Res 2004; 30:481-489.

  • Laukkarinen J, Kiudelis G, Lempinen M, Raty S, Pelli H, Sand J, Kemppainen E, Haglund C, Nordback I. “Increased prevalence of subclinical hypothyroidism in common bile duct stone patients.” J Clin Endocrinol Metab. 2007 Nov;92(11):4260-4.

  • Inkinen J, Sand J, Nordback I. “Association between common bile duct stones and treated hypothyroidism.” Hepatogastroenterology. 2000 Jul-Aug:47(34):919-21.

  • Napoli R, Guarasole V, Angelini V, et al. “Acute effects of triiodothyronine on endothethial function in human subjects.” J Clin Endocrinol Metabl. 2007;92(1):250-4.

  • Taddei S, Caraccio N, Virdis A, et al. “Impaired endothelium-dependent vasodilation in subclinical hypothyroidism: beneficial effect of levothyroxine therapy.” J Clin Endocrinal Metab. 2003:88(8):2731-7.

  • Pustorino S., Foti M., Calipari G., Pusterino E., Ferrero R., Guerrisi O., Germanotta G. “Thyroid-intestinal motility interactions summary.” Minerva Gastroenterol Dietol. 2004 Dec;50(4):305-15.


 

Hai una malattia autoimmune? Hai sviluppato più sensibilità alimentari? scopri il mio Training Informativo RECODE 21 Clicca qui


564 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page