top of page
Cerca

Hashimoto: evitare il consumo di crucifere è sbagliato



Per quelli di noi con l'ipotiroidismo di Hashimoto e non-autoimmuni, i composti "goitrogenici" hanno reso l'aggiunta di questi alimenti alle nostre diete, complicate e confuse, in particolare dato l'assalto di avvertimenti sui gozzogeni che potresti sentire o leggere da persone/medici che non sono rimaste al passo con la scienza. Cosa sono i goitrogeni? I Goitrogeni sono composti presenti in natura in molti cibi interi, a vari livelli. Alcune ricerche sugli animali hanno suggerito che potrebbero sopprimere la funzione tiroidea interferendo con l'assorbimento di iodio, in sostanza rallentando l'assorbimento di iodio da parte della tiroide. Questo, a sua volta, potrebbe causare un gozzo. Un gozzo è un ingrandimento della tiroide. A molti di noi è stato detto che i goitrogeni possono inibire la produzione dell'ormone tiroideo. Per quelli di noi che hanno problemi a produrre l'ormone tiroideo, non vorranno certamente nulla che ostacoli la funzione della tiroide, vero? Ma i cibi gozzogeni sono stati ingiustamente diffamati ed è ora di mettere le cose in chiaro. Nel descrivere i composti gozzigeni nei dettagli scientifici, The World's Healthiest Foods scrive: "Negli ultimi 50 anni ... i ricercatori [di composti gozzigeni] hanno determinato che non ci sono sostanze" negative "nel cibo, ma solo nutrienti che supportano la salute che non sono una buona corrispondenza per alcuni individui a causa della loro unica storia di salute e stato di salute. Cinque decenni di ricerca hanno determinato che alcuni nutrienti - come la tirosina, lo iodio e il selenio - svolgono un ruolo unico nella salute della tiroide. Ciò che è emerso da questo lavoro scientifico sulla dieta e la salute, è un passaggio da un focus su cibi "negativi" che potrebbero essere "cattivi" per la tiroide a una nuova attenzione alla necessità di creare una giusta corrispondenza tra la dieta di ciascuna persona e i nutrienti necessari per la tiroide per la sua funzione ottimale. " Verdure crocifere e alimenti a base di soia hanno generalmente i più alti livelli di cosiddetti composti "goitrogenici".

Informazioni contrastanti A causa della loro potenziale influenza sull'assorbimento di iodio, quelli di noi con ipotiroidismo possono essere inclini ad evitare gli alimenti sopra elencati, ma sarebbe un grosso errore. Molti leader nella comunità della medicina funzionale ( i veri leader, non quelli del copia incolla) avvertono di non gettare il bambino con l'acqua sporca. In altre parole, questi alimenti contengono troppi nutrienti benefici e sono di gran lunga troppo benefici per il sistema immunitario (cioè benefico per quelli con Hashimoto) per eliminarli dalle nostre diete (l'eccezione principale è la soia, che discuteremo di seguito). La prova che tali composti goitrogenici pongono un rischio significativo per la funzione tiroidea è fortemente sospetta. Il Dr. Datis Kharrazian, mio professore di innumerevoli corsi, afferma: "Qualsiasi praticante che dia alla gente elenchi di questi cibi e gli dica di non mangiarli è obsoleto." Il Dr. Joel Fuhrman ha chiarito la ricerca in un recente post sul blog: "Le preoccupazioni sui potenziali effetti delle verdure crocifere sulla funzione tiroidea sono sorte da studi su animali, seguiti da risultati che suggeriscono che determinati prodotti di degradazione dei glucosinolati potrebbero interferire con la sintesi dell'ormone tiroideo o competere con lo iodio per l'assorbimento da parte della tiroide.Tuttavia, questo è solo un problema ipotetico. Il consenso scientifico è che le verdure crocifere potrebbero essere solo dannose per la funzione tiroidea in caso di carenza di iodio o insufficiente apporto di iodio. ” Inoltre, secondo il Dr. Fuhrman (e questo è un grosso problema): "Nessuno studio umano ha dimostrato una carenza nella funzionalità tiroidea dal consumare verdure crocifere". Il Dr. Alan Christianson, un naturopata con sede a Phoenix, AZ specializzato in disturbi della tiroide, è d'accordo. Egli sostiene che se l'ipotiroidismo di un individuo NON è causato da carenza di iodio (che è il caso per circa il 95% dei pazienti affetti da ipotiroidismo - non c'è motivo di preoccuparsi del potenziale assorbimento più lento di iodio). Chris Kresser, agopuntore e praticante medicina integrativa, riferisce che nei paesi in cui l'iodio è stato aggiunto al sale da tavola, l'incidenza di malattie autoimmuni della tiroide è aumentata: “perchè aumentare l'assunzione di iodio, in particolare in forma di supplemento, aumenta l'attacco autoimmune su la tiroide". "Se questo è vero, l'inibizione moderata dell'assorbimento di iodio può effettivamente rivelarsi benefica per i pazienti con Hashimoto. Inoltre, se esiste un potenziale rischio per la funzione tiroidea consumando verdure crocifere contenenti composti gozzigeni, può essere superato dai benefici che possono offrire gli stessi vegetali. Ad esempio, molti cibi contenenti goitrogeni aiutano il corpo a produrre glutatione, un potente antiossidante ("il principale antiossidante") che è uno dei pilastri del combattimento Hashimoto, poiché modula e regola il sistema immunitario, attenua le riacutizzazioni autoimmuni e protegge e guarisce il tessuto tiroideo. E disintossica il fegato per l'avvio. Le verdure crocifere aiutano anche a proteggere contro il cancro della tiroide.

Come proteggere la tiroide Quindi, dove ci lasciano tutte queste informazioni?

Il Dr. Fuhrman riassume: "La paura (che circola su internet da alcuni autori) di mangiare verdure crocifere o che quelli con ipotiroidismo che dovrebbero ridurre o evitare il consumo di verdure crocifere è infondata e fa un cattivo servizio alla comunità. Sia che tu abbia una normale funzione tiroidea o ipotiroidismo, non c'è alcun vantaggio per te nell' evitare o limitare l'assunzione di verdure crocifere ". Molti degli alimenti contenenti composti goitrogenici sono semplicemente troppo benefici per il nostro sistema digestivo, scheletrico, cardiovascolare e immunitario, per eliminarli dalla nostra dieta. Questi cibi possono e dovrebbero avere il loro posto nei nostri piatti. Ma se sei uno del 5% che ha ipotiroidismo non autoimmune (a causa della carenza di iodio, NON di Hashimoto), è bene chiarire alcune cose. In primo luogo, la cottura inattiva la maggior parte dei composti gozzigeni. In altre parole, qualsiasi potenziale danno alla tiroide esiste solo quando i cibi sono consumati crudi. Quindi, arrostire, cuocere a vapore, saltare in padella o sbollentare questi cibi ti toglierà ulteriormente la paura del mangiarli. Se ami aggiungere verdure fresche ai tuoi frullati mattutini, prova a scottare le verdure crucifere e poi a congelarli in porzioni monoporzione, come in una vaschetta del ghiaccio. Saranno facili da aggiungere al frullatore come frutto congelato. Ricorda che per gli alimenti a base di soia, non sono l'unica preoccupazione per la salute. La soia può avere un effetto estrogenico nel corpo, e ancora, molti di noi con problemi alla tiroide scoprono che siamo inclini alla dominanza estrogenica. Quindi, come consigliato in precedenza, scegliere i cibi fermentati di soia e mangiarli solo occasionalmente. In secondo luogo, per quegli alimenti che sono meglio consumati crudi, come con la maggior parte delle cose nella vita, la moderazione è la chiave. Oramai chi mi conosce sa a memoria il mio motto : "la dose fa il veleno". Come descrive il Dr. Fuhrman , "Una persona dovrebbe consumare una quantità folle di verdure crocifere crude per avere un effetto negativo sulla funzione tiroidea." Quindi, durante la primavera e l'estate, quando vuoi goderti la generosità delle insalate di rucola, di cavolo e le grandi ciotole di fragole fresche, sappi che alcune porzioni di una settimana di questi alimenti non sono in grado di provocare danni alla tua tiroide. Goditi la varietà di prodotti che la stagione ha da offrire, ruotando ciò che hai scelto in modo da non mangiare troppo della stessa cosa. (Questo è un buon consiglio per tutti, indipendentemente dal fatto che tu abbia problemi alla tiroide. Una componente fondamentale di una dieta sana e olistica è la moderazione e la varietà, quando possibile. E ' il modo migliore per assicurarci di ottenere le giuste quantità di tutto ciò che i nostri corpi hanno bisogno.)

Quindi, mentre vai al mercato, non temere le crocifere. Basta usare il buon senso e la cottura Alla tua tiroide non importa, e il resto del tuo corpo ti ringrazierà.


920 visualizzazioni0 commenti

Комментарии


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page