top of page
Cerca

Hashimoto, DNA, vitamine e minerali



La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla nella parte inferiore del collo, responsabile della crescita e dello sviluppo, della temperatura corporea, della frequenza cardiaca, dei cicli mestruali e del peso. L'ipotiroidismo è quando la tiroide non produce abbastanza ormone tiroideo, che può influenzare una vasta gamma di funzioni fisiologiche. I sintomi più comuni includono estremità fredde, cattiva digestione (l'assorbimento di vitamina B12 e calcio diminuisce a causa della bassa acidità di stomaco), aumento di peso, costipazione, LDL elevato, scarsa concentrazione, sonno eccessivo, depressione, basso desiderio sessuale e/o infertilità e affaticamento.

La tiroidite di Hashimoto, nota anche come malattia di Hashimoto, è una malattia autoimmune e una forma di infiammazione cronica che può danneggiare la tiroide, riducendo la sua capacità di produrre ormoni. Hashimoto è la principale causa di ipotiroidismo e si verifica nell'1-2% della popolazione, principalmente nelle donne (più alta nei bianchi), e di solito compare nella metà dell'età adulta, ma può comunque verificarsi in qualsiasi momento nella vita.

La malattia di Hashimoto è genetica?

Anche se c'è ancora qualche mistero riguardo a tutte le cause della malattia di Hashimoto, sembra esserci una componente sia genetica che epigenetica. I ricercatori hanno ipotizzato che ci siano dozzine o centinaia di fattori diversi che influenzano il rischio di ogni singolo caso . Questi fattori potrebbero differire da individuo a individuo.

È stato riscontrato che quanto segue contribuisce al rischio di malattia di Hashimoto e di ipotiroidismo:

  • La malattia di Hashimoto è familiare (il 70% -80% della suscettibilità alla malattia tiroidea autoimmune si basa sulla genetica, ma le combinazioni geniche e le cause sono complesse)

  • Carenze nutritive (selenio, zinco, iodio, vitamine del gruppo B, vitamina A e vitamina D, vitamina C e magnesio)

  • Trigger virale o batterico (virus Epstein barr, streptococchi, Klebsiella, Mycoplasma)

  • Ormoni (il picco di incidenza di Hashimoto si verifica in età riproduttiva, rendendo gli estrogeni un fattore scatenante)

  • Scarsi batteri intestinali buoni e permeabilità intestinale (che influisce sul sistema immunitario e sull'assorbimento dei nutrienti)

  • Stress psicologico, stress ossidativo e infiammazione

  • Farmaci (litio ad alte dosi, amiodarone, interferone a, interleuchina 2, campath-1h e terapia antiretrovirale altamente attiva)

  • Tossine in casa che colpiscono la tiroide, prodotti per la cura personale o sul posto di lavoro

Come accennato in precedenza, numerosi studi genetici sono stati condotti su Hashimoto senza uno schema chiaro e sembrano avvolti nel mistero. Tipicamente, questi sono polimorfismi nei geni che svolgono un ruolo importante nell'attivazione e nella soppressione dei linfociti (globuli bianchi). Tuttavia, è possibile che questo approccio sia troppo limitato per un disturbo che è multiforme e può richiedere la triangolazione di centinaia di variabili, inclusi i geni legati alla funzione nutrigenomica.

Nutrigenomica e Hashimoto

Vitamina A

Le varianti in BCMO1 riducono la capacità di convertire il beta-carotene in vitamina A, aumentando la necessità di vitamina A di origine animale. Le carenze di vitamina A nella tiroidite autoimmune possono essere associate a un ridotto assorbimento di iodio da parte della ghiandola tiroidea e una sintesi e secrezione limitate di ormoni tiroidei.

È stato dimostrato che una dieta con un contenuto ridotto di vitamina A e iodio può contribuire ad un aumento del rischio di ipotiroidismo. Uno studio ha rilevato una forte correlazione tra le dimensioni della tiroide e la gravità della carenza di vitamina A. Studi condotti sui bambini hanno dimostrato che una grave carenza di iodio e vitamina A aumenta la secrezione di TSH e ingrandisce la tiroide.

È stata trovata una forte correlazione tra le dimensioni della tiroide e la gravità della carenza di vitamina A. In uno studio di 4 mesi, randomizzato, in doppio cieco , ottantaquattro donne in pre-menopausa integrate con vitamina A, i risultati hanno mostrato una significativa riduzione dei livelli sierici di TSH e possono, quindi, ridurre il rischio di ipotiroidismo subclinico.

Fonti di vitamina A (retinolo): uova, fegato, olio di fegato di merluzzo, olio di salmone selvatico, anguilla e burro da animale nutrito con erba

Vitamina D

È stato dimostrato che le varianti del gene CYP2R1 causano livelli di vitamina D inferiori al basale. La vitamina D influenza le cellule immunitarie e una carenza può influenzare il sistema immunitario ed è considerata un fattore ambientale nello sviluppo di Hashimoto.

Uno studio ha rilevato che la prevalenza della carenza di vitamina D era significativamente più alta nei pazienti con malattia tiroidea autoimmune (72%) rispetto ai pazienti sani (30,6%), un aumento dei valori di TSH e una correlazione inversa con carenza di vitamina D e anti-TPO anticorpi. Un altro studio ha scoperto che l'integrazione di vitamina D per 4 mesi ha ridotto gli anticorpi anti-TPO del 20,3%. Sono necessarie ulteriori ricerche per replicare questi risultati.

Fonti di vitamina D: olio di fegato di merluzzo, fegato, salmone selvatico, aringa selvatica, uovadi galline allevate libere e lardo da animali allevati al pascolo

Zinco/Selenio

Il gene Tp53 è un gene soppressore del tumore responsabile della riparazione del DNA. Le varianti del gene Tp53 si trovano in quelli provenienti da latitudini più elevate come il nord Europa ed è collegato a un compromesso tra una maggiore fertilità nei climi freddi, ma una minore riparazione del DNA. Lo zinco e il selenio aiutano entrambi a stabilizzare la funzione del gene Tp53. È stato riscontrato che la carenza di zinco aumenta il rischio di infezione e la permeabilità intestinale, che sono due fattori di rischio della malattia di Hashimoto.

Secondo alcuni documenti, la malattia di Hashimoto è molto più alta nei bianchi rispetto ad altre etnie. I ricercatori non sono stati in grado di spiegare questa netta differenza.

Un indizio potrebbe essere il gene Tp53. Secondo uno studio su una popolazione caucasica, esiste un collegamento al gene Tp53 rs1042522 e alla malattia di Hashimoto. I ricercatori hanno scoperto che nei pazienti di Hashimoto, solo l'11,4% aveva il genotipo GG, il 24,0% aveva il genotipo CG eterozigote e il 64,6% aveva il genotipo CC omozigote (CC è il più alto nei climi settentrionali). *

Lo stress ossidativo e l'infiammazione giocano un ruolo fondamentale nella patogenesi della malattia di Hashimoto. Uno studio che ha esaminato i pazienti nell'Iran nordoccidentale ha scoperto che la capacità antiossidante nei pazienti di Hashimoto era inferiore rispetto ai controlli sani. C'era anche un'associazione significativa con varianti in GPX1 rs1050450, livelli elevati di anti-TPO (gli anticorpi TPO nel sangue suggeriscono che la causa della malattia della tiroide è una malattia autoimmune) e il rischio di Hashimoto.



La tiroide è l'organo con la più alta quantità di selenio per grammo di tessuto. La ricerca ha suggerito che l'integrazione di selenio dei pazienti con malattia di Hashimoto è associata a una riduzione dei livelli di anti-TPO, a migliori caratteristiche ecografiche della tiroide e a una migliore qualità della vita.

Il gene DI01 è collegato ai livelli T3 e T4, ma non è collegato ai livelli di TSH o agli anticorpi anti-TPO. Il gene DI02 è collegato all'ipotiroidismo che influenza la chimica del cervello.

Per il gene DI01 rs2235544, numerosi studi hanno confermato che il genotipo CC ha T4 più basso e il genotipo AA ha livelli T4 più alti. Questo modello suggerisce che l'allele C conferisce una migliore funzione di DI01 e comporterebbe una maggiore conversione di T4 libero in T3 e invertire T3 in T2. Il genotipo CC e AC dovrebbe avere una funzione normale mentre il genotipo AA può essere più incline a T4 elevato.

Nel primo studio di coorte di nascita che ha esaminato DI01 e organo clorurati, i ricercatori hanno scoperto che le donne incinte con una maggiore esposizione a pesticidi organo clorurati e PCB con genotipo AA avevano una maggiore diminuzione dei livelli di T3. L'ipotesi è che il genotipo AA sia più suscettibile alle sostanze chimiche a base di cloro che bloccano l'enzima DI01 dalla conversione di T4 in T3.

Sia il selenio che lo zinco hanno come obiettivo DI01 la conversione di T4 in T3.

* Mentre lo iodio svolge un ruolo fondamentale nella funzione tiroidea, quelli con malattia di Hashimoto potrebbero dover fare attenzione con il dosaggio giornaliero di iodio e deve essere bilanciato con il selenio. Si prega di parlare con il proprio medico in merito all'assunzione di iodio e alla salute della tiroide.

Fonti di zinco: manzo, agnello, crostacei, fegato e semi di zucca germogliati Fonti di selenio: frutti di mare, uova al pascolo, funghi crimini, pane a lievitazione naturale e birra non filtrata

Estrogeni (MAO, COMT, CYP1A1, CYP1A2, CYP1B1 e SHBG)

Lo iodio modula i livelli degli estrogeni e una dose non ottimale può influenzare più geni nella sezione della serotonina, dopamina e disintossicazione insieme alla tiroide. Livelli ottimali di iodio e vitamina D aiutano a modulare la via degli estrogeni, che può essere una connessione ormonale alla comparsa di Hashimoto se sia lo iodio che la vitamina D sono carenti. Ciò potrebbe essere particolarmente vero se lo stato di esaurimento si verifica con gravidanze multiple.

Vitamina B1

La tiamina (B1) è una delle vitamine B prodotte dai bifidobatteri e le varianti in FUT2 possono aumentare la necessità di prebiotici per incoraggiare la crescita dei bifidobatteri. Se hai problemi intestinali come la permeabilità intestinale sono facilmente dovuti da anni di antibiotici o altre cause, possono essere presenti sensibilità alimentari tra cui glutine, latticini o uova.

Il sintomo principale della stanchezza cronica in Hashimoto può essere dovuto a bassi livelli di vitamina B1. Bassi livelli di acido cloridrico sono spesso osservati nei pazienti con malattia di Hashimoto. B1 partecipa alla conversione dei carboidrati in energia, all'assimilazione di proteine ​​e grassi e al rilascio di acido cloridrico nello stomaco.

Un piccolo studio ha rilevato che le donne con Hashimoto trattate con una dose orale o iniezioni di tiamina hanno dimostrato che il trattamento con vitamina B1 può portare a una regressione parziale o completa della fatica.

Fonti di vitamina B1: maiale, tonno, salmone, semi di girasole, riso integrale e piselli

Vitamina B2

È stato dimostrato che la carenza di riboflavina (B2) interrompe la funzione tiroidea. La riboflavina aiuta a stabilizzare la funzione del gene MTHFR 677 e l'ipotiroidismo ha dimostrato di diminuire la funzione del gene MTHFR. Poiché le varianti in MTHFR 677 possono richiedere più B2, questo può essere un collegamento rilevante per aiutare a stabilizzare la funzione tiroidea. La riboflavina aiuta a convertire il triptofano in niacina, che attiva la vitamina B6. La B6 aiuta a convertire lo iodio in ormone tiroideo. Ora, riesci a capire come le vitamine e minerali lavorino in sinergia?

Fonti di vitamina B2: fegato, agnello, pesce, yogurt e funghi

Vitamina B6

Gli omozigoti hanno una concentrazione ematica di vitamina B6 inferiore di circa 2,90 ng/mL rispetto al genotipo wild-type, mentre gli eterozigoti hanno una concentrazione ematica di vitamina B6 inferiore di 1,45 ng mL rispetto al genotipo wild-type. I dati suggeriscono che le donne che assumono i contraccettivi orali hanno livelli plasmatici di B6 estremamente bassi, aggravando questo effetto e i fattori di rischio associati a uno stato di B6 basso.

La vitamina B6 contribuisce alla conversione dello iodio nell'ormone tiroideo e bassi livelli possono peggiorare significativamente l'ipotiroidismo.

Fonti di vitamina B6: salmone selvatico, merluzzo selvatico, pistacchi, avocado, patate rosse, radice di taro, patate dolci, spinaci, cavolfiore e bevande fermentate non filtrate

Vitamina B12

In uno studio su 115 pazienti con tiroidite autoimmune, i ricercatori hanno riscontrato un livello ridotto di vitamina B12 nel 28% dei pazienti. Altri scienziati notano anche una correlazione significativa tra tiroidite autoimmune e carenza di vitamina B12. Sebbene non vi fosse alcuna correlazione con la B12 e gli anticorpi anti-TPO, i soggetti in uno studio hanno scoperto che l'88% ha dichiarato un umore migliore e una riduzione dell'affaticamento a seguito dell'assunzione di B12.

Poiché l'acido cloridrico è necessario per metabolizzare correttamente la B12, la B1 potrebbe essere il primo punto in cui iniziare per aumentare l'assorbimento della B12 insieme all'assunzione di prebiotici soprattutto con varianti del gene FUT2. Se l'anemia perniciosa e la malattia di Hashimoto si verificano contemporaneamente, è necessario affrontare il fattore intrinseco.

Fonti di vitamina B12: uova di galline allevate libere, carne nutrita con erba e pesce selvatico

Vitamina C

Il gene SLC23A1 codifica per il trasportatore della vitamina C sodio-dipendente coinvolto nel mantenimento dell'omeostasi della vitamina C in tutto il corpo. Le varianti di questo gene sono state collegate a bassi livelli di vitamina C al basale.

La vitamina C aiuta a prevenire l'eccessivo stress ossidativo, può aumentare l'assorbimento della levotiroxina orale (farmaco per la tiroide) ed è stato scoperto che inibisce la crescita del cancro alla tiroide.

Fonti di vitamina C: tutti gli agrumi, le bacche, i broccoli e i peperoni appena raccolti

Magnesio

Il magnesio è un cofattore per la funzione del gene COMT, responsabile del metabolismo della dopamina, dell'adrenalina e degli estrogeni. Le varianti in COMT possono aumentare la necessità di magnesio, soprattutto per chi soffre di stress cronico. La vitamina C aiuta anche a modulare i livelli di dopamina. Lo stress cronico è un fattore di rischio per la disfunzione tiroidea.

Uno studio austriaco ha scoperto che un basso livello di magnesio nel siero era associato a una funzione tiroidea anormale, che è stata migliorata dopo una terapia supplementare con magnesio. Un altro studio ha rilevato che il tasso di positività degli anticorpi anti-TPO nel gruppo con il livello di magnesio sierico più basso era del 29,7%, che era significativamente più alto dei tassi negli altri gruppi.

Fonti di magnesio : spinaci, bietole, semi di canapa, acqua minerale Gerolsteiner, pesce, noci e semi germogliati.

SOMMARIO

Sebbene possano esserci numerosi contributi genetici ed epigenetici a ogni singolo caso di malattia e ipotiroidismo di Hashimoto, la analisi del DNA potrebbero fornire un modello nutrizionale per affrontare potenziali carenze per aiutare a supportare una sana funzione tiroidea, la regolazione degli estrogeni e il controllo dell'infiammazione. Questi includono vitamina A, vitamina D, iodio, selenio, B1, B2, B6, B12, zinco, magnesio e vitamina C. La revisione dei geni associati a questi cofattori nutrizionali può aiutarti a identificare le tue esigenze più elevate e potenzialmente aiutarti a fare passi da gigante nel tuo viaggio verso la salute.






AUTOIMMUNITA' E RECODE 21: Vorrei invitarti a iscriverti al nuovo Training Informativo "Recode 21". Che tu soffra di più sensibilità alimentari, sensibilità chimiche o malattie autoimmuni, ti mostrerò esattamente come ripristinare la tolleranza al tuo sistema immunitario. Come saprai, io stessa ho sofferto di malattia autoimmune, di sensibilità alimentari e chimiche. Ero arrivata ad un punto che la mia vita era soggetta a molte restrizioni, oltre a sintomi debilitanti. Tutto ciò ne risentì sia il lavoro che la mia vita sociale.

Questo metodo del Training Informativo ha aiutato tantissime persone a calmare il loro sistema immunitario iperattivo e a migliorare notevolmente la loro qualità di vita complessiva. Il ripristino della tolleranza orale si ottiene affrontando gli squilibri del sistema immunitario attraverso la dieta, lo stile di vita e l'integrazione.

Per assicurarti che sia facile da seguire, ho fornito deliziose guide di ricette, cartelle di lavoro e una comunità online e il gruppo Facebook dedicato Recode 21 per supportarti durante il programma. Seguendo le raccomandazioni del Training Informativo, in breve tempo noterai che le tue reazioni alle proteine ​​alimentari e alle sostanze chimiche miglioreranno notevolmente.

Ho preso la letteratura scientifica più attuale sulla tolleranza immunitaria, ho fatto corsi sulla tolleranza orale e immunitaria e ho realizzato un Training Informativo che ho vagliato su me stessa e sulle persone a me care e molti professionisti sanitari si stanno avvicinando a questo programma.


Guarda l'anteprima del Training informativo RECODE 21: CLICCA QUI

Per informazioni scrivere a: info@patriziacoffaro.it


Rimani aggiornato, segui la mia pagina Facebook: Patrizia coffaro - Naturopata

1.257 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page