top of page
Cerca

Tiroide: quali minerali assumere?


Da sempre sappiamo che la nutrizione gioca un ruolo importante per la salute della tiroide e per il tuo intero benessere. Ma forse non sai che tutto ciò che mangi può contribuire al funzionamento della tiroide o interromperlo.


Idealmente, dovresti consumare una dieta ben bilanciata ricca di vitamine, minerali e altri importanti nutrienti. Ma con i terreni poveri di nutrienti, anche la frutta e verdura ne risente, un tempo bastava una mela per avere un carico di vitamine e minerali, oggi dobbiamo mangiare 3 mele per avere i soliti risultati di un tempo.


Gli integratori possono essere utili se assunti nella giusta dose e durante il giusto momento della giornata ma possono anche interrompere le funzioni reciproche o influire sui farmaci. È importante tenerlo presente quando si pianifica l'integratore quotidiano e l'assunzione di farmaci.


Scrissi un ebook gratuito proprio sulla sinergia e l'antagonismo delle vitamine e dei minerali, lo puoi scaricare gratuitamente QUI nella Home del mio sito web.


Inoltre, uno dei miei articoli precedenti si è concentrato sulle vitamine che supportano la salute della tiroide e questo articolo fornisce una carrellata di minerali per lo stesso scopo.


Tempi di assunzione degli integratori


Il corretto dosaggio dei tuoi integratori è importante, ma non è l'unica cosa da ricordare. La tempistica della tua dose ha lo stesso impatto sui benefici che otterrai da un integratore.

Perché? L'orologio interno del tuo corpo fa sì che la maggior parte dei processi metabolici e molecolari avvenga in un momento specifico della tua giornata. È così ogni giorno, non importa se sei sveglio o addormentato. Questo è un processo altamente sincronizzato e interromperlo può e avrà conseguenze su tutto il corpo.


Cambiare il ritmo circadiano viaggiando attraverso i fusi orari o facendo il lavoro a turni può avere un impatto significativo sul funzionamento del sistema immunitario e può causare un aumento dell'infiammazione. Non solo il ritmo circadiano interrotto può cambiare il sistema immunitario, ma se c'è un'infiammazione in corso nel corpo, può cambiare il ritmo circadiano.


Potresti non sapere il momento migliore per assumere gli integratori fino a quando non provi diversi momenti della giornata. Se c'è uno schema per le tue riacutizzazioni, potrebbe essere meglio assumere integratori un paio d'ore prima di aspettarti le riacutizzazioni o immediatamente dopo averle percepite. Modificando i tempi di assunzione degli integratori e quindi attenendosi al tempo specifico per un paio di settimane, potresti scoprire un nuovo modello di salute.


Minerali benefici per la tiroide


Rame

Il rame è il terzo minerale più diffuso in un corpo umano, ma non può essere prodotto dal corpo stesso e bisogna ottenerlo attraverso la dieta. Poiché il rame è essenziale per un'adeguata funzione tiroidea, la carenza di questo minerale può influire sulla salute di questa ghiandola.


Il rame è importante perché funziona con altri minerali come potassio, zinco e calcio che sono vitali per un'attività tiroidea equilibrata per prevenire l'ipo o l'ipertiroidismo.

Infatti, le prove dimostrano che gli individui ipotiroidei hanno bassi livelli di rame mentre le persone con ipertiroidismo hanno livelli anormalmente alti del minerale nei loro corpi.

L'assunzione giornaliera raccomandata di rame è di 1,5-3 mg ed è altamente raccomandato per evitare di consumarne di più su base giornaliera.


Perché?


Un'assunzione eccessiva di questo minerale può portare a tossicità da rame o copperiedus. Troppo rame può influenzare i livelli di zinco nel corpo, un altro minerale cruciale per la salute della tiroide. La maggior parte degli integratori di rame al giorno d'oggi contengono già zinco per stabilire l'equilibrio necessario. Si consiglia agli uomini di assumere un rapporto zinco/rame di 5: 1 e alle donne di 10: 1.

Gli alimenti ricchi di rame includono:

  • Mandorle

  • Asparagi

  • Fegato di manzo

  • Melassa nera

  • Cioccolato fondente

  • Albicocche secche

  • Lenticchie

  • Funghi

  • Semi di girasole

  • Cime di rapa

Zinco

Lo zinco è uno dei minerali più importanti per la salute della tiroide. Il minerale è fondamentale per avere livelli sani dell' ormone tiroideo T3. Uno studio ha scoperto che i ratti carenti di zinco avevano livelli insufficienti di T3 rispetto ai controlli con i livelli adeguati. Ciò accade perché la carenza di zinco compromette la produzione extratiroidea dell'ormone T3.


I ricercatori dell'Università della Pennsylvania hanno scoperto che lo zinco gioca un ruolo importante nelle concentrazioni di T3, T4 e nel tasso metabolico a riposo. Pertanto, la supplementazione di zinco è un modo efficace per aumentare i livelli degli ormoni tiroidei nel corpo. Ciò che rende lo zinco così benefico per la salute della tiroide è l'approccio multiforme verso una produzione sufficiente di ormoni e la prevenzione dei sintomi associati alla carenza.


Ad esempio, livelli eccessivi di cortisolo (ormone dello stress) riducono la produzione di T3 e T4 mentre aumentano i livelli dell'ormone stimolante la tiroide (TSH). La supplementazione di zinco abbassa i livelli di cortisolo e riduce l'impatto dello stress sulla salute della tiroide. L'assunzione giornaliera raccomandata di zinco per gli adulti è di 11 mg, evitare di consumare quantità eccessive di minerale per evitare la carenza di rame (questi due minerali funzionano in modo altalenante).


Se lo zinco viene assunto insieme ad antibiotici, come la Ciprofloxacina e la Tetraciclina, diminuirà l'attività sia dello zinco che degli antibiotici. L'assunzione degli antibiotici due ore prima o quattro o sei ore dopo l'assunzione di zinco aiuterà a evitare questo problema.


Lo zinco ridurrà l'assorbimento della penicillamina, un farmaco usato per il trattamento dell'artrite reumatoide. Alcuni diuretici, come il Clortalidone e l'Idroclorotiazide, rimuoveranno lo zinco dal corpo, determinando livelli di zinco molto bassi.


Se sei ipotiroideo, è sufficiente assumere fino a 30 mg al giorno (1).

Gli alimenti ricchi di zinco includono:

  • Anacardi

  • Pollo

  • Ceci

  • Polvere di cacao

  • Manzo nutrito con erba

  • Kefir o yogurt

  • Agnello

  • Funghi

  • Semi di zucca

  • Spinaci

Magnesio

Il magnesio è indicato come il minerale miracoloso per un motivo; partecipa a circa 300 processi nel tuo corpo. Non sorprende che il magnesio sia anche benefico per la salute della tiroide. Bassi livelli di magnesio sono fortemente associati alla vascolarizzazione tiroidea e indicano il processo infiammatorio nell'organismo. Il miglioramento della funzione tiroidea può essere ottenuto attraverso un'assunzione sufficiente del minerale.


Livelli sani di magnesio sono vitali per il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea. In effetti, uno studio ha scoperto che una combinazione di magnesio e levotiroxina ha migliorato i marcatori comuni associati all'ipotiroidismo. Una combinazione di magnesio e levotiroxina funziona meglio dei minerali o dei farmaci assunti da soli nell'alleviare lo stato infiammatorio cronico di basso grado e riduce il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti ipotiroidei (assumere il magnesio distanziato almeno 2 ore dal farmaco della tiroide).


Tuttavia, non dovresti assumere integratori di magnesio in combinazione con farmaci per l'ipotiroidismo senza prima consultare il tuo medico. Inoltre, il magnesio attiva gli enzimi responsabili della produzione di energia. Questo è importante, soprattutto se teniamo presente che anche i pazienti ipotiroidei lottano contro la fatica. Il magnesio aiuta a regolare i livelli di calcio, potassio, rame, vitamina D e zinco.


L'assunzione giornaliera raccomandata di magnesio è di 420 mg per gli uomini e 320 mg per le donne. Buone fonti di questo minerale includono:

  • Mandorle

  • Avocado

  • Banana

  • Fagioli neri

  • Bietola

  • Cioccolato fondente

  • Fichi

  • Semi di zucca

  • Spinaci

  • Yogurt o kefir

Iodio

Lo iodio è fondamentale per produrre l'ormone tiroideo, ma il problema è che il nostro corpo non lo produce da solo. Il consumo di iodio attraverso la dieta è il modo migliore per garantire livelli adeguati dell'elemento ed evitare carenze. La carenza di iodio è la causa più comune di ipotiroidismo e il 40% del mondo ed è a rischio di diventare carente di iodio. La carenza di iodio è caratteristica principalmente delle nazioni socioeconomiche inferiori.


La carenza di iodio porta alla formazione di gozzo perché la ghiandola tiroidea lavora troppo duramente per tenere il passo con l'aumento della domanda di produzione degli ormoni. Gli studi dimostrano che sia la carenza che l'eccesso di iodio influenzano il funzionamento della tiroide e inducono ipo- o ipertiroidismo. Questo perché lo iodio è l'elemento principale degli ormoni tiroidei ed è importante per la loro produzione.


Una mancanza di iodio nella dieta avrà alcuni effetti negativi: riduzione della forza muscolare, del cuore, del fegato, dei reni e della funzione cerebrale. Tuttavia, non è nemmeno bene prendere troppo iodio. I ricercatori hanno scoperto che anche un piccolo aumento del consumo di iodio può innescare Hashimoto. Non è ancora spiegato perché ciò avvenga; forse un eccesso di iodio sconvolge l'equilibrio del sistema immunitario e cambia la sua funzione da proteggere il corpo ad attaccare i propri organi.


Attenzione se usate farmaci come Tapazole può esasperare maggiormente la patologia o medicinali usati per trattare l'ipertensione, come Lotensin, Prinivil, Zestril e Monopril, o alcuni diuretici come Aldactone e Midamor, può aumentare il rischio di alti livelli di potassio nel sangue, portando a battito cardiaco/ritmo anormale.


L'assunzione giornaliera raccomandata di iodio è di circa 150 microgrammi per uomini e donne (o 220 microgrammi durante la gravidanza), assunzioni maggiori di solito non sono consigliati dagli operatori sanitari. Si consiglia vivamente di non esagerare per evitare conseguenze che derivano da una quantità eccessiva di iodio nel corpo. Buone fonti di iodio includono:

  • Banane

  • Formaggio

  • Merluzzo

  • Mais (non abusare perché oltre ad essere OGM è altamente infiammatorio)

  • Uova

  • Piselli verdi

  • Fagioli di Lima

  • Prugne

  • Latte crudo (lo eviterei comunque per non contrarre la Blastocisti Hominis)

  • Alghe

  • Tonno (limitare per i metalli pesanti che contiene)

  • Yogurt

L-tirosina

La L-tirosina è un amminoacido che il tuo corpo produce da un altro amminoacido chiamato fenilalanina. Quindi, la tirosina procede a produrre proteine ​​e neurotrasmettitori di cui il nostro corpo ha bisogno per funzionare correttamente. L'epinefrina e la norepinefrina, denominate ormoni dello stress, sono prodotte da interazioni chimiche che coinvolgono la l-tirosina. Questi ormoni aiutano il corpo a gestire lo stress più facilmente. Come detto sopra, lo stress ha un impatto negativo sulla tiroide.


Sebbene la carenza di questo amminoacido sia rara, causa gravi problemi tra cui la bassa temperatura corporea, pressione sanguigna bassa e tiroide ipoattiva. Si ritiene inoltre che l' integrazione con l-tirosina migliori la prontezza mentale e supporti il ​​funzionamento cognitivo, il che è importante perché l'ipotiroidismo è collegato a ridotte capacità cognitive.

L'integrazione con l-tirosina può essere un modo efficace per aumentare i livelli di T3 e T4. Il dosaggio giornaliero di l-tirosina è generalmente compreso tra 500 mg e 1000 mg tre volte al giorno. Il giusto dosaggio dipende dalle condizioni della persona. Buone fonti di tirosina sono:

  • Fagioli e lenticchie

  • Pollo e tacchino

  • Latticini

  • Uova

  • Pesce e frutti di mare

  • Manzo magro e agnello

  • Formaggio Parmigiano (se tollerato preferibile quello oltre 36 mesi)

  • Semi e noci

  • Soia (sarebbe meglio evitarla, non esiste soia che non sia OGM e può peggiorare una eventuale dominanza estrogenica)

  • Cereali integrali

Selenio

Il selenio è vitale per il funzionamento quotidiano della ghiandola tiroidea. Un gruppo di scienziati cinesi ha scoperto che un basso apporto di questo minerale era fortemente associato a un aumento del rischio di malattie della tiroide. Lo studio ha mostrato che le persone delle contee a basso contenuto di selenio avevano il 69% in più di rischio di sviluppare alcune malattie della tiroide rispetto ai partecipanti che vivevano in aree con un'adeguata assunzione del minerale.


L'impatto del selenio sul funzionamento della tiroide non è scioccante se teniamo presente che la ghiandola contiene una quantità maggiore di minerale rispetto a qualsiasi altro organo del nostro corpo. Di conseguenza, il selenio contribuisce alla produzione degli ormoni tiroidei.


Non solo, il selenio agisce come un “antiossidante tiroideo” e oltre a coadiuvare la produzione di ormoni tiroidei è anche coinvolto nella conversione di T4. Inoltre, il selenio protegge la tiroide legandosi al mercurio e rendendolo inerte.


Perchè importa?


Il motivo è semplice, il mercurio è una delle principali sostanze chimiche che perturbano la tiroide. È importante ricordare che l'integrazione con selenio è utile per i pazienti con tiroidite di Hashimoto anche quando assumono la levotiroxina.


Un sovradosaggio di selenio potrebbe bloccare la produzione degli ormoni tiroidei e causare anoressia, diarrea, depressione e sanguinamento, oltre a problemi respiratori.

I livelli di selenio nel sangue sono inferiori nelle persone sottoposte a chemioterapia con cisplatino.


Mentre l'assunzione giornaliera accettata di selenio è di 55 mcg-100 mcg secondo i medici occidentali, alcuni credono che 200 mcg-300 mcg sia un dosaggio migliore. Se sei interessato a prendere integratori di selenio, la cosa migliore da fare è consultare il tuo medico. Buone fonti di selenio sono:

  • Fegato di manzo

  • Noci brasiliane (non abusare, limitati ad assumerne 1 massimo 2 al giorno, visto che i terreni dove vengono coltivate non hanno una percentuale fissa di selenio e si rischia di andare in un eccessiva quantità di selenio nel corpo).

  • Pollo (prediligilo biologico)

  • Uova

  • Manzo nutrito con erba

  • Halibut ( oltre a essere una buona fonte di selenio, contiene grassi buoni e acidi grassi omega-3, è anche un'ottima fonte di vitamina B6, vitamina D e fosforo)

  • Sardine

  • Spinaci

  • Tonno

  • Tacchino

Ferro

Il ferro è un minerale di cui il nostro corpo ha bisogno per una serie di funzioni. Se dovessi sfogliare i minerali per la tiroide, è probabile che la maggior parte delle fonti non includa il ferro nell'elenco, il che è ingiusto perché è estremamente importante. Un numero crescente di prove conferma che la disfunzione tiroidea è fortemente correlata alla carenza di ferro. Gli studi mostrano che il grado di carenza di ferro influisce sullo stato dell'ormone tiroideo.


Lo scopo principale del ferro è trasportare l'ossigeno attraverso il corpo e promuovere la crescita cellulare. Di conseguenza, è comune che gli individui ipotiroidei abbiano un basso contenuto di ferro. L'assunzione giornaliera raccomandata di ferro è di 17-18,9 mg per le donne e 19,3-20,5 mg per gli uomini. Buone fonti di ferro includono:

  • Fagioli neri

  • Cioccolato fondente

  • Manzo nutrito con erba

  • Lenticchie

  • Fegato

  • Pistacchi

  • Uva passa

  • Sardine

  • Spinaci

  • Spirulina

Manganese

Non leggiamo molto sul manganese, ma è altrettanto importante al pari degli altri minerali. Sebbene partecipi alla produzione degli ormoni tiroidei come gli altri minerali, non ci sono studi sufficienti sul manganese e su tutti i suoi benefici per la salute della tiroide.


I dati attuali su questo argomento suggeriscono che il manganese agisce direttamente sugli ormoni tiroidei regolando gli enzimi deiodinasi (coinvolti nell'attivazione o disattivazione degli ormoni tiroidei). Gli scienziati hanno trovato una correlazione significativa tra le concentrazioni di manganese e la T4 circolante, suggerendo così che l'ormone tiroideo può influenzare il metabolismo di questo minerale.


L'impatto del manganese sulla salute della tiroide è meglio rappresentato dal fatto che i pazienti ipertiroidei hanno livelli più alti di questo minerale mentre quelli con ipotiroidismo hanno livelli più bassi di manganese. Naturalmente, sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire il potenziale del manganese per la salute della tiroide e tutti i suoi meccanismi. L'assunzione giornaliera raccomandata di manganese è 2,3 mg per gli uomini e 1,8 mg per le donne.

Le migliori fonti di manganese includono:

  • Pesce e crostacei

  • Frutta

  • Verdure a foglia verde

  • Legumi

  • Noccioline

  • Zucca

  • Cereali integrali

Molibdeno

Il molibdeno ha un effetto benefico sulle funzioni biologiche del tuo corpo. Sebbene tutte le forme di vita abbiano bisogno di molibdeno, sono necessarie solo piccole quantità di questo minerale. La carenza di molibdeno è rara e l'integrazione è necessaria raramente.

Il molibdeno aiuta a far ripartire importanti enzimi nel nostro corpo, combatte le malattie infiammatorie e autoimmuni e può prevenire la crescita di agenti cancerogeni. Sebbene il molibdeno sia importante per il funzionamento della tiroide, i meccanismi sottostanti sono ancora sconosciuti. Detto questo, gli enzimi dipendenti dal molibdeno operano nel sistema ossidativo delle cellule epiteliali tiroidee chiamate tiroociti. Hanno un ruolo nel rilascio di T3 dalla ghiandola tiroidea.


L'assunzione giornaliera raccomandata di molibdeno è di 45 microgrammi al giorno. Buone fonti di questo minerale sono:

  • Fagioli

  • Latticini

  • Noccioline

  • Soia

Come vedi vengono menzionati i latticini e soia, ma attenzione se si hanno patologie autoimmuni.


Conclusione

Per il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea sono necessari numerosi minerali diversi. Tutti hanno ruoli diversi, ma abbiamo dimostrato attraverso la letteratura scientifica e gli studi, l'importanza di una corretta assunzione giornaliera. Fortunatamente, è possibile ottenere i valori giornalieri consigliati attraverso la dieta o tramite integrazioni aggiuntive.




Rimani connessa, non perderti nessun articolo, segui la mia Pagina Facebook


Riferimenti:

- Aihara K, Nishi Y, Hatano S, et al. Zinc, copper, manganese, and selenium metabolism in thyroid disease. American Journal of Clinical Nutrition 1984 Jul;40(1):26-35. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6741853

- Morley JE, Gordon J, Hershman JM. Zinc deficiency, chronic starvation, and hypothalamic-pituitary-thyroid function. American Journal of Clinical Nutrition August 1980, vol. 33 no. 8, 1767-1770 http://ajcn.nutrition.org/content/33/8/1767.short

- Maxwell C, Volpe SL. Effect of zinc supplementation on thyroid hormone function. Annals of Nutrition and Metabolism June 2007, vol. 51 no. 2, 188-194. Doi: 10.1159/000103324 https://www.karger.com/article/Abstract/103324

- Furr MO, Murray MJ, Ferguson DC. The effects of stress on gastric ulceration, T3, T4, reverse T3, and cortisol in neonatal foals. Equine Veterinary Journal 1992 Jan;24(1):37-40 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1555538

- Brandao-Neto J, de Mendonca BB, Shuhama T, et al. Zinc acutely and temporarily inhibits adrenal cortisol secretion in humans. A preliminary report. Biological Trace Element Research 1990 Jan;24(1):83-9. Doi: 10.1007/BF02789143 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1702662

- Treating hypothyroidism: can vitamins and supplements help? Everyday Health https://www.everydayhealth.com/hs/healthy-living-with-hypothyroidism/vitamins/

- Monocayo R, Monocayo H. The WOMED model of benign thyroid disease: acquired magnesium deficiency due to physical and psychological stressors relates to dysfunction of oxidative phosphorylation. BBA Clinical June 2015, vol. 3, 44-64. Doi: 10.1016/j.bbacli.2014.11.002 http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2214647414000282

- Abbas AM, Sakr HF. Effect of magnesium sulfate and thyroxine on inflammatory markers in rat model of hypothyroidism. Canadian Journal of Physiology and Pharmacology 2016 Apr;94(4):426-32. Doi: 10.1139/cjpp-2015-0247 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26854732

- Chung HR. Iodine and thyroid function. Annals of Pediatric Endocrinology & Metabolism. 2014;19(1):8-12. doi:10.6065/apem.2014.19.1.8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4049553/

- Tyrosine, University of Maryland Medical Center http://www.umm.edu/health/medical/altmed/supplement/tyrosine

- Wu Q, Rayman MP, Lv H, et al. Low population selenium status is associated with increased prevalence of thyroid disease. Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism November 2015, vol. 100 no. 11, 4037-4047. Doi: 10.1210/jc.2015-2222 https://academic.oup.com/jcem/article-lookup/doi/10.1210/jc.2015-2222

- Ventura M, Melo M, Carrilho F. Selenium and Thyroid Disease: From Pathophysiology to Treatment. International Journal of Endocrinology. 2017;2017:1297658. doi:10.1155/2017/1297658.

- Khatiwada S, Gelal B, Baral N, Lamsal M. Association between iron status and thyroid function in Nepalese children. Thyroid Research. 2016;9:2. doi:10.1186/s13044-016-0031-0. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4729155/

- Eftekhari MH, Keshavarz SA, Jalali M, et al. The relationship between iron status and thyroid hormone concentration in iron-deficient adolescent Iranian girls. Asia Pacific Journal of Clinical Nutrition 2006;15(1):50-5 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16500878

- Soldin O, Aschner M. EFFECTS OF MANGANESE ON THYROID HORMONE HOMEOSTASIS: POTENTIAL LINKS. Neurotoxicology. 2007;28(5):951-956. doi:10.1016/j.neuro.2007.05.003. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2067987/

- Memon NS, Kazi TG, Afridi HI, et al. Correlation of manganese with thyroid function in females having hypo- and hyperthyroid disorders. Biological Trace Element Research 2015 Oct;167(2):165-71. Doi: 10.1007/s12011-015-0277-8 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25774040

- Pedersen IB et al. A cautious iodization program bringing iodine intake to a low recommended level is associated with an increase in the prevalence of thyroid autoantibodies in the population, 2011

- Xu C et al. Excess iodine promotes apoptosis of thyroid follicular epithelial cells by inducing autophagy suppression and is as- sociated with Hashimoto thyroiditis disease, 2016

- Carayanniotis G. Recognition of thyroglobulin by T cells: the role of iodine, 2007

- Natural Medicines Comprehensive Database: Iodine.

- Rayman MP. Selenium and human health, 2012

- Mazokopakis EE, et al. Recommended dietary selenium intakes and selenium concentrations in nuts, 2007

- Vinceti M, et al. Adverse health effects of selenium in in humans, 2001

- Fan AM, et al. Selenium. Nutritional, toxicologic and clinical aspects, 1990

- Sieja K, et al. Selenium as an element in the treatment of ovarian cancer in women receiving chemotherapy, 2004

- Vernie LN, et al. Cisplatin-induced changes of selenium levels and glutathione peroxidase activities in blood of testis tumor patients, 1988


4.183 visualizzazioni2 commenti

2 Yorum


hum tum
hum tum
20 Eyl 2021

Maxon CINEMA 4D R23.110 Crack is computer software. It helps us to transform our thoughts into reality. We can make anything in 3d or 4d very quickly in this software. It is a handy software. We can make thousands of things in just a few clicks by using this software.

Beğen

hum tum
hum tum
20 Eyl 2021

Nik Collection Crack is a great software that helps you to enhance the quality of your image. It has many advanced and a lot of different features. Nik Collection Crack Advanced software required Adobe Lightroom, Adobe Photoshop, and Adobe Photoshop Elements installed on your device before installing Nik Collection. Google Nik Collection Crack is a beautiful plugin for the Adobe collection, especially for Photoshop, to create faster images.

https://zsactivatorskey.com/nik-collection-crack/

Beğen

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page