top of page
Cerca

Il Nervo Vago: la chiave per affrontare il burnout


Una buona funzione del nervo vagale è cruciale per una salute ottimale. Ricerche emergenti suggeriscono che potrebbe non funzionare bene in molti stati di malattia cronica. In questo post, esamineremo i fattori che possono aumentare il tono con la stimolazione e in che modo ciò può influire sulla salute.

Cos'è il nervo vago? • Attiva la neurogenesi, aiutando il nostro cervello a produrre nuove cellule cerebrali. • Disattiva rapidamente lo stress, l'ipereccitazione e la lotta/fuga attraverso la risposta al rilassamento. • Affila i nostri ricordi. • Combatte le malattie infiammatorie. • Aiuta a resistere alla pressione alta. • Blocca l'ormone cortisolo e altri agenti ossidanti che invecchiano e deteriorano il cervello e il corpo • Bloccano l'infiammazione sistemica (in tutto il corpo) - un fattore importante dietro l'invecchiamento e la cattiva salute. • Aiuta a superare la depressione e l'ansia. • Aiuta a dormire meglio. • Aumenta i livelli dell'ormone della crescita. • Aiuta a superare l'insulino-resistenza. • Abbassa le risposte allergiche. • Riduzione delle probabilità di contrarre stress e mal di testa. • Aiuta a risparmiare e far crescere i nostri mitocondri: questa è una chiave per mantenere livelli di energia ottimali e non danneggiare il nostro DNA e RNA. • Influisce sulla nostra capacità complessiva di vivere vite più lunghe, più sane e più energiche. Il nervo vago è un grande nervo che corre dal collo all'addome. Il nervo è responsabile dell'eliminazione del riflesso "combatti o fuggi". È collegato al cervello. Stimolare il nervo vago attiva la risposta al rilassamento, che abbassa la frequenza cardiaca e abbassa la pressione sanguigna. Quindi hai meno stress e dopo un adeguato allenamento "vagus", la possibilità di un burnout è minima. Nel nostro corpo c'è quindi una sorta di chiave segreta sotto la nostra pelle che offre un piacevole rilassamento. In realtà, il nervo vago è un nervo tortuoso, robusto, ramificato che collega la maggior parte degli organi importanti tra il cervello e il colon. È il nervo più lungo del corpo. Si chiama "vagus" (latino: errante) perché si muove come un vagabondo tra gli organi. Quando le persone dicono "fidati del tuo intuito", in realtà significano "fidati del tuo nervo vago".

Sapevi che le fibre nervose presenti nello stomaco e nell'intestino sono chiamate cervello enterico? Questo perché il 90% di quelle fibre nervose si ricollega al cervello attraverso il nervo vago. Un attore chiave nella connessione corpo-mente, il nervo vago è dietro il tuo istinto intestinale, il nodo in gola e lo scintillio nel tuo sorriso. Puoi pensare al nervo vago come a un sistema di comunicazione radio bidirezionale che ti aiuta a rimanere in contatto con le tue sensazioni ed emozioni. Ciò che accade nel vago sicuramente non rimane nel vago. Diversi articoli recenti hanno discusso di interventi medici che forniscono una potenziale cura per molte condizioni di salute fisica e mentale ( wired.com; businessinsider.com, huffingtonpost.com ). Il nervo vago sta assumendo un ruolo centrale come potenziale "interruttore" per malattie correlate all'infiammazione come l'epilessia, artrite reumatoide e sindrome infiammatoria intestinale. La regolazione del nervo vago svolge un ruolo significativo nella cura della salute mentale che consente di rispondere efficacemente ai sintomi emotivi e fisiologici di depressione, ansia e nello stress post-traumatico. Il nervo vago è essenziale per tenere sotto controllo il sistema immunitario. Esiste una stretta connessione tra stress cronico, funzionamento immunitario e infiammazione. In breve, l'attivazione a breve termine del sistema nervoso simpatico rilascia cortisolo e aiuta a mantenere il sistema immunitario a livelli sani. Lo stress a lungo termine sopprime l'immunità. Tuttavia, lo stress traumatico cronico ha una reazione inversa, lasciando il sistema immunitario non controllato che porta all'infiammazione nel corpo. Pertanto, puoi provare le strategie elencate di seguito se tu e il tuo medico decidete che potrebbero essere appropriati. Leggi gli approcci che presentiamo e discutili con il tuo medico prima di provarli. Ciò è particolarmente importante se prevedi di assumere integratori alimentari. L'attivazione del nervo vago tiene sotto controllo il sistema immunitario e rilascia un assortimento di ormoni ed enzimi come acetilcolina e ossitocina. Ciò comporta riduzioni dell'infiammazione, miglioramenti della memoria e sensazioni di rilassamento. È stato dimostrato che la stimolazione del nervo vago riduce le reazioni allergiche e il mal di testa da tensione. A meno che non si disponga di un dispositivo impiantato chirurgicamente, non è possibile stimolare direttamente il nervo vago; tuttavia, puoi stimolare indirettamente il tuo nervo vago per alleviare gli stati del sistema nervoso o chiuso. Ricorda, il tuo nervo vago passa attraverso la pancia, il diaframma, i polmoni, la gola, l'orecchio interno e i muscoli facciali. Pertanto, le pratiche che modificano o controllano le azioni di queste aree del corpo possono influenzare il funzionamento del nervo vago attraverso il circuito di feedback mente-corpo. Pertanto, puoi provare le strategie elencate di seguito se tu e il tuo medico decidete che potrebbero essere appropriati. Leggi gli approcci che presentiamo e discutili con il tuo medico prima di provarli. Ciò è particolarmente importante se prevedi di assumere integratori alimentari. Come stimolare il nervo vago? 1) Alcuni scienziati ritengono che la respirazione consapevole e profonda che accompagna la meditazione e altre pratiche contemplative potrebbe essere alla base di questo effetto. Si ipotizza una respirazione attenta per stimolare direttamente il nervo vago e l'attività nervosa di riposo e digestione (1). Il nervo vago in realtà ascolta il modo in cui respiriamo e dirige il cervello e il cuore. Ad esempio, una corretta respirazione riduce il fabbisogno di ossigeno del muscolo cardiaco e quindi la nostra frequenza cardiaca diminuisce. L'attività vagale è più alta e lo stress è più basso quando impari a respirare sensatamente. L'inalazione per alcuni secondi, uno stop, un'espirazione più lunga e un altro stop danno un effetto molto rilassante. Nello yoga questo si chiama Ujjayi pranayam). (2) Il dottor Justin Hoffman, medico naturopata di Santa Rosa, California, afferma: “Senza il nervo vago, le funzioni chiave che ci mantengono in vita non sarebbero possibili.” 2) Il nervo vago attraversa le corde vocali e l'orecchio interno e le vibrazioni del mantra sono un modo semplice e gratuito per influenzare gli stati del sistema nervoso. Gli studi suggeriscono che almeno tre tipi di meditazione possono stimolare indirettamente il nervo vago. In piccoli studi, la meditazione della gentilezza amorevole, la meditazione della consapevolezza e il canto Om aumentano la variabilità della frequenza cardiaca, che è collegata al tono vagale. Scegli semplicemente la tua melodia preferita e sii pronto per partire. Oppure, se lo yoga si adatta al tuo stile di vita, puoi praticare l'"OM" per andare verso il tuo benessere. Sii presente e goditi le sensazioni al petto, alla gola e alla testa. Come recitare l'OM?Tieni la vocale (O) parte di 'OM' per 5 secondi, quindi continua nella parte consonante (M) per i successivi 10 secondi. Continua a cantare per 10 minuti. Concludere con un po' di respiro profondo e finire con gratitudine.(3-4) 3) L'esposizione improvvisa al freddo (4 ° C) aumenta l'attivazione del nervo vago nei ratti (5). Sebbene gli effetti delle docce fredde sul tono del nervo vago non siano stati studiati, molte persone sostengono questo tradizionale metodo di raffreddamento. Quando ci pensiamo, tutte le docce erano docce fredde prima dell'avvento delle tecniche di riscaldamento dell'acqua. Aneddoticamente, le vasche fredde sono popolari in Giappone, mentre molte nazioni del Nord partecipano a immersioni nell'oceano per occasioni speciali durante l'inverno o all'inizio della primavera. Tuttavia, di solito ci vuole un po' di tempo per abituarsi alle docce completamente fredde. Alcune persone dicono che per iniziare è bene immergere il viso in acqua fredda. Ricordarsi di consultare prima il proprio medico. La maggior parte dei medici consiglia di non fare docce fredde nelle persone con malattie cardiache o in quelle a rischio. Questo perché un'esposizione improvvisa al freddo può limitare i vasi sanguigni, che possono aumentare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Gli studi hanno scoperto che l'immersione del viso in acqua fredda sembra essere un mezzo semplice ed efficace per accelerare immediatamente la riattivazione parasimpatica post-esercizio attraverso il nervo vago, stimolando la riduzione della frequenza cardiaca, della motilità intestinale e accendendo il sistema immunitario. Nell'immersione del viso in acqua fredda, i soggetti sono rimasti seduti e piegano la testa in avanti in un bacino di acqua fredda. Il viso è immerso in modo che la fronte, gli occhi e almeno i due terzi di entrambe le guance fossero immersi. La temperatura dell'acqua è stata mantenuta a 10-12 ° C. 4) Alcuni scienziati ipotizzano che i campi magnetici possano essere in grado di stimolare il nervo vago. In uno studio su 30 uomini sani, la terapia con campo elettromagnetico pulsato ( PEMF ) aumenta la variabilità della frequenza cardiaca e la stimolazione del vago. I dispositivi PEMF sono classificati come prodotti benessere generali. Interessante è questo prodotto: 5) Prove emergenti indicano un effetto del microbiota intestinale sul cervello. Il sistema nervoso intestinale si collega al cervello attraverso il nervo vago, che è stato descritto come "all'interfaccia dell'asse microbiota-intestino-cervello". (7) Alcuni studi sugli animali hanno esaminato i potenziali effetti dei probiotici sul nervo vago, ma mancano ancora studi clinici . In uno studio sugli animali, i topi integrati con il probiotico Lactobacillus rhamnosus hanno sperimentato vari cambiamenti positivi nei recettori del GABA che sono stati mediati dal nervo vago. (8) I recettori GABA nel cervello sono implicati nell'umore; un potenziale legame tra la stimolazione del nervo vago da parte di L. rhamnosus e una maggiore attività del GABA si aggiunge a una serie di prove emergenti sui potenziali benefici per la salute dei probiotici. (9) 6) Si dice che i massaggi plantari di riflessologia plantare aumentino l'attività vagale e la variabilità della frequenza cardiaca riducendo la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, secondo un piccolo studio su persone sane e pazienti con malattie cardiache. (10) Esiste in commercio un dispositivo molto valido, autorizzato dal Ministero della Salute, sono plantari realizzati seguendo principi di fisica quantistica e dei campi magneto-gravitazionali i quali accompagnano a chi le indossa verso un riequilibrio energetico e vibrazionale con conseguenti effetti positivi sulla persona, li puoi trovare cliccando qui 7) Studi limitati suggeriscono che la posa sul lato destro aumenta la variabilità della frequenza cardiaca e l'attivazione vagale più che sull'altro lato. In uno studio la posa sulla schiena ha portato all'attivazione del vago più bassa. (11) 8) In uno studio su 61 persone, il Tai Chi ha aumentato la variabilità della frequenza cardiaca e, quindi, la probabile attivazione del vago. (12) 9) Secondo diverse recensioni scientifiche, gli acidi grassi omega-3 EPA e DHA aumentano la variabilità della frequenza cardiaca (HRV) e la frequenza cardiaca inferiore. La HRV è direttamente collegata alla stimolazione del nervo vago. Alcuni scienziati ritengono che l'attività del nervo vago possa spiegare perché gli acidi grassi omega-3 sono buoni per il cuore. (13-14) Una ottima marca di omega 3 priva di metalli pesanti la puoi trovare cliccando qui

10) Lo zinco ha aumentato la stimolazione del vago nei ratti alimentati con una dieta carente di zinco per 3 giorni. (15) È un minerale molto comune di cui alcune persone non ne hanno mai abbastanza. Come zinco, ultimamente sto provando questa forma: il Plasma di Quinton, è un plasma marino che contiene sali minerali e oligoelementi che corrispondono per dosaggio e forma a quelli presenti nel nostro organismo, mi piace perché è un prodotto altamente potenziato e attivato con ossigeno liquido concentrato (ASO) zinco e plasma di Quinton (ASO incrementa il valore di ossigeno nel sangue del 24%). 11) Il GLP-1 è un ormone saziante che stimola gli impulsi del vago al cervello, rallentando i movimenti intestinali e facendoci sentire più sazi dopo i pasti. (16) La ricerca sugli animali suggerisce che la fibra può essere un buon modo per aumentare il GLP-1. (17) 12) L'insulina, che il corpo rilascia dopo i pasti, sembra sopprimere la parte del nervo vago che innerva il fegato. Alti livelli di insulina osservati nell'obesità possono compromettere la normale funzione del nervo vago e quindi del fegato. (18) 13) Abbi cura della tua mielina. Il tuo nervo vago è mielinizzato, il che significa che è coperto da una copertura protettiva di grasso che lo isola e aiuta i segnali a viaggiare in modo efficiente. Quando la mielina su qualsiasi nervo si rompe, anche il nervo non funziona. Leggi questo post per saperne di più su come prendersi cura della tua mielina. 14) Il nervo vago attiva il sistema immunitario quando stai combattendo qualcosa. I medici usano queste conoscenze per la terapia stimolando il nervo vago con impulsi e farmaci per curare i disturbi infiammatori. I medici impiantano chirurgicamente stimolatori del nervo vago elettrico in pazienti con epilessia grave o depressione perché smorza la risposta infiammatoria. Conoscere le pratiche per la cura di sé è importante. Tuttavia, è anche importante sapere come e quando cercare un aiuto terapeutico professionale. Chiedere aiuto può spesso essere il passo più difficile. Non è necessario percorrere il sentiero di guarigione da solo.

Ho scritto un eBook che puoi trovare qui: Ripristinare la funzionalità del Nervo Vago. E' un programma per rafforzare il tuo nervo vago e potenziare il tuo sistema immunitario. L'infiammazione cronica e lo stress cronico sono cause chiave di scarsa immunità, affaticamento e malattie croniche. Allo stesso tempo, questi sono i segni più comuni di scarsa funzionalità del nervo vago. È importante ricordare che la guarigione è possibile solo quando il nervo vago è attivato. Impara come migliorare il tuo tono vagale e goditi un sistema immunitario più robusto, un intestino più sano, un cervello più acuto e molto altro!


 

AUTOIMMUNITA' E RECODE 21: Vorrei invitarti a iscriverti al nuovo Training Informativo "Recode 21". Che tu soffra di più sensibilità alimentari, sensibilità chimiche o malattie autoimmuni, ti mostrerò esattamente come ripristinare la tolleranza al tuo sistema immunitario. Come saprai, io stessa ho sofferto di malattia autoimmune, di sensibilità alimentari e chimiche. Ero arrivata ad un punto che la mia vita era soggetta a molte restrizioni, oltre a sintomi debilitanti. Tutto ciò ne risentì sia il lavoro che la mia vita sociale. ​


Questo metodo del Training Informativo ha aiutato tantissime persone a calmare il loro sistema immunitario iperattivo e a migliorare notevolmente la loro qualità di vita complessiva. Il ripristino della tolleranza orale si ottiene affrontando gli squilibri del sistema immunitario attraverso la dieta, lo stile di vita e l'integrazione. ​ Per assicurarti che sia facile da seguire, ho fornito deliziose guide di ricette, cartelle di lavoro e una comunità online e il gruppo Facebook dedicato Recode 21 per supportarti durante il programma.


Seguendo le raccomandazioni del Training Informativo, in breve tempo noterai che le tue reazioni alle proteine ​​alimentari e alle sostanze chimiche miglioreranno notevolmente. ​ Ho preso la letteratura scientifica più attuale sulla tolleranza immunitaria, ho fatto corsi sulla tolleranza orale e immunitaria e ho realizzato un Training Informativo che ho vagliato su me stessa e sulle persone a me care e molti professionisti sanitari si stanno avvicinando a questo programma.


Guarda l'anteprima del Training informativo RECODE 21: CLICCA QUI

Per informazioni scrivere a: info@patriziacoffaro.it

Rimani aggiornato, segui la mia pagina Facebook: Patrizia coffaro - Naturopata


 

Riferimenti 1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6189422/ 2) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23710236 3) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3099099/ 4) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6189422/ 5) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11447037 6) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17674028 7) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29467611 9) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21876150 10) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22314629 11) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18503214 12) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18991518 13) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17326331 14) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3217222/ 15) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19158231 16 ) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9357836 17) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5148911/ 18) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26947072

 


1.009 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page