top of page
Cerca

Intolleranza all'istamina o allo zolfo?




Identificare i segni di intolleranza all'istamina e all'intolleranza allo zolfo può risultare un compito arduo. Entrambe le condizioni possono manifestarsi attraverso sintomi comuni, quali orticaria, prurito, asma, mal di testa, nausea, affaticamento, vampate di calore e confusione mentale. In alcuni casi, una problematica legata a una di queste intolleranze può scatenare o exacerbare l'altra.


Il Ruolo della Metilazione


Ciò che unisce questi due problemi è il processo di metilazione, una delle sei vie principali attraverso cui il fegato si disintossica. Questa connessione è spesso associata al noto gene MTHFR. In breve, un sostegno efficace della via di metilazione può predisporre a entrambe le intolleranze, sia allo zolfo che all'istamina. Tuttavia, altri fattori predisponenti possono contribuire a sviluppare una o entrambe queste condizioni.


La via di metilazione può essere supportata da polimorfismi genetici in omozigoti (due copie difettose) di MTHFR, da carenze di vitamine essenziali quali folati e vitamina B12 (donatori di metile), oppure può essere sopraffatta semplicemente da un carico tossico eccessivo. Questo può essere paragonato a un collo di bottiglia, con troppe sostanze che cercano di passare attraverso una porta troppo stretta. Ben Lynch definisce ciò come un MTHFR "sporco".


Coloro con un polimorfismo genetico sono più inclini a sopraffare gli enzimi rispetto a chi non presenta tali polimorfismi, ma la sopraffazione può verificarsi in qualsiasi individuo; la differenza risiede nella soglia di tolleranza.


Poiché una delle vie di degradazione dell'istamina coinvolge la metilazione, un rallentamento in questa via può portare a un aumento dei livelli di istamina. L'omocisteina, prodotto di degradazione della via di metilazione, contiene zolfo. Risulta evidente come un ciclo di metilazione inefficiente, che porta ad un aumento dei livelli di omocisteina, possa influire anche sui livelli di solfiti. A meno che il corpo riesca a convertire i solfiti in solfati (la forma utilizzabile per le vie di disintossicazione che richiedono zolfo), non si manifesta un problema di zolfo. Tuttavia, se anche questo processo risulta compromesso per qualsiasi ragione, possono coesistere sensibilità allo zolfo e intolleranza all'istamina.



Sensibilità allo Zolfo


Come discusso precedentemente, esistono diverse cause possibili per l'intolleranza allo zolfo oltre al backup di metilazione. L'intolleranza allo zolfo è spesso associata a livelli bassi di omocisteina, poiché questa viene indirizzata principalmente verso i solfiti e non può convertirsi in solfati. Polimorfismi del CBS, polimorfismi del SUOX, carenze di molibdeno, carenze di magnesio o vitamine B6 e B3 possono altresì contribuire a tale intolleranza. Anche gli enzimi, sebbene non mutati, possono essere sopraffatti in presenza di significativa tossicità ambientale, considerando che lo zolfo è necessario per tre delle sei principali vie di disintossicazione del fegato.


Nella maggior parte dei casi di sensibilità allo zolfo, è stata osservata la coesistenza di SIBO (Sindrome dell'Intestino Tenue). Pertanto, il trattamento della sensibilità dovrebbe includere anche la valutazione e il trattamento di SIBO.


Intolleranza all'Istamina


Come precedentemente delineato, l'intolleranza all'istamina è spesso collegata a un'infiammazione intestinale, che compromette l'enzima DAO. Tuttavia, altre possibili cause includono polimorfismi in omozigoti di DAO, NAT o MAO, oltre a carenze di cofattori come vitamine B5, B6, C, magnesio e rame.

Per coloro che combattono con entrambe le condizioni, sensibilità allo zolfo e intolleranza all'istamina, è probabile che una causa tossica debba essere individuata e rimossa. L'analisi genetica può essere illuminante, così come il test dell'omocisteina. È probabile che ci siano fattori più complessi in gioco rispetto al semplice backup di metilazione, ma questo potrebbe rappresentare comunque un contributo significativo.

 

Prima di dare gli integratori ai bambini, confrontarsi con il proprio pediatra. Per gli adulti questi sono quelli più utilizzati ed efficaci. Informa sempre il medico.



Come integratore di molibdeno è efficace questo. Lo puoi trovare cliccando sulla foto o cliccando qui











Come integratore di vitamine del gruppo B in forma metilata le puoi trovare cliccando sulla foto o cliccando qui











Per saperne di più puoi acquistare il mio ebook che parla della metilazione e disintossicazione, un approccio alla genetica.


Lo puoi trovare cliccando qui








706 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page