top of page
Cerca

Balsamo di Gerusalemme: potente antinfiammatorio naturale




La medicina ebraica è molto antica. Dai tempi del re 'Hizkiahou che regnò circa 2.500 anni fa, abbiamo consultato un libro chiamato ספר רפואות (sefer refouot) il libro delle guarigioni. Questo libro è scomparso ma grazie al Talmud babilonese che lo menziona circa 1000 anni dopo, sappiamo che conteneva un riassunto anatomico, descrizioni di varie malattie e soprattutto ricette mediche.


La tradizione ebraica fa moltissima prevenzione : delle 613 mitzvot, ce ne sono 214 che riguardano la salute. La prevenzione delle epidemie e delle malattie veneree, l'obbligo di fare il bagno, le cure dermatologiche, le rigide norme dietetiche e sanitarie, le regole della vita sessuale, l'isolamento e la quarantena, l'osservanza di un giorno di riposo, il sabato, ecc., sono comandamenti divini tanto quanto essi sono disposizioni che mantengono in buona salute e inibiscono la diffusione di molte malattie prevalenti nei paesi vicini.


Durante i 40 anni di traversata in Sinai, sono state fornite linee guida per mantenere il campo pulito da contaminazioni: chiunque fosse stato in contatto con un cadavere o una carogna, o che avesse sofferto di una scarica purulenta, doveva passare attraverso un'attenta decontaminazione lontano dal campo prima essere autorizzato a tornare dalla sua famiglia. Anche se non c'è un'epidemia particolare, anche le armi e gli oggetti dei soldati devono superare un controllo sanitario. Naturalmente, le medicine sono fatte dalle piante.


in copertina troverai: Una pagina del libro ספר פרי ההדס, il libro del mirto, trattato medico e mistico,

scritto in ebraico rabbinico.

Le mani sono quelle dei Cohen quando benedicono i Cohanim; foto Shabtay Teller


I più grandi nomi del giudaismo, che sono anche medici, scrivono i propri trattati medici o danno i propri consigli dietetici come ha fatto il Rambam *. Conosciamo tutti il ​​giuramento di Ippocrate, ma lo sapevi che è possibile per uno studente di medicina prestare giuramento in base al testo Rambam *? Questo è ciò che ha fatto il dottor Herbert le Porrier, autore del "Dottore di Cordoba". E fu così che inizia a interessarmi "anche" alla medicina ebraica e alla sua storia.


A quel tempo, lebbra, malaria, tracoma, tubercolosi senza contare le epidemie di peste erano la sorte degli abitanti del paese. Tutte le raccomandazioni della tradizione ebraica vengono rispettate e i rimedi conosciuti. Ma a Gerusalemme la densità della popolazione stipata dentro le mura è tale che era quasi impossibile applicare correttamente semplici regole igieniche. Per secoli, gli ebrei della città hanno conosciuto solo affollamento e miseria. Fu solo nel 1854 che il primo ospedale, il Mayer Rothschild Hospital, fu costruito nella città vecchia. Infine, la situazione sanitaria degli ebrei di Gerusalemme stava migliorando.

In questa foto troviamo un dispositivo per controllare la purezza dell'acqua: Per la popolazione non ebrea **, tuttavia, c'è stato un luogo in cui cercare cure dal 17 ° secolo, è il Convento di San Salvatore. Nel XVII secolo, la Chiesa cattolica voleva il suo ingresso a Gerusalemme e i turchi si opposero. La Chiesa vincerà la causa proponendo di fondare un ospedale e soprattutto una farmacia per aiutare la popolazione musulmana e cristiana della città.



In questo convento francescano, un monaco italiano Antonio Manzani di Cuna trascorrerà anni elencando le piante della regione e analizzandole. Poi troverà quella che era per il convento la medicina miracolosa, il Balsamo di Gerusalemme. Gli ingredienti erano conservati in orci di terracotta, importati da Genova e realizzati appositamente per il convento, con la speciale croce di Gerusalemme come simbolo. Secondo i monaci il balsamo faceva bene al cuore, alla testa, alla tosse, ai dolori ai denti, alle gambe, agli occhi, imbiancato per le ferite, qualche goccia per il mal di gola! Curò anche le malattie veneree, proprio tutto ...

Il balsamo faceva la reputazione del convento e gli ordini arrivavano da tutta Europa. Tutti erano convinti che si fosse persino salvato dalla peste! Due scienziati israeliani, Raphael Meshulam e Arik Moussaief, hanno condotto alcuni esperimenti con il famoso balsamo. Sembra essere un ottimo antisettico. Per loro, anche se il balsamo di Gerusalemme non è la medicina universale descritta dai monaci, il prodotto ha un effetto reale. Antonio Manzani di Cuna aveva molto talento, ma il balsamo di Gerusalemme è una medicina conosciuta sin dai tempi biblici: a base di incenso, mirra, lentisco (pistacchio) e aloe vera. È davvero un buon antisettico, che decongestiona e cura il dolore. Per la peste, vedi comunque la medicina moderna :-D


A metà tra il liquore e l'idea di un farmaco miracoloso, il balsamo di Gerusalemme potrebbe essere una variante dell'Aliksir, che in arabo significa addirittura Pietra Filosofale, mentre in piemontese indica bevande curative ricavate da un paziente lavoro tra alambicchi e distillatori, che io stessa uso per preparati ad uso personale. Riguardo al balsamo di Gerusalemme, va detto che esistono ancora due manoscritti riguardo la sua misteriosa preparazione. Li ha scritti Pietro Andreis di Savigliano. Come è stato scritto ci sono due ricette, ma hanno poche differenze come ingredienti. Nella prima c'è la Triacha, la valeriana, l'angelica, il rabarbaro, la noce moscata e l'aloe vera, il ginepro pesto, la buccia di 4 limoni e di 4 aranci, 20 chinotti e un po' di acqua di rose. Nella seconda ricetta viene aggiunta la mirra, il rabarbaro, la china, la radice di angelica e l'argarico bianco. Entrambe le preparazioni vanno lasciate in infusione per quindici giorni nell'alcol etilico e poi devono essere filtrate.



E' nel 2005 che i ricercatori israeliani dell'Università di Gerusalemme, lavorando sulla chimica delle piante medicinali, decidono di scoprire che cosa si nasconda nei registri della farmacia del convento di San Salvatore.E in un grimorio trovano una formula a base di quattro ingredienti: mirra, incenso (boswellia), aloe (aloe vera) e lentisco (pistacchio), che attira la loro attenzione. Si tratta proprio del medicamento chiamato Balsamo di Gerusalemme, ampiamente noto e utilizzato da più di due secoli, impiegato come una panacea contro varie malattie tanto Medio Oriente quanto in Europa e dalla fama inalterata sino alla fine del 1900.


I ricercatori decidono di replicare la formula secondo la ricetta e studiarla con i moderni metodi di indagine scientifica. Scoprono e confermano le proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche e antiossidanti. Tutti i test dimostrano infatti un effetto positivo del balsamo di Gerusalemme, e i risultati scientifici vengono pubblicati dalla rivista Journal of Ethopharmacology. Il balsamo di Gerusalemme può essere utile ed efficace in tanti problemi, anche cronici. Soprattutto una panacea per l'intestino.


Lo puoi trovare cliccando qui





*Il Rambam: Rabbi Moshe ben Maimon o Maimonide (1138-1204).

** Gli ebrei non venivano trattati in un ospizio cristiano a meno che non accettassero di convertirsi. Furono creati anche ospedali ebraici per combattere questo missionarismo che imponeva la conversione in cambio di cure. I monaci non lo imposero ai musulmani che erano i padroni del paese.

471 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page