top of page
Cerca

Hashimoto: la medicina convenzionale non riesce a fornire un trattamento efficace



Hashimoto è una malattia autoimmune non solo un disturbo della tiroide. Ma la parte autoimmune della malattia è spesso poco compresa e talvolta completamente ignorata. Ci sono molte ragioni per questo, ma il risultato è che c'è un enorme vuoto nel nostro modello sanitario per il trattamento, la gestione e, persino, la corretta comprensione di questa condizione. In questo articolo esplorerò molti aspetti della malattia autoimmune e perché dovrebbe essere importante per te.


Secondo le statistiche attuali dell'American Autoimmune Related Disease Association, la malattia autoimmune è un'epidemia. C'è un'epidemia globale di malattie autoimmuni in corso in questo momento. Basta studiare i dati disponibili. È scioccante quanta poca attenzione stia ricevendo. Questo è particolarmente scioccante quando si capisce come viene definita la malattia autoimmune. Quante persone pensi abbiano una malattia autoimmune non diagnosticata? Milioni e milioni.

Perché non ci sono più persone che ne parlano? È perché non si è in pericolo di vita? In realtà, la malattia autoimmune è nella top 1. E i numeri sono più alti di altre grandi malattie. Negli Stati Uniti, la malattia autoimmune della tiroide è la più comune di tutte le malattie autoimmuni, che colpisce il 7-8% degli Stati Uniti. Ed è in costante crescita anche in Italia.


Per alcuni, gestire l'Hashimoto autoimmune è facile come mangiare senza glutine. Per altri, richiede tentativi ed errori per trovare i trigger che hanno attivato la patologia. La tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune in cui il corpo attacca e distrugge la propria ghiandola tiroidea. Pezzo per pezzo il tuo corpo mastica e distrugge la tua tiroide. La malattia autoimmune non ha cura. Una cosa che è importante capire sulla malattia autoimmune è che è incurabile. La condizione può andare in remissione, ma non scompare mai.


I sintomi di Hashimoto sono debilitanti. La medicina convenzionale non riesce a fornire un trattamento efficace. Ora c'è un modo per affrontare la malattia attraverso la dieta. Sfortunatamente, alcuni operatori sanitari e pazienti credono che questa remissione sia una cura. Lascia che te lo dica semplicemente: chiunque ti dica che può curare la tua malattia autoimmune è un bugiardo, un truffatore o non capisce cosa sta succedendo. Ad oggi, non esiste un "interruttore di spegnimento" per il processo autoimmune. Una volta che hai attraversato l'autoimmunità non puoi tornare indietro. La medicina convenzionale continua a trattare la malattia di Hashimoto senza prendere in considerazione che si tratta di una condizione autoimmune.


Puoi imparare a gestirlo in modo efficace, puoi calmare l'attacco, ma non puoi mai invertire la perdita di auto-tolleranza ad alcuni alimenti. Il sistema immunitario non funziona in questo modo. Una volta che qualcosa è stato etichettato come un estraneo dal sistema immunitario, non puoi miracolosamente cambiarlo. Una volta che hai una malattia autoimmune, è facile ottenerne un'altra. Questo è vero per tutte le malattie autoimmuni. Siamo composti da tessuto fatto di proteine. Queste proteine hanno specifiche sequenze di amminoacidi. Ne parlo approfonditamente nel mio Training Informativo: Hashimoto Re-Start




Ci sono solo un numero finito di amminoacidi, quindi ci sono molti posti in cui le sequenze da un tessuto all'altro hanno le stesse sequenze. Se il tuo sistema immunitario identifica una proteina come un estraneo, non è difficile per lui confondere un'altra che sembra abbastanza simile. E questo è un processo naturale, parte del lavoro del tuo sistema immunitario è quello di sbarazzarsi delle vecchie cellule morte. Diamo un'occhiata a Hashimoto come esempio: secondo uno studio del Regno Unito, i pazienti con Hashimoto avevano un'altra malattia autoimmune, come l'artrite reumatoide che era la più comune. Ecco un piccolo elenco di altre malattie autoimmuni comuni che questa popolazione potrebbe avere:


Artrite reumatoide – una malattia autoimmune che colpisce il rivestimento delle articolazioni.

Morbo di Addison – una malattia autoimmune che colpisce le ghiandole surrenali, che producono ormoni che aiutano il corpo a rispondere allo stress e regolare la pressione sanguigna e l'equilibrio idrico e salino.

Diabete di tipo 1 – una malattia autoimmune che fa sì che i livelli di zucchero nel sangue siano troppo alti.

Malattia di Basedow/Graves – una malattia autoimmune che induce la tiroide a produrre troppo ormone tiroideo.

Anemia perniciosa – una malattia autoimmune che impedisce al corpo di assorbire la vitamina B1.

Lupus – una malattia autoimmune che può danneggiare molte parti del corpo, come le articolazioni, la pelle, i vasi sanguigni e altri organi.

Vitiligine – una malattia autoimmune che distrugge le cellule che danno alla pelle il suo colore.


La malattia autoimmune è una malattia progressiva che passa attraverso 3 fasi. Mentre questi non sono riconosciuti dalla comunità medica generale, sono molto utili clinicamente. La malattia autoimmune non è ufficialmente riconosciuta fino a che non si supera il range di riferimento. Non sarebbe meglio avere un altro modo per identificare queste malattie prima che distruggano il tessuto bersaglio?


Fasi della malattia autoimmune:

Fase 1: Autoimmunità silenziosa. In questa fase, il corpo ha perso la tolleranza al proprio tessuto, ma non ci sono ancora sintomi e non influisce realmente sul modo in cui funziona il sistema. Questa fase può, tuttavia, essere identificata da test di laboratorio che mostrano leggeri anticorpi elevati. Le persone possono rimanere in questa fase per anni. Questo è il posto migliore per iniziare una sorta di trattamento perché le probabilità di ottenere buoni risultati sono più alte.


Fase 2: Reattività autoimmune. In questa fase, è iniziata la distruzione del tessuto bersaglio.

Ci sono anticorpi elevati e alcuni sintomi. Tuttavia, la distruzione non è abbastanza significativa da essere effettivamente etichettata come malattia autoimmune perché non supera i valori del range. Questa fase è dove si trovano molti pazienti di Hashimoto. Possono o non possono aver iniziato l'ormone sostitutivo della tiroide e che possono o non possono aver normalizzato i loro risultati di laboratorio della tiroide. Tuttavia, il processo autoimmune distruttivo è attivo e sta progredendo. Questa è una fase molto importante per il trattamento della disfunzione immunitaria perché hai una maggiore possibilità di rallentare o fermare la distruzione di quel tessuto e rallentare la progressione verso altre malattie autoimmuni.


Fase 3: Malattia autoimmune. Questa è la fase in cui la medicina occidentale riconosce finalmente che si tratta di una malattia autoimmune. E ci vuole così tanto tempo perché hai bisogno di una significativa distruzione del tessuto per vedere la distruzione con una risonanza magnetica o un'ecografia. Altri risultati includono anticorpi elevati, sintomi gravi e significativi, risultati di laboratorio e studi speciali che confermano tutti una perdita di funzione.


Sfortunatamente, la fase 3 è in ritardo nel diagnosticare Hashimoto. Con Hashimoto, questa è la fase in cui la tiroide è quasi completamente distrutta. La maggior parte delle persone non raggiunge questo stadio prima che gli sia stato somministrato l'ormone sostitutivo della tiroide perché i sintomi sono già diventati così gravi che avranno cercato un medico per aiutarli in questa fase. L'ormone sostitutivo della tiroide può essere utile. La ricerca sugli effetti della terapia ormonale tiroidea suggerisce che L-T4 (Levotiroxina) riduce le dimensioni del gozzo e i livelli di autoanticorpi, tuttavia non sembra avere un effetto su specifiche cellule immunitarie che sono note per essere coinvolte in attacchi autoimmuni.


Detto questo, ci sono prove che l'assunzione di sostituzione dell'ormone tiroideo nella fase 1 o nella fase 2 può aiutare a rallentare la progressione della malattia e questo include la sua progressione verso altre malattie. La pratica di trattare i pazienti che hanno la tiroidite di Hashimoto ma i test di funzionalità tiroidea a distanza normale è supportata da uno studio. In questo studio, i ricercatori tedeschi hanno riferito che l'uso del trattamento con levotiroxina per i casi di tiroidite autoimmune di Hashimoto in cui il TSH non era ancora elevato oltre il range normale (persone che erano considerate "eutiroidee") potrebbe ridurre l'incidenza e il grado di progressione della malattia autoimmune. Nello studio per la

Tiroidite di Hashimoto (TSH di gamma normale, ma anticorpi elevati), metà dei pazienti sono stati trattati con levotiroxina per un anno, l'altra metà non è stata trattata. Dopo 1 anno di terapia con levotiroxina, i livelli di anticorpi e linfociti (evidenza di infiammazione) sono diminuiti significativamente solo nel gruppo che ha ricevuto il farmaco. Tra il gruppo non trattato, i livelli di anticorpi sono aumentati o sono rimasti gli stessi.


I ricercatori hanno concluso che il trattamento preventivo dei normali pazienti con TSH con malattia di Hashimoto ha ridotto i vari marcatori della tiroidite autoimmune e hanno ipotizzato che tale trattamento potrebbe essere in grado di fermare la progressione della malattia di Hashimoto, o forse anche prevenire lo sviluppo dell'ipotiroidismo. L'ormone tiroideo può sicuramente fornire alcuni benefici, e ci sono fonti naturali di ormone tiroideo per quelli in fase 1 o stadio 2 che potrebbero preferire l'approccio naturale. Viene usato un prodotto che ha ghiandolare tiroidea e una serie di altre erbe e integratori che supportano la ghiandola tiroidea, la funzione dell'ormone tiroideo, il legame del recettore dell'ormone tiroideo e promuove livelli sani di T3 e T4. Per molti solo l'assunzione di ormone sostitutivo della tiroide non è sufficiente.


Anche se la ricerca sopra menzionata ha dimostrato che ci può essere qualche beneficio per la terapia sostitutiva della tiroide, per molte persone non è sufficiente. Le ragioni di questo è semplice, non stanno facendo nulla per fermare i trigger che guidano le riacutizzazioni dell'attacco autoimmune e non stanno lavorando per bilanciare il sistema immunitario. Ne parlo nel mio Training Informativo Hashimoto Re-Start Ad esempio, ci sono molte cose che possono essere fatte per rafforzare la parte regolatoria del sistema immunitario (questa è la parte che rallenta l'attacco). È importante valutare e trattare le parti del sistema immunitario che sono responsabili dell'assalto al proprio tessuto.


Riepilogando: La malattia autoimmune è in aumento, soprattutto nei prossimi anni. Deve essere preso sul serio e chiunque abbia sintomi ipotiroidei dovrebbe essere testato per gli anticorpi autoimmuni della tiroide per escludere Hashimoto. L'ormone tiroideo può aiutare a rallentare il processo infiammatorio distruttivo, ma da solo non è sufficiente. C'è molto che puoi fare per bilanciare il tuo sistema immunitario e guarire il tuo Hashimoto. Poiché io stessa ho Hashimoto e un'altra malattia autoimmune, ho dovuto concentrarmi sulla guarigione e sulla gestione dell'autoimmunità. Sono felice di parlare con te e di come puoi farlo in modo efficace.






 

RESET AUTOIMMUNITA'

In questo eBook, disponibile solo per i membri del Training Informativo Hashimoto Re-Start, spiego come riconoscere le altre autoimmunità correlate ad Hashimoto, come individuarle e che cosa potrai fare.



159 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page