top of page
Cerca

Tossine e ipotiroidismo di Hashimoto



Non riuscire a gestire l'ipotiroidismo di Hashimoto può peggiorare la tua reazione alle tossine quotidiane e ai metalli pesanti che sono presenti nel nostro ambiente.


Ognuno di noi è regolarmente esposto a migliaia di sostanze chimiche diverse. I nostri corpi possono rimuoverne molti attraverso la biotrasformazione (comunemente chiamata disintossicazione), il processo attraverso il quale gli enzimi epatici convertono le sostanze chimiche in composti idrosolubili che possono essere adeguatamente eliminati attraverso il sudore, l'urina e le feci.


I prodotti chimici che possono essere biotrasformati includono pesticidi, plastica, ritardanti di fiamma e molti altri prodotti chimici nel nostro cibo, acqua e aria. Tuttavia, i metalli pesanti che non possono essere biotrasformati ed espulsi vengono immagazzinati nel grasso e nelle ossa.


Reattività ai metalli pesanti


Tutti noi immagazziniamo metalli pesanti nel nostro corpo. Gli studi antropologici mostrano che le persone antiche avevano un certo grado di esposizione ai metalli pesanti. Il vero problema è che alcune persone reagiscono ai metalli pesanti e altre no. Le persone con ipotiroidismo di Hashimoto non gestito o mal gestito sono spesso più vulnerabili agli effetti delle tossine e dei metalli pesanti a causa della scarsa funzionalità di molti dei meccanismi del corpo.


Ipotiroidismo e perdita di tolleranza immunitaria


Per quelli con ipotiroidismo di Hashimoto non diagnosticato o non gestito adeguatamente, l'attività metabolica ridotta interferisce con la funzione delle vie di eliminazione e i metalli pesanti e le sostanze chimiche iniziano a legarsi alle proteine ​​​​nel corpo in un processo chiamato aptenazione. Quando si verifica l'aptenazione, la struttura della proteina è fondamentalmente cambiata. In quanto tale, il sistema immunitario non lo riconosce più ed è contrassegnato per la distruzione e la rimozione.


Risposte immunitarie neoantigene come questa possono innescare una risposta autoimmune o esacerbarne una esistente. Non è raro produrre neoantigeni a cui il tuo sistema immunitario reagisce. Un articolo che che ho letto sul Journal of Applied Toxicology ha mostrato che su 400 campioni di donatori di sangue sani, il 15-18 percento ha mostrato risposte immunitarie a varie sostanze chimiche come ritardanti di fiamma, pesticidi e prodotti chimici per la pulizia a secco.


Ma non tutti coloro che hanno queste reazioni hanno problemi di salute, questo dipende dalla forza della tua tolleranza immunitaria. Se non riesci a gestire odori forti come profumi o gas, se i cosmetici irritano la tua pelle o se hai più sensibilità alimentari, la tua tolleranza immunitaria potrebbe essere bassa e potresti avere un aumentato rischio di reazioni autoimmuni. Ne parlo approfonditamente sul mio Training RECODE 21.


Difficoltà con la biotrasformazione


Il bisfenolo A (BPA) è una sostanza chimica comune presente nelle materie plastiche. Molti dei nostri alimenti sono confezionati in plastica contenente BPA e può essere trovato in cannucce, stoviglie di plastica e molti altri oggetti ordinari. Molte persone hanno alti livelli di BPA.


Mentre le persone con percorsi di biotrasformazione sani possono eliminare dal loro corpo il BPA e altre sostanze chimiche comuni, quelli con percorsi a basso funzionamento e uno scarso stato antiossidante hanno più difficoltà.


Questo rende il BPA più tossico per il corpo e aumenta il suo potenziale di reattività immunitaria. In effetti, è stato dimostrato che il BPA innesca l'autoimmunità tiroidea e l'autoimmunità neurologica compatibile con la sclerosi multipla. Anche la genetica gioca un ruolo importante.


Molte persone hanno polimorfismi genetici che determinano quanto siano efficaci nell'eliminare diverse sostanze chimiche. L'ipotiroidismo può impedire il processo di espulsione delle sostanze chimiche dal corpo a causa dell'infiammazione e della disfunzione metabolica ad essa associata.


La complessità delle sensibilità chimiche


Il modello comune di test per il mercurio e il piombo e il seguito con la terapia chelante non riesce ad affrontare la reattività immunitaria alle sostanze chimiche, in particolare nelle persone con ipotiroidismo o autoimmunità di Hashimoto. Infiammazione significativa, permeabilità della barriera emato-encefalica, permeabilità intestinale, scarso stato antiossidante, scarsa biotrasformazione e perdita di tolleranza immunitaria sono fattori unici per il paziente di Hashimoto non gestito adeguatamente che possono promuovere una risposta esagerata alle sostanze chimiche.


Non è la quantità di sostanze chimiche nel tuo corpo che conta di più: è la tua resilienza a queste sostanze chimiche e la capacità di metabolizzarle. Non sapere questo può persino rendere pericolosa la terapia di chelazione. Per questo dico sempre di fare attenzione alle false promesse di una chelazione uguale per tutti, la così detta One Size. Supportare la tua resilienza ai metalli pesanti e alle tossine. Puoi ridurre al minimo il rischio di sviluppare una reazione immunitaria alle sostanze chimiche comuni e ai metalli pesanti promuovendo un forte sistema antiossidante per proteggere le tue cellule dalle tossine.


Maggiore è l'infiammazione nel tuo corpo causata da altre scelte dietetiche e di stile di vita, più questo sistema è tassato e maggiore è il rischio di diventare immunoreattivo alle sostanze chimiche. Una dieta e uno stile di vita anti-infiammatori sosterranno il sistema antiossidante del tuo corpo attraverso una dieta e uno stile di vita anti-infiammatorio. Prodotti colorati e cibi ricchi di flavonoidi come frutti di bosco, cavolo rosso e verdure supportano il tuo sistema antiossidante e sono una parte fondamentale di una dieta antinfiammatoria.


Anche gli alimenti ad alto contenuto di zolfo come aglio, cipolle e asparagi sono utili, poiché sono ricchi di antiossidanti e migliorano la funzione dei percorsi di solfatazione del fegato che aiutano a eliminare le sostanze chimiche. Oltre a una dieta sana, l'esercizio fisico è un altro modo importante per aumentare i tuoi antiossidanti. Quando ti alleni, in realtà produci radicali liberi infiammatori, ma il tuo corpo risponde attivando percorsi enzimatici antiossidanti e aumentando la produzione di antiossidanti.


Tieni presente che l'esercizio eccessivo avrà l'effetto opposto, aumentando l'infiammazione e riducendo gli antiossidanti. Coloro che mantengono una dieta sana e un regime di esercizio fisico tendono ad avere quantità maggiori di antiossidanti rispetto a coloro che non lo fanno. L'esposizione a sostanze chimiche ambientali come fumi di benzina o solventi chimici, una dieta povera di flavonoidi e fibre e uno stile di vita sedentario riducono il sistema antiossidante.


Gozzigeni chimici e ipotiroidismo


È un malinteso comune che le persone con ipotiroidismo debbano evitare cibi gozzigeni come il cavolo. In effetti, questi alimenti sono spesso benefici per il paziente ipotiroideo e aiutano a promuovere il loro stato antiossidante. Ne parlo approfonditamente nel mio articolo: "Hashimoto: evitare il consumo di crucifere è sbagliato" Tuttavia, i gozzigeni chimici dovrebbero essere evitati poiché interferiscono con la capacità del corpo di assorbire lo iodio. Fortunatamente sono molto rari, ma possono essere trovati in alcuni farmaci da prescrizione come il carbonato di litio.


Questo è uno dei tanti concetti che insegno nel mio corso, Hashimoto Re-Start in cui ti guido attraverso i passaggi per gestire la tua condizione e ti fornisco questionari, ricette e strategie nutrizionali. Assicurati e approfitta dello sconto per la registrazione anticipata.


Impara a gestire i tuoi sintomi ipotiroidei nel Training di Hashimoto Re-Start più completo disponibile. Scoprirai strategie supportate dalla scienza sviluppate e testate con pazienti ipotiroidei complessi così puoi imparare come portare il tuo Hashimoto in remissione e stare in remissione il più a lungo possibile.


HASHIMOTO RE-START. Definito la Bibbia di Hashimoto. Chiunque abbia Hashimoto dovrebbe informarsi tramite HASHIMOTO RE-START. verranno trattati argomenti che difficilmente il tuo endocrinologo ne sarà a conoscenza. Il Training Informativo HASHIMOTO RE-START ti aiuterà quando parlerai con il tuo medico, perché un paziente informato è un paziente che tiene alla sua salute.











250 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page