top of page
Cerca

La verità sull'Acido Ascorbico: la vitamina C sintetica




Se pensavi di conoscere tutto sulla vitamina C, preparati a una rivelazione sconcertante: l'acido ascorbico, comunemente identificato come vitamina C, è in realtà una forma sintetica di questo prezioso nutriente. Ma le sorprese non finiscono qui: la maggior parte dell'acido ascorbico sintetico deriva da mais geneticamente modificato (OGM). Questa informazione potrebbe rivoluzionare la tua visione della vitamina C e della sua importanza per la salute.


Scoprire che la vitamina C che assumiamo non proviene sempre dalle fonti naturali può essere una sorpresa sconcertante. La maggior parte degli integratori di vitamina C sul mercato utilizza acido ascorbico isolato, estratto da fonti sintetiche e non da alimenti integrali. Questo processo di produzione rimuove tutti i cofattori benefici presenti nelle fonti naturali di vitamina C, trasformando un nutriente completo in un'entità parzialmente sintetica.


Ancora più preoccupante è il fatto che l'acido ascorbico sintetico venga spesso etichettato e commercializzato come vitamina C naturale. Lo si trova in molti prodotti biologici, dove viene utilizzato come conservante "naturale", generando confusione tra i consumatori. Il problema si estende anche ai prodotti alimentari, dove molte versioni biologiche e naturali sono cariche di acido ascorbico. Il termine "alto contenuto di vitamina C" sembra essere un'attrattiva per i consumatori, che spesso optano per questi prodotti senza rendersi conto che stanno assumendo vitamina C sintetica.


Ma perché dovremmo preoccuparci dell'acido ascorbico sintetico? Ci sono prove crescenti che l'assunzione di alte dosi di vitamina C sintetica possa essere dannosa per la salute. Studi recenti hanno evidenziato una serie di rischi legati al consumo di acido ascorbico in dosi elevate.



Uno studio pubblicato su Science nel 2001 ha mostrato che la vitamina C sintetica può contribuire alla formazione di sostanze cancerogene nel corpo. Un altro studio presentato all'American Heart Association ha suggerito un legame tra il consumo quotidiano di soli 500 mg di vitamina C sintetica e un aumento del rischio di ispessimento delle arterie. E non è tutto: gli atleti che assumono dosi elevate di acido ascorbico sintetico hanno mostrato una ridotta capacità di resistenza a causa dell'interferenza con gli enzimi antiossidanti nel corpo.


Queste scoperte dovrebbero far riflettere chiunque stia considerando l'assunzione di integratori di vitamina C sintetica. Questi prodotti non solo non aumentano l'immunità come spesso si crede, ma possono anche comportare rischi per la salute a lungo termine.


In determinate circostanze e per i malati gravi, la terapia con acido ascorbico OGM ad alte dosi può essere utile. Ad esempio, usare la terapia con acido ascorbico per via endovenosa subito dopo ogni rimozione di amalgama. Ciò impedisce al mercurio rilasciato di essere immagazzinato nei tessuti. In caso contrario, si rischia lo sviluppo di malattie autoimmuni.


La vitamina C sintetica, come l'acido ascorbico, agisce più come un farmaco nel corpo che come un nutriente alimentare completo. L'assunzione di vitamine sintetiche può causare squilibri nel corpo e dovrebbe essere evitata il più possibile. Una tendenza preoccupante è l'uso di alte dosi di vitamina C sintetica durante la malattia. Questo approccio non ha una base scientifica solida e può comportare rischi per la salute, soprattutto considerando i potenziali effetti negativi dell'acido ascorbico sintetico sul corpo.


La vitamina C sintetica, o acido ascorbico, non è una sostanza naturale. Non si trova nelle piante o negli alberi e non può essere coltivata in agricoltura. Può essere prodotta solo in laboratorio. Contrariamente a quanto si pensa, l'acido ascorbico e la vitamina C non sono la stessa cosa. L'acido ascorbico non costituisce una vitamina completa, ma è solo una parte della vitamina C completa. Quest'ultima comprende altri elementi come la rutina, i bioflavonoidi (noti anche come vitamina P), il fattore K, il fattore J, il fattore P e la tirosinasi. Affinché il corpo possa assorbire e beneficiare pienamente della vitamina C, tutti questi elementi devono essere presenti. Poiché l'acido ascorbico sintetico non contiene l'intero complesso, il corpo deve trarre i componenti mancanti da altre fonti o semplicemente eliminare l'acido ascorbico attraverso l'urina senza alcun beneficio.


Sebbene la vitamina C sia stata ampiamente promossa come rimedio per il raffreddore comune, è importante considerare il tipo di vitamina C che si sta assumendo. Linus Pauling, che ha reso popolare l'idea dell'assunzione massiccia di vitamina C negli anni '70, non aveva a disposizione la forma sintetica OGM che viene comunemente utilizzata oggi.


Quindi, cosa possiamo fare per garantire un adeguato apporto di vitamina C senza rischi per la salute?


La risposta è semplice: optare per fonti di cibi integrali ricche di vitamina C. Frutta e verdura fresche, lattofermentate e prodotti locali sono tutte ottime fonti di questo importante nutriente. Evitare l'acido ascorbico sintetico e optare per integratori di vitamina C naturali, come l'acerola o il camu camu, può contribuire a mantenere una buona salute senza rischi per la salute a lungo termine.


In conclusione, è importante essere consapevoli della differenza tra vitamina C naturale e sintetica e fare scelte informate per la propria salute. Optare per fonti di cibi integrali e integratori naturali può aiutare a garantire un adeguato apporto di vitamina C senza rischi per la salute.


Un ottimo integratore di vitamina C lo puoi trovare cliccando qui


 




433 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page