top of page
Cerca

Rimedi naturali per noduli tiroidei



Un nodulo tiroideo può essere un nodulo solido o pieno di liquido ed è posizionato sulla ghiandola tiroidea. Oltre il 95% dei noduli tiroidei sono benigni o non cancerosi. Può essere singolo o può crescere in gruppo. I noduli possono essere freddi o caldi a seconda della quantità di produzione dell'ormone tiroxina che determina il tasso metabolico del nostro corpo. I noduli tiroidei sono il disturbo più comune che coinvolge il sistema endocrino, ma quando si sente un nodo alla gola o viene rilevato durante un esame fisico di routine, è normale sentirsi preoccupati.


Anche se i noduli tiroidei, nella maggioranza dei casi sono benigni, in alcuni casi, questi noduli possono causare problemi alla tiroide e sintomi compressivi che influenzano il modo in cui si mangia e si parla. E solo il 5-10% dei noduli tiroidei risulta maligno. Quindi, come fai a sapere quando preoccuparti dei noduli tiroidei? E se non è il cancro alla tiroide, cosa sta causando questo nodo alla gola? Cerchiamo di capirci di più.


Cosa sono i noduli tiroidei?


I noduli tiroidei sono escrescenze che si sviluppano all'interno della ghiandola tiroidea, che si trova in gola, proprio dietro il pomo d'Adamo. Quando il tessuto tiroideo cresce in modo anomalo, crea un nodulo. I noduli tiroidei possono presentarsi come un singolo nodulo o come noduli multipli e possono essere solidi o riempiti di liquido. I noduli tiroidei sono in realtà abbastanza comuni, colpendo fino al 65% della popolazione generale. Secondo una ricerca pubblicata su JAMA, la maggior parte dei noduli tiroidei sono benigni e clinicamente insignificanti, ma circa il 10% dei noduli ospita un cancro clinicamente significativo, il 5% causa sintomi compressivi e il 5% progredisce verso una malattia funzionale. (1)


Segni e sintomi di noduli tiroidei


Lo sviluppo dei sintomi dei noduli tiroidei non è comune; infatti, i noduli si trovano di solito incidentalmente quando vengono eseguiti altri studi di imaging e non perché un paziente avesse segni. Ma alcune persone con noduli tiroidei, circa l'11-22%, sperimentano quelli che vengono chiamati sintomi compressivi, che possono includere quanto segue:

  • Pienezza del collo: A volte i noduli tiroidei possono essere sentiti quando si esamina il collo e la gola, e anche visti, che è da gonfiore alla base del collo.

  • Disfagia: La disfagia, o difficoltà a deglutire, può essere un sintomo associato ai noduli tiroidei perché il nodulo sta causando un senso di massa nell'esofago o sta impedendo il normale passaggio del cibo. Ciò può causare dolore durante la deglutizione, non essere in grado di deglutire o avere la sensazione che il cibo sia bloccato in gola.

  • Odinofagia: Questo è un termine medico usato quando la deglutizione provoca dolore alla bocca, alla gola o all'esofago. Poiché i noduli tiroidei più grandi stanno creando pressione nella gola e nel collo, può essere doloroso in queste aree.

  • Soffocamento: Poiché i noduli tiroidei grandi o gonfi rendono difficile la deglutizione, possono portare al soffocamento.

  • Dispnea: La dispnea, o difficoltà respiratorie e mancanza di respiro, può verificarsi con noduli tiroidei più grandi.

A volte, i noduli tiroidei possono indurre il corpo a produrre tiroxina aggiuntiva, che è un ormone che viene secreto dalla ghiandola tiroidea. Ciò può portare a sintomi di ipertiroidismo, tra cui nervosismo, ansia, disturbi del sonno, tachicardia, perdita di peso inspiegabile, sudorazione eccessiva e debolezza muscolare. (2)


Questi sintomi possono verificarsi in entrambi i noduli tiroidei benigni e maligni, quindi non indicano un aumentato rischio di cancro alla tiroide. I ricercatori di Rutgers nel New Jersey hanno scoperto che le dimensioni del nodulo tiroideo e le dimensioni del lobo sono direttamente correlate con i sintomi compressivi. Il loro studio indica che dei pazienti con sintomi compressivi e una dimensione del nodulo tiroideo superiore a 1,5 centimetri, il 97% di loro ha sperimentato un miglioramento dei sintomi dopo l'intervento chirurgico. (3)





Noduli tiroidei Cause e fattori di rischio


I noduli tiroidei sono molto comuni e ci sono diverse condizioni che possono causarne lo sviluppo nella ghiandola tiroidea, tra cui: (4)

  • Carenza di iodio: Bassi livelli di iodio sono associati ad un aumentato rischio di sviluppare gozzi o un ingrossamento della ghiandola tiroidea. (5)

  • Malattia di Hashimoto: La malattia di Hashimoto provoca l'infiammazione della ghiandola tiroidea e può causare l'ingrandimento della ghiandola tiroidea. Questo disturbo deriva dalla sottoproduzione dell'ormone tiroideo e può portare alla graduale distruzione della ghiandola tiroidea stessa. Per andare in remissione con Hashimoto, ti invito a iscriverti al corso Hashimoto Re-Start (basato su ricerche scientifiche aggiornate)

  • Crescita eccessiva del tessuto tiroideo: A volte c'è una crescita eccessiva del normale tessuto tiroideo, che è chiamato adenoma tiroideo. Non è chiaro perché ciò accada, ma può portare a grumi nella ghiandola tiroidea e una sovrapproduzione di ormoni tiroidei.

  • Cisti tiroidea: una cisti piena di liquido può svilupparsi nella tiroide, che può essere il risultato di una crescita anormale del tessuto tiroideo. Queste cisti sono spesso un mix di componenti solidi e fluidi e di solito sono benigne. A volte, tuttavia, i componenti solidi in una cisti possono essere maligni.

  • Gozzo tiroideo: Un gozzo un ingrandimento anormale della ghiandola tiroidea che provoca un rigonfiamento nel collo. Questo può verificarsi quando c'è una sovrapproduzione o sottoproduzione di ormoni tiroidei.

  • Cancro alla tiroide: La maggior parte dei noduli tiroidei sono benigni e sono causati da altri fattori, ma a volte un nodulo è causato da cellule cancerose nella tiroide. Se un nodulo è duro, grande e doloroso, c'è un rischio maggiore di malignità.

Ecco alcuni fatti sui fattori di rischio associati ai noduli tiroidei: (6)

  • Sono quattro volte più comuni nelle donne rispetto agli uomini.

  • L'aumento delle dimensioni dei noduli e il nuovo sviluppo sono legati ai cambiamenti ormonali sia degli estrogeni che del progesterone, motivo per cui i noduli si trovano spesso nelle donne in gravidanza.

  • La loro frequenza aumenta con l'età

  • Sono legati a un basso apporto di iodio.

  • L'esposizione alle radiazioni ionizzanti (che può verificarsi durante l'infanzia o a causa dell'esposizione professionale) è associata ad un aumentato rischio di sviluppare il cancro alla tiroide. La quantità di esposizione alle radiazioni necessaria per aumentare il rischio di cancro è superiore a quella prodotta dai raggi X di routine.

Diagnosi di malattia della tiroide


La stragrande maggioranza dei noduli tiroidei non sono cancerosi, ma per determinare se il nodulo è maligno o meno, un medico che ha familiarità con questo campo dovrà eseguire test per fare una diagnosi. L'ecografia è lo strumento di imaging più comune per i noduli tiroidei, insieme a una biopsia di aspirazione con ago sottile, che fornisce un campione di tessuto per testare se il nodulo è maligno. Poiché solo circa il 10% dei noduli risulta essere maligno, la decisione di operare sui pazienti viene presa solo dopo la diagnosi con ecografia.


Un'ecografia identificherà noduli troppo piccoli per essere rilevati da un semplice esame del collo e la presenza di più noduli. Inoltre, una misurazione accurata dei noduli può essere presa con l'ecografia.

Se i risultati di un'ecografia richiedono una biopsia di aspirazione con ago sottile, di solito viene eseguita con la guida ecografica. Un operatore sanitario prenderà le cellule dal nodulo tiroideo e lo esaminerà al microscopio per rilevare se è canceroso o benigno.


L'esecuzione di una biopsia per determinare il rischio di malignità ha ridotto drasticamente il numero di tiroidectomie. Se la biopsia mostra una lesione benigna, sarà seguita da esami ecografici annuali e ripetute aspirazioni con ago sottile se il nodulo aumenta di dimensioni o sviluppo. Se la lesione è maligna, si raccomanda la tiroidectomia totale.


Per fare una diagnosi, il medico può eseguire un esame approfondito della testa e del collo, in quel momento lui o lei sentirà il nodulo per la fermezza e valuterà il movimento della piega vocale. I seguenti risultati durante un esame fisico aumentano la preoccupazione per la malignità: (7, 8)

  • noduli di dimensioni superiori a 4 centimetri

  • noduli che sono fermi quando vengono toccati

  • noduli fissati ai tessuti adiacenti

  • malattia o infiammazione dei linfonodi (chiamata linfoadenopatia cervicale)

  • immobilità delle corde vocali, che può causare problemi con la voce e la deglutizione

  • noduli trovati nei bambini piccoli, che hanno un tasso di malignità più elevato rispetto agli adulti.


Trattamento convenzionale


Il trattamento per i noduli tiroidei dipende dalla stima iniziale del rischio che si basa su un'ecografia o un rapporto di citologia. I medici formuleranno un piano di trattamento basato sul rischio stimato di malignità e sulla presenza e gravità dei sintomi. Se una biopsia tiroidea suggerisce che il nodulo è benigno, allora il piano di trattamento più appropriato è semplicemente l'osservazione. Questo di solito comporta ripetuti esami del sangue della tiroide, ultrasuoni ed esami fisici ogni anno. Se il nodulo aumenta di dimensioni, potrebbe essere necessaria un'altra biopsia. (9) Se il nodulo ingrossato sta causando sintomi compressivi, i seguenti tipi di terapia possono essere usati per trattare i noduli tiroidei benigni: (10)

  • Terapia ormonale tiroidea: gli ormoni tiroidei sono spesso usati per ridurre le dimensioni di un nodulo. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, la terapia ormonale tiroidea ha lo scopo di ridurre la produzione di ormone stimolante la tiroide e diminuire la crescita del tessuto tiroideo.

  • Chirurgia: Se un nodulo tiroideo benigno sta rendendo difficile la deglutizione o il respiro, diventando più grande e creando una massa nel collo, o producendo troppo ormone tiroideo, può essere rimosso con la chirurgia.

  • Trattamento con iodio radioattivo: la terapia con iodio radioattivo (RAI) ha lo scopo di distruggere le cellule che compongono la ghiandola tiroidea, riducendo così le dimensioni della ghiandola. La terapia RAI di solito non è raccomandata per i pazienti con rischio basso o anche moderato di cancro alla tiroide. (11)

  • Trattamento di ablazione laser o a radiofrequenza: il trattamento di ablazione a radiofrequenza è molto più comune nei paesi europei e asiatici. Ha lo scopo di ridurre il volume del nodulo in noduli grandi, in costante crescita e benigni, senza influire sulla funzione tiroidea. (12))

I noduli maligni giustificano la rimozione chirurgica. Ci sono due opzioni chirurgiche: la rimozione totale della ghiandola tiroidea, che è chiamata tiroidectomia totale, o la rimozione di metà della ghiandola tiroidea, chiamata lobectomia tiroidea.


Rimedi naturali per i sintomi della malattia della tiroide


1. Evitare carenza di iodio


È ben noto che lo stato di iodio è un determinante chiave dei disturbi della tiroide. La carenza di iodio può causare ipotiroidismo e gozzo perché il minerale aiuta a convertire e rilasciare gli ormoni tiroidei. I disturbi della tiroide causati da bassi livelli di iodio possono causare complicazioni cardiache, metabolismo lento, fluttuazioni di peso e cambiamenti di umore. (13) Utilizzare solo integratori di iodio sotto la cura del medico e assicurarsi di essere monitorati per gli effetti collaterali. Alte dosi di iodio possono effettivamente aggravare i sintomi del disturbo della tiroide. Anche con Hashimoto attenzione, fare sempre una ioduria urinaria prima di integrare e comunque integrare con il consenso del medico.


2. Mangia cibi ricchi di selenio, zinco e vitamine del gruppo B


Per migliorare i sintomi della malattia della tiroide, assicurarsi di ottenere abbastanza selenio, zinco e vitamine del gruppo B nella vostra dieta. Questi nutrienti sono necessari per la corretta funzione tiroidea e aiuteranno a bilanciare i livelli di ormone tiroideo. Sapevi che la tiroide è l'organo con il più grande contenuto di selenio? Il minerale è necessario per la conversione degli ormoni T4 e T3.


3. Evitare cibi infiammatori


Una possibile causa di noduli tiroidei e altri problemi legati alla ghiandola tiroidea è l'infiammazione. L'infiammazione può effettivamente rallentare la conversione e la produzione degli ormoni tiroidei. Per questo motivo, è importante evitare cibi infiammatori che non faranno che peggiorare questi problemi. Ciò significa stare lontano da alimenti trasformati, alimenti con zuccheri aggiunti e altri possibili alimenti trigger come quelli contenenti glutine.


4. Ridurre i livelli di stress


La ricerca mostra che sia lo stress fisico che mentale possono causare cambiamenti ai livelli di ormone tiroideo. Per evitare che le ghiandole endocrine diventino sovraccariche, che possono causare danni al corpo sopprimendo la funzione immunitaria e alterando la funzione delle ghiandole surrenali e tiroidee, è importante gestire i livelli di stress e riposare a sufficienza. Puoi farlo provando antistress naturali, come l'esercizio fisico, dormendo 7-9 ore a notte, mettendo da parte il tempo nella tua giornata per fare qualcosa di divertente e rilassante e unendoti a una comunità di fede o a un gruppo di supporto.


6. Prendi i probiotici


Una nuova ricerca ha collegato l'ipotiroidismo a disturbi dell'intestino tenue, come la SIBO (crescita eccessiva batterica dell'intestino tenue). I ricercatori hanno scoperto che la crescita eccessiva di alcuni batteri può aumentare il rischio di disfunzione tiroidea. Infatti, è stato riportato che SIBO può essere presente in più della metà dei pazienti con ipotiroidismo. (14) L'assunzione di integratori probiotici e l'aggiunta di alimenti probiotici alla dieta può aiutare a bilanciare i batteri buoni e cattivi nell'intestino, migliorando potenzialmente la funzione tiroidea.


7. Ridurre le esposizioni tossiche


L'esposizione a tossine chimiche può causare reazioni infiammatorie che ostacolano la corretta funzione tiroidea. Alcuni farmaci, pillole anticoncezionali ormonali e prodotti di bellezza o per la pulizia domestica dovrebbero essere evitati quando possibile o, almeno, sostituire i prodotti per la pulizia con prodotti naturali. Vale anche la pena ricordare che i metalli pesanti come il mercurio e le otturazioni in amalgama possono interrompere l'equilibrio ormonale, motivo per cui può essere utile vedere un dentista olistico e rimuovere le otturazioni d'argento. (15, 16)


8. Utilizzare l'olio biofrequenziato Equilibrium


Equilibrium è il nostro olio Brassicaceae In Ricinus Communis, spremuto a freddo, purissimo, da cui abbiamo estratto preziosissimi prinicipi attivi che andranno in supporto a noduli tiroidei benigni, benessere endocrino, supporto epatico e intestinale, infiammazioni croniche e molto altro. Dall'aroma intenso tipica della pianta appartenente alla famiglia delle Brassicacee risultato di un prodotto totalmente naturale e dalla presenza di zolfo puro. Ogni boccetta di eQuilibrium è stata biofrequenziata con frequenze salutari per ben 72 ore. Puoi acquistarlo con l'olio bio frequenziato Balance per veicolarlo come oli vettore dalle mille proprietà. Approfitta della promozione 1+1. Acquisti una confezione di Equilibrium l'altra la riceverai in regalo!




1.313 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page