top of page
Cerca

Tiroide: nutrienti essenziali e conversione T4 in T3



Prima di descriverti i nutrienti essenziali in supporto al buon funzionamento della tiroide, ti spiego le cause che potrebbero rallentare la conversione dell'ormone tiroideo. Devi sapere che la funzione tiroidea è come una staffetta, con gli ormoni che passano il testimone dall'ipotalamo nel cervello alla ghiandola pituitaria sottostante, quindi alla ghiandola tiroidea, al fegato e infine alle cellule di tutto il corpo.


L'ipotalamo trasmette messaggi alla ghiandola pituitaria tramite il messaggero chimico dell'ormone di rilascio della tireotropina (TRH). Una volta che il TRH trasmette il suo messaggio, la ghiandola pituitaria rilascia l'ormone stimolante la tiroide (TSH).


Il TSH va direttamente alla tiroide dove innesca la produzione di una proteina chiamata tireoglobulina.


La tireoglobulina si unisce a quattro molecole di iodio per produrre l'ormone tiroideo T4, o tiroxina.

Circa il 94% dell'ormone prodotto nella ghiandola tiroidea è T4.


Il restante 6% è triiodotironina (T3), così chiamata per le sue tre molecole di iodio.


Questi ormoni tiroidei fanno l'autostop attraverso il flusso sanguigno sulle proteine ​​​​della globulina legante la tiroxina, durante il quale vengono indicati come "legati". Quando vengono rilasciati nelle cellule per il servizio attivo, vengono chiamati ormoni "liberi".


Sebbene la tiroide secerne solo una piccola quantità di T3, è la forma più attiva che l'organismo può utilizzare. T4 deve essere convertito in T3 prima che il corpo possa usarlo. La maggior parte di questa conversione avviene nel fegato, ma avviene anche nelle cellule del cuore, dei muscoli, dell'intestino e dei nervi.

Queste cellule convertono T4 in T3 con un enzima chiamato tetraidotironina 5' deiodinasi, che rimuove una molecola di iodio.


Alla fine, solo il 60 % circa del T4 viene convertito in T3 utilizzabile. Il 20% diventa T3 inverso (rT3), una forma inattiva che il corpo non può utilizzare.


I livelli di rT3 possono diventare troppo alti in periodi di traumi gravi, interventi chirurgici, stanchezza surrenale o gravi malattie croniche.

Un altro 20% di T4 può essere convertito in T3 da batteri intestinali sani nel tratto digestivo.


La salute del fegato e dell'intestino sono fondamentali per la conversione degli ormoni tiroidei. La conversione di T4 in T3 è la chiave per il corretto funzionamento della tiroide e di tutti i sistemi corporei che dipendono da essa.





A parte la ghiandola tiroidea, il fegato e l'intestino sono luoghi primari per la conversione di T4 in T3 e luoghi in cui possono verificarsi guasti in questa conversione.


Il fegato ha diversi canali attraverso i quali metabolizza gli ormoni, filtra le tossine e pulisce il sangue. I sottoprodotti di questi processi vengono scaricati nella cistifellea per la rimozione finale.


La bassa funzionalità tiroidea ostacola l'intero processo, rendendo il fegato e la cistifellea pigri e congestionati.


E poiché gli ormoni tiroidei vengono convertiti in una forma utilizzabile nel fegato, puoi vedere come l'ipotiroidismo crea un circolo vizioso di ostacolare la funzionalità epatica in modo che la conversione da T4 a T3 ne risenta.

Inoltre, quando il fegato non è in grado di scomporre correttamente gli ormoni per l'eliminazione, possono tornare nel flusso sanguigno in una forma ancora più tossica rispetto a quando sono entrati nel fegato. Questo è particolarmente vero con gli estrogeni.


Elevati estrogeni influenzano direttamente la funzione tiroidea ostacolando la conversione del fegato di T4 in T3 attivo e creando troppe proteine ​​​​leganti la tiroide in modo che gli ormoni tiroidei non possano entrare nelle cellule del corpo.


L'intestino converte circa il 20% di T4 in T3, ma solo in presenza di un numero sufficiente di batteri intestinali sani.

Questi batteri svolgono molte funzioni, una delle quali è facilitare la conversione di T4 in T3. Quando le diete sono povere e la digestione vacilla, si verifica una sovrabbondanza di batteri cattivi, che spiazzano i batteri benefici e ostacolano la conversione della tiroide.

Riesci a capire perché qualcosa di semplice come l'uso di antibiotici, che elimina tutta la flora intestinale, buona e cattiva, può smorzare la funzione tiroidea? Puoi leggere di più su RECODE 21

L'infiammazione gastrica da disbiosi (squilibri di batteri intestinali) o infezione riduce il T3 attivo in un altro modo. L'infiammazione crea una reazione di allarme, facendo sì che le ghiandole surrenali producano più cortisolo.


Il cortisolo può ridurre ulteriormente i livelli di T3 attivo mentre aumenta i livelli di T3 inattivo.

Nel mio Training Informativo Hashimoto Re-Start che tratta le problematiche sulla tiroide, insieme a RECODE 21 tratto quello che chiamo il programma del ripristino della diversità intestinale. La fase della diversità intestinale aiuta a ripristinare i batteri intestinali sani necessari per la conversione di T3.


Fattori che impediscono la conversione di T4 in T3


È noto che lo stress cronico ostacola la conversione della tiroide:

  • Influenza la comunicazione tra il cervello e le ghiandole ormonali.

  • Aumenta l'attività della proteina legante la tiroide, in modo che gli ormoni tiroidei non possano entrare nelle cellule per svolgere il loro lavoro.

Ostacolare la conversione di T4 in T3


Ostacolare le vie di disintossicazione attraverso le quali gli ormoni tiroidei non necessari escono dal corpo, portando alla resistenza dell'ormone tiroideo (l'incapacità delle cellule di ricevere l'ormone tiroideo).


Causando la perdita di sensibilità delle cellule agli ormoni tiroidei. Con conseguente produzione in eccesso dell'ormone surrenale cortisolo. In questo scenario, il corpo produce molta T4, ma troppo cortisolo impedisce al corpo di essere in grado di convertire una quantità sufficiente di T4 in T3 utilizzabile.


L'infiammazione da infezioni intestinali, infezioni virali croniche, malattia di Lyme, intolleranze alimentari, muffe o composti ambientali possono interrompere la conversione di T4 in T3.


Trovare la causa dell'infiammazione e migliorare lo stato antiossidante sono le chiavi di supporto. Nota: spesso non viene diagnosticata una conversione inadeguata da T4 a T3 perché un livello di T3 basso non influisce sui livelli di TSH. Assicurati che il tuo medico sia disposto a testare FT3 e FT4 insieme a TSH.



Le carenze dei neurotrasmettitori serotonina e dopamina ostacolano la conversione di T4 in T3 e rallentano la comunicazione del cervello con la tiroide. L'anemia è un rompicapo per il supporto della tiroide di qualsiasi tipo, poiché l'anemia fa letteralmente morire di fame il tuo corpo di ossigeno.


Quando i globuli rossi vengono privati ​​dell'ossigeno, le funzioni di base che mantengono, rigenerano e guariscono il corpo semplicemente non possono funzionare adeguatamente, se non del tutto. Un operatore sanitario qualificato dovrebbe valutare una persona con anemia.



Fai attenzione alo iodio e alla tirosina


Se hai mai sostenuto la tiroide in modo naturale, è probabile che tu riconosca la tirosina e lo iodio, poiché sono presenti nella maggior parte degli integratori alimentari per la tiroide.


Sebbene la tirosina e lo iodio siano nutrienti vitali per la tiroide, la ricerca mostra che l'integrazione con essi può effettivamente peggiorare una condizione della tiroide anche se possono far sentire una persona più energica:


Lo iodio, che è discusso più dettagliatamente in questo articolo, ha dimostrato di innescare condizioni tiroidee autoimmuni e inoltre esacerba una malattia tiroidea autoimmune esistente, come quella di Hashimoto. Considero prudente escludere lo iodio da un integratore tiroideo.


La tirosina è parte integrante della produzione dell'ormone tiroideo, ma un'integrazione con essa ha il potenziale per sopprimere l'attività tiroidea. La tirosina aumenterà gli ormoni surrenali epinefrina e norepinefrina che creano quella sensazione energica, che può sembrare un progresso quando una persona è stata afflitta dalla stanchezza e dalla nebbia dell'ipotiroidismo. Tuttavia, per la persona in una risposta allo stress elevata, questo effetto stimolante sulle ghiandole surrenali sopprimerà anche l'attività del TPO e, di conseguenza, la produzione di ormoni tiroidei, proprio come fanno la caffeina e altri stimolanti surrenali. Nota: quando è evidente una carenza di dopamina, può essere giustificato un uso giudizioso della tirosina.

Fattori nutrizionali per supportare la sintesi da T4 a T3


Interi libri sono dedicati al tema degli alimenti che supportano una sana funzione tiroidea, quindi qui mi limiterò a citare alcuni nutrienti degni di nota che supportano la produzione di T3 e T4. Supportano anche il legame sano del recettore dell'ormone tiroideo e il metabolismo che produce energia, utile durante la funzione tiroidea bassa.



Una sana produzione di ormoni, compresa la produzione di ormoni tiroidei, dipende dagli acidi grassi essenziali (EFA). Questi nutrienti si trovano nei pesci d'acqua fredda e in molte noci e semi crudi e non lavorati. Gli EFA non solo contribuiscono ai nutrienti per gli ormoni, ma anche per la corretta comunicazione cellulare, la funzione cerebrale e altro ancora.

Si stima che il rapporto ideale tra grassi omega-6 e omega-3 negli EFA sia compreso tra 1:1 e 4:1. Purtroppo, il rapporto dell'occidentale medio è più simile a 25:1, grazie alle diete ricche di oli vegetali trasformati.

La perossidasi tiroidea (TPO) è l'enzima della tiroide responsabile della produzione degli ormoni tiroidei. Libera iodio da aggiungere alla tirosina per la produzione di T4 e T3. Questo processo coinvolge molti cofattori, tra cui selenio, rame, magnesio, niacina, riboflavina, piridossal-5-fosfato (la forma attiva della vitamina B6) e zinco. Assicurati di mangiare abbastanza di questi cofattori nel cibo o tramite l'integrazione se i test dimostrano che hai una carenza.

È stato dimostrato che un basso stato di zinco compromette la produzione di T3. Gli studi hanno dimostrato che l'integrazione di zinco migliora la produzione di ormoni tiroidei. Questi effetti possono essere dovuti al ruolo cofattore svolto dallo zinco con la deiodinasi di tipo I 5'. Lo zinco può svolgere un ruolo nella riduzione degli anticorpi tiroidei.

La vitamina A è un altro nutriente fondamentale per l'attività tiroidea. Quando un ormone tiroideo si lega al sito del recettore di una cellula, innesca una serie di reazioni biochimiche che portano messaggi al nucleo. La vitamina A sembra influenzare la capacità dei recettori degli ormoni tiroidei nella funzione del nucleo della cellula.


È stato dimostrato che i composti guggulsteroni, Commiphora muku (guggulu. in questa erba stimolano la sana sintesi degli ormoni T3. Sembrano anche avere la capacità di bilanciare il colesterolo LDL e ridurre la perossidazione lipidica.

Il selenio è il principale cofattore dell'enzima 5' deiodinasi, che è responsabile della conversione di T4 in T3 oltre a degradare rT3 (inverso T3). Gli studi hanno confermato una minore produzione di T3 negli individui con un basso stato di selenio.

Crema liposomiale di fosfatidilserina che fornisce composti nutritivi per modulare la risposta allo stress, inclusi 2000 mg al giorno di fosfatidilserina.


Inoltre, un supporto alla tiroide con gli oli bio frequenziati, puoi saperne di più cliccando qui








1.348 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page