top of page
Cerca

ASTAXANTINA: protegge le cellule, dona forza e resistenza



Tra le tante sostanze fantastiche che la natura offre, l'astaxantina gioca un ruolo molto importante. Alghe, plancton, alcune piante, batteri e muffe compongono questo colorante rosso-arancio per proteggere da condizioni ambientali difficili come radiazioni UV dannose e calore o freddo estremi. Sicuramente hai già visto come le alghe in uno stagno cambiano improvvisamente il loro colore dal verde al rosso. Poi sono sotto stress e hanno alzato il loro scudo protettivo. L'astaxantina appartiene alla famiglia dei carotenoidi che colorano frutta e verdura e portano nel piatto le carote rosso-arancio. L'astaxantina ha reso famoso il salmone. Il suo "rosso salmone" è diventato un simbolo del mangiar sano. I carotenoidi sono importanti antiossidanti che proteggono le cellule e rafforzano il sistema immunitario.

L'astaxantina ha proprietà straordinarie

L'astaxantina colpisce per il suo bel colore rosso-arancio, che dà a salmone, fenicotteri, granchi, gamberi e alghe della pioggia di sangue (Haematococcus pluvialis). L'astaxantina è un antiossidante particolarmente efficace che protegge le cellule dai danni causati dai radicali liberi. In modo simile, protegge anche grassi, proteine ​​e DNA, anch'essi esposti all'attacco dei radicali liberi. Per una protezione efficace delle cellule, dobbiamo assumere ogni giorno una quantità sufficiente di antiossidanti nella nostra dieta. Più forte è l'antiossidante, migliore è la protezione.

La nostra salute, energia vitale e benessere si basano su cellule sane, quindi dobbiamo fare tutto il possibile per nutrirle e proteggerle. I carotenoidi danno un contributo significativo a questo. L'astaxantina è il "re dei carotenoidi" e uno degli antiossidanti più potenti che conosciamo.

L'astaxantina è uno dei carotenoidi (ma è risaputo che la stessa cosa non è sempre la stessa). Una piccola differenza chimica nella struttura rende l'astaxantina la stella tra di loro: l'astaxantina può attraversare la barriera emato-encefalica e dispiegare le sue proprietà di protezione delle cellule direttamente nel cervello. Solo poche sostanze possono farlo. L'astaxantina può penetrare nella barriera protettiva degli occhi, la barriera emato-oculare, e garantire la salute degli occhi. Questo è importante per la retina, ma anche la cataratta e altre malattie degli occhi sono associate a processi di ossidazione, cioè alla distruzione cellulare.


Tuttavia, l'astaxantina può fare di più per proteggere le cellule. Le cellule hanno i propri meccanismi di difesa antiossidante che usano per proteggersi il più possibile. Per fare questo, usano alcuni enzimi di protezione delle cellule come la superossido dismutasi (SOD), la catalasi e la perossidasi. L'astaxantina aumenta le difese della cellula fino al 120 percento aumentando la produzione di questi enzimi. Inoltre, l'astaxantina non può diventare un pro-ossidante che distrugge le cellule invece di proteggerle. I pro-ossidanti sono sostanze che promuovono la formazione di radicali liberi, mentre gli antiossidanti prevengono l'ossidazione. Mentre la maggior parte degli altri antiossidanti può diventare pro-ossidante in determinate circostanze, l'astaxantina protegge le cellule in modo stabile, affidabile e privo di rischi. Tutte queste proprietà rendono comprensibile il motivo per cui l'astaxantina contribuisce a una vita più lunga.

Astaxantina - la protezione ottimale per le cellule

L'invecchiamento inizia nelle cellule. Le cellule ben fornite e protette invecchiano più lentamente. Se seguiamo questo semplice principio, ne guadagneremo molto. Le cellule hanno bisogno di nutrienti e hanno bisogno di antiossidanti per proteggerle dai radicali liberi. I radicali liberi sono molecole instabili prive di un elettrone nella loro struttura chimica. Vogliono completarsi di nuovo e attaccare altre molecole dalle quali possono strappare un elettrone. Questo crea una reazione a catena di molecole instabili che causano danni crescenti nel corpo. Questo processo è chiamato ossidazione e gli antiossidanti lo proteggono. Conosci il processo di arrugginimento del ferro o di una banana che diventa marrone. Poiché quasi nessuno vuole essere gettato "nella spazzatura", la protezione delle cellule ha la priorità su molte altre misure sanitarie.





I radicali liberi si formano nel corpo durante i processi metabolici, specialmente durante la produzione di energia nei mitocondri. Provengono anche dall'esterno, attraverso le tossine ambientali, l'inquinamento atmosferico, l'ozono, gli additivi alimentari, l'elettrosmog, i gas di scarico delle auto e il fumo di sigaretta. Lo stress è enorme. Lo stress alimenta la produzione di radicali, così come le malattie, i grandi sforzi fisici e molti farmaci. Invecchiamento precoce, esaurimento, affaticamento, ipertensione, aterosclerosi, malattie autoimmuni, problemi agli occhi, vene varicose, problemi articolari fino alla demenza, ictus, cancro e altro sono tutti collegati all'attacco dei radicali liberi. Nel linguaggio tecnico, questo processo è chiamato stress ossidativo. L'organismo ha i propri meccanismi di difesa con i quali può rendere innocui i radicali liberi. Ma l'enorme quantità che la maggior parte delle persone genera nel suo insieme è travolgente. L'astaxantina protegge le cellule da queste molecole reattive dell'ossigeno. Lo stesso vale per i cambiamenti dei lipidi (grassi), che possono essere danneggiati anche dai radicali liberi. A rischio sono soprattutto i preziosi acidi grassi polinsaturi.

L'astaxantina protegge il materiale genetico (DNA)

Anche il DNA (acido desossiribonucleico) è a rischio di danni da radicali liberi. Il DNA si trova nel nucleo cellulare e memorizza tutte le informazioni genetiche. Dal colore degli occhi e dei capelli, tendenze e caratteristiche alle istruzioni per la costruzione del corpo stesso, tutte le informazioni sono contenute nel DNA. Ci rendono quello che siamo. I radicali liberi modificano il materiale genetico, il che significa che le informazioni errate vengono trasmesse a tutte le cellule successive. Il danno al DNA fa invecchiare le cellule. Perdono la loro efficienza e possono persino portare alla morte cellulare o al cancro. Ci sono influenze epigenetiche, cioè influenze che diventano efficaci nel corso della vita e influenzano il corredo genetico, ma la mutazione causata dai radicali liberi non può essere riparata. Essendo un potente antiossidante, l'astaxantina protegge il DNA da tali cambiamenti.

Astaxantina - uno dei più potenti agenti antietà

Siamo vecchi quanto le nostre cellule. Quando le centrali elettriche nelle cellule, i mitocondri, si indeboliscono, tutti i processi vitali nel nostro corpo diminuiscono. Quindi è facile capire che tutto quanto detto sopra rende l'astaxantina un ottimo agente antietà. L' astaxantina ti aiuta a invecchiare più lentamente. Puoi persino ringiovanirti in una certa misura e guadagnare più energia. Negli esperimenti sugli animali, l'astaxantina ha aiutato i mitocondri a rimettersi in piedi.

L'astaxantina protegge e rafforza il cervello

Il cervello è un organo ad alte prestazioni che rappresenta quasi il 20% di tutto il consumo di energia nel corpo umano. Sebbene costituisca solo circa il 2% della massa corporea, utilizza circa il 50% in più di energia rispetto al cuore, che è al secondo posto in termini di consumo energetico. Le cellule cerebrali e i loro mitocondri devono di conseguenza "alimentarsi", e di conseguenza si formano più radicali liberi. Ciò comporta il rischio di malattie neurodegenerative come l'Alzheimer, il Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA). Uno studio pubblicato nel 2017 ha scoperto che l'astaxantina è una sostanza promettente che può proteggere da queste malattie e mantenere le prestazioni del cervello. Si riduce il rischio di sviluppare l'Alzheimer e lo sviluppo del Parkinson può essere rallentato.


La ricerca sul diabete ha dimostrato che non solo il pancreas ma anche il cervello svolgono un ruolo centrale nello sviluppo del diabete. Perché il cervello ha un'influenza centrale sulla regolazione del metabolismo degli zuccheri. L'ormone insulina funziona anche nel cervello. Lì influenza il comportamento alimentare e l'equilibrio energetico e glicemico e anche la resistenza all'insulina può svilupparsi nel cervello. Studi sulla malattia di Alzheimer hanno dimostrato che esiste il "diabete di tipo 3" - "diabete del cervello" - che è causato dal modo in cui il cervello elabora il glucosio (zucchero). Le cellule cerebrali sane, d'altra parte, assicurano processi corretti nel cervello e l'astaxantina qui offre un prezioso supporto. Inoltre, l'astaxantina promuove la formazione di nuove cellule cerebrali e quindi la capacità del cervello di rigenerarsi. Lievi disturbi cognitivi nell'uomo potrebbero essere migliorati in questo modo.


Un ictus è un disturbo improvviso del flusso sanguigno al cervello che provoca la morte delle cellule cerebrali. Se sono molti, rimangono danni come paralisi, disturbi del linguaggio, menomazioni mentali e, in caso di emergenza, sopravviene la morte. L'astaxantina può proteggere da un flusso sanguigno insufficiente (ischemia), ictus e danni cerebrali associati e ridurne le conseguenze. Nello stesso studio, gli scienziati hanno scoperto che l'astaxantina protegge il cervello dai danni ai nervi causati dall'ossido nitrico. In uno studio sugli animali del 2017, l'astaxantina ha migliorato le prestazioni del cervello dopo un trauma cerebrale.

Astaxantina per il cuore, la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo

Quando la relazione tra ossidanti e antiossidanti è fuori controllo, si parla di stress ossidativo. Questa condizione accelera l'invecchiamento cellulare ed è coinvolta nello sviluppo di molte malattie. Lo stress ossidativo e l'infiammazione sono importanti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari dovute all'aterosclerosi. Sempre più risultati della ricerca mostrano che l'astaxantina può aiutare. Uno studio approfondito del 2011 ha rilevato che l'astaxantina ha abbassato il colesterolo LDL (il colesterolo "cattivo") nei pazienti sovrappeso e obesi dopo 12 settimane di utilizzo. Inoltre, lo stress ossidativo era diminuito in modo significativo. L'astaxantina può regolare i lipidi nel sangue in generale e aumentare il colesterolo HDL (il colesterolo desiderato) e la quantità dell'ormone adiponectina, che ha molteplici effetti sul metabolismo dei lipidi e del glucosio.





Entrambi gli effetti erano già evidenti dopo 12 settimane di utilizzo nei partecipanti allo studio. Uno studio del 2007 era già giunto a un risultato comparabile. Non è tutto: l'astaxantina sostiene il cuore e la circolazione stimolando il flusso sanguigno e abbassando la pressione sanguigna. In uno studio sugli animali del 2006, l'astaxantina ha migliorato la forza e l'elasticità delle pareti delle arterie, riducendo il rischio di infarto dovuto alla pressione alta. Un altro studio ha scoperto che l'astaxantina abbassa la pressione alta riducendo lo stress ossidativo nel sangue riducendo i livelli di ossido nitrico nel sangue, che è un segno di stress ossidativo. L' astaxantina può ridurre l'ossidazione e l'aggregazione del sangue. Nei 24 partecipanti a un altro studio, i valori del sangue sono migliorati dopo 14 giorni di somministrazione dell'astaxantina.


Nella sindrome metabolica si uniscono quattro fattori che causano malattie cardiovascolari. Sono conosciuti come il quartetto fatale: sovrappeso (obesi), alti livelli di grassi nel sangue (soprattutto colesterolo), ipertensione (ipertensione) e alti livelli di zucchero nel sangue. L'astaxantina ha un effetto positivo su tutti e quattro i sintomi. Per molte delle persone colpite, questo può significare una vita più lunga e più sana. Le malattie cardiovascolari, insieme al cancro, sono la prima delle malattie mortali. Gli scienziati sono alla ricerca di nuovi mezzi di prevenzione e cura e ora sono sempre più interessati all'astaxantina. Anche il coinvolgimento dello stress ossidativo nello sviluppo dell'arteriosclerosi, considerato il maggior fattore di rischio per il cuore, si sta spostando sempre più al centro dell'attenzione della scienza.

L'astaxantina protegge e stimola il sistema immunitario

Il sistema immunitario è il guardiano della nostra salute. Respinge instancabilmente virus, batteri e funghi, disintossica e rimuove i detriti cellulari. Il sistema immunitario è inoltre esposto all'attacco dei radicali liberi. Come già descritto, l'astaxantina combatte efficacemente questo stress ossidativo e le dannose infiammazioni croniche che mettono a dura prova il sistema immunitario e l'organismo. Nel 2010, gli scienziati hanno condotto uno studio su 42 donne sane che hanno assunto astaxantina per 8 settimane. Rispetto al gruppo placebo, il danno al DNA di queste donne era diminuito e le loro risposte immunitarie erano migliorate, una scoperta confermata da uno studio del 2015.

Astaxantina per infiammazioni, malattie autoimmuni e artrite

L'infiammazione è il mezzo utilizzato dal sistema immunitario per combattere i microbi dannosi, come nelle ferite. Tuttavia, c'è anche un'infiammazione che danneggia il corpo. Numerosi studi dimostrano: L'astaxantina ha un forte effetto inibitorio sull'infiammazione, che come reazione deragliata del sistema immunitario attacca il corpo invece di proteggerlo. Questo è utile per le persone con malattie autoimmuni come il diabete di tipo 1, il lupus eritematoso, la tiroidite di Hashimoto e le malattie infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa, il morbo di Crohn e l'artrite reumatoide. Anche malattie come l'asma, l'Alzheimer, il Parkinson, la sindrome dell'intestino irritabile, l'ingrossamento della prostata e molte altre malattie sono associate all'infiammazione cronica.

Astaxantina per i livelli di zucchero nel sangue e il diabete

Hai già letto sopra degli effetti positivi dell'astaxantina sui livelli di zucchero nel sangue e sulla prevenzione e il trattamento del diabete nella sezione "Astaxantina per il cervello". In uno studio sui topi, l'astaxantina ha protetto le cellule beta del pancreas, che producono l'ormone che abbassa lo zucchero nel sangue e lo rilasciano nel sangue. Nel 2018 è stato pubblicato uno studio sull'uomo con 44 partecipanti con diabete di tipo 2 che hanno ricevuto 8 milligrammi di astaxantina o un placebo. Nel gruppo dell'astaxantina, il metabolismo dello zucchero è migliorato in modo significativo e la pressione sanguigna è diminuita.

Astaxantina per occhi sani e visione chiara

L'astaxantina è un dono per gli occhi. La sostanza può attraversare la barriera emato-oculare (barriera emato-retina), proteggere gli occhi e stimolarne il metabolismo. Vari studi mostrano effetti positivi sulla cataratta e mostrano che l'astaxantina è più efficace dei carotenoidi solitamente raccomandati zeaxantina, luteina, cantaxantina e beta-carotene. Rispetto al tocoferolo (vitamina E), l'astaxantina si è rivelata 100 volte più forte. L' astaxantina è molto promettente per la prevenzione e il trattamento del glaucoma, poiché riduce la pressione oculare. Un aspetto importante della salute degli occhi è che l'astaxantina aumenta il flusso sanguigno agli occhi. Diciotto partecipanti allo studio hanno ricevuto 6 milligrammi di astaxantina al giorno per 4 settimane. Rispetto al gruppo placebo, i piccoli vasi sanguigni della retina sono stati riforniti di molto più sangue.

La sindrome metabolica (vedi "Astaxantina per il cuore, la pressione sanguigna e il livello di colesterolo") ha un effetto a lungo termine sugli occhi a causa dell'alto livello di zucchero nel sangue. L'astaxantina migliora i sintomi della sindrome e può proteggere gli occhi dalle conseguenze.





Astaxantina come protezione solare naturale e per la bellezza

L'astaxantina protegge la pelle dall'interno verso l'esterno dai dannosi raggi UV in modo completamente naturale. Segue il principio delle alghe, che si proteggono dalle radiazioni solari e da altre condizioni di vita difficili con un colore rosso dall'astaxantina. La protezione aumenta nel tempo perché deve essere costruita prima. Quindi pensa di prenderlo in tempo prima della tua vacanza. Un altro effetto piacevole: l'astaxantina abbellisce la pelle proteggendola dai radicali liberi.

Ed è quello che l'astaxantina può fare anche per te

  • L'astaxantina rende potente, migliora la resistenza fisica e la resistenza allo stress.

  • L'astaxantina stimola la rigenerazione, proprio come dopo l'esercizio fisico come dopo una malattia.

  • L'astaxantina riduce il rischio di degenerazione cellulare e previene il cancro.

  • L'astaxantina contrasta il cancro esistente riducendo la formazione di nuove cellule cancerose.

  • L'astaxantina inibisce l'infiammazione e riduce i marker di infiammazione come CRP e TNF-alfa. Offre quindi protezione contro numerosi processi infiammatori cronici nel corpo.

  • L'astaxantina allevia il dolore e l'infiammazione delle articolazioni, dei tendini e dei muscoli come artrite, reumatismi, sindrome del tunnel carpale e dopo uno sforzo fisico intenso.

  • L'astaxantina protegge il fegato, anche contro l'obesità da alcol.

  • L'astaxantina mantiene la capacità di pensare e concentrarsi anche negli anni successivi e previene l'oblio e la demenza.

  • L'astaxantina previene la gengivite e può migliorare la malattia parodontale.

  • L'astaxantina allevia il bruciore di stomaco e aiuta a guarire le ulcere dello stomaco.

  • L'astaxantina aumenta la fertilità negli uomini e allevia i sintomi della menopausa.

  • L'astaxantina può prevenire la perdita ossea e proteggere dall'osteoporosi.

  • L'astaxantina migliora la guarigione dell'acne.

  • L'astaxantina sostiene la salute dei fumatori.

  • L'astaxantina si trova nell'olio di krill. Lì protegge i preziosi acidi grassi omega-3 dall'ossidazione. L'olio di krill ha una lunga durata.

Utilizzo Astaxantina


In generale, gli esperti raccomandano una dose di 4-8 mg di astaxantina al giorno. Questa dose è consigliata anche per gli atleti che sono oggetto di intenso stress ossidativo, così come le persone che sono esposte alla luce solare eccessiva, o nel caso di quelli che sono esposti a grandi quantità di radiazioni ionizzanti, come i piloti.

Dal momento che l’astaxantina si accumula nel corpo, se si vogliono aumentare i loro profitti, se assunto regolarmente, si consiglia di iniziare ad assumere dosi più elevate durante un paio di settimane, e poi ridurre gradualmente la dose. Le persone che soffrono di artrite, tendiniti o sindrome del tunnel carpale, di conseguenza, potrebbero iniziare con una dose di astaxantina 12mg al giorno, mentre per qualcuno è sufficiente assumere astaxantina per il suo effetto antiossidante o se si vuole rafforzare il sistema immunitario, si dovrebbe iniziare con una dose di 4mg al giorno.




- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30134611

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16962787

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22214255

- https://academic.oup.com/jas/article-abstract/91/1/268/4702970

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28299644

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29614679

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27669315

- https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0753332218343695

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19885299

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26643409

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5900571/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20846510

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28048972

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22349894

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21964877

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19892350

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17074368/

- https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs00417-011-1843-1

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16595899

- https://www.jstage.jst.go.jp/article/bpb/28/6/28_6_967/_article

- http://quansysbio.com/blog/2013/01/06/astaxanthin-decreases-inflammatory-biomarkers-associated-with-cardiovascular-disease-in-human-umbilical-vein-endothelial-cells/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11521685/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17074368/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27924978

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28921056

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28878685

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21972007/

- https://iovs.arvojournals.org/article.aspx?articleid=2162995

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20205737

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4730289/

- https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0009279711002171

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12688512

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29384321

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25110808

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5352946/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25593507

- https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.3109/02713683.2015.1127392?src=recsys&journalCode=icey20

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20457203

- https://jglobal.jst.go.jp/en/detail?JGLOBAL_ID=200902244786365234&rel=0

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17074368/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22428137

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29690549

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21984399

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17015959

- https://www.liebertpub.com/doi/abs/10.1089/152308603321223630

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21207519

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23473626

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16211266

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7664280/

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25296162

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20205737

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25608048

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23449748

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27635173

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30217037

https://www.researchgate.net/publication/313686318_Neuroprotective_mechanisms_of_astaxanthin_a_potential_therapeutic_role_in_preserving_cognitive_function_in_age_and_neurodegeneration

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30042358

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29044575

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18467083

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22170791

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16110353

- https://www.mdpi.com/1422-0067/19/3/912/htm

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28751807

- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21883001




353 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page