top of page
Cerca

Istamina e ormoni



Perché sei intollerante all'istamina se sei una donna Noi donne, abbiamo gli estrogeni da ringraziare per le nostre caratteristiche femminili. È l'ormone che ci dà la nostra figura, la nostra voce più morbida e ci permette di procreare. L'estrogeno è una parte importante della salute e della funzione di una donna e gli squilibri hanno gravi conseguenze per il tuo benessere generale. Entrambi i livelli bassi e alti degli estrogeni hanno effetti profondi e di vasta portata, ma è l'eccesso di estrogeni e il suo legame con l'intolleranza all'istamina che vogliamo discutere oggi. In realtà, questo collegamento è così interessante che spiega perché più donne che uomini soffrono di questa condizione debilitante.

Istamina e ormoni: troppi estrogeni? Spesso, pensiamo all'eccesso di estrogeni come al corpo che produce troppo ormone. Vi è, tuttavia, un altro motivo per cui i livelli di estrogeni possono aumentare e ciò è dovuto alla inefficiente clearance dell'estrogeno. Se il corpo non elabora gli estrogeni in modo abbastanza efficace, i livelli aumenteranno e con esso arriveranno quei sintomi così familiari dello squilibrio degli estrogeni. Se ti sei mai sentita irritabile, gonfia, stanca e il tuo seno ti ha fatto male un paio di giorni prima di iniziare il tuo ciclo mestruale, questo è ciò di cui sto parlando. E ha a che fare con l'aumento della produzione di estrogeni appena prima di iniziare il ciclo. Ora, immagina cosa accade quando i livelli degli estrogeni non scendono come dovrebbero. Questi sintomi debilitanti simili a PMS (sindrome premestruale) non scompaiono! Ormai ti starai chiedendo: cosa c'entra tutto questo con l'istamina? Seguimi che ti spiego. La classe di composti a cui appartiene l'istamina sono chiamate ammine. Anche loro sono ormoni, come gli estrogeni. E, proprio come gli estrogeni, l'istamina si lega a specifici recettori in tutto il corpo per produrre una risposta, che dice ai sistemi del corpo di fare qualcosa. I recettori dell'istamina sono indicati con H1-H4 e sono diffusi in tutto il corpo (1,2). L'H1 è il più ampiamente distribuito e, a tale proposito, l'estrogeno si lega ad esso, proprio come l'istamina (3). C'è di più: gli estrogeni promuovono il rilascio di istamina da alcune delle tue cellule immunitarie, chiamate mastociti. Sono le cellule che trasportano l'istamina ovunque il sistema immunitario dice loro di andare, nel sito del corpo dove c'è un possibile attacco da parte di un invasore straniero (4). Questi mastociti, situati in tutto il corpo, si trovano nell'utero e nelle ovaie dove sono stimolati dal rilascio degli estrogeni (5). Quindi, quando l'istamina aumenta in queste posizioni, stimola il rilascio di più estrogeni, creando un circolo vizioso di livelli cronicamente elevati di estrogeni e di istamina. L'estrogeno ha un effetto su uno degli enzimi più importanti che il corpo usa per degradare o abbattere l'istamina, chiamato diammina ossidasi o DAO (6). Questo ostacola la capacità del corpo di produrre l'enzima, e quindi l'istamina viene curata in modo inefficace, portando a livelli ulteriormente aumentati. In combinazione, questi sono i motivi per cui i sintomi dell' intolleranza all'istamina possono aumentare nel periodo dell'ovulazione e poco prima dell'inizio del ciclo. C'è merito nel considerare che l'attivazione dell' istamina e mastociti nel periodo precedente le mestruazioni è in realtà il colpevole che ti dà dolore periodico, cicli pesanti, mal di testa, sbalzi d'umore e altri sintomi della sindrome premestruale, e non sono solo i cambiamenti di estrogeni e progesterone che sono la causa di questi effetti (7). Un altro risultato interessante al riguardo è il cambiamento dei sintomi dell'intolleranza all'istamina durante la gravidanza. Molte donne hanno una significativa riduzione dei loro sintomi come orticaria, naso che cola, prurito agli occhi, ecc. Alcuni addirittura riferiscono di essersi ripresi dall'asma. È perché la placenta, che nutre il feto nell'utero, produce un'enorme quantità di DAO, che rompe l'istamina e riduce i livelli che il corpo deve affrontare (8, 9). Uno dei modi migliori per capire se il tuo corpo ha bisogno di aiuto per elaborare gli estrogeni in modo più efficace o per ridurne la produzione è quello di controllare i livelli ormonali. Questo controllo in genere includerebbe anche la misurazione dei livelli di progesterone, poiché il progesterone promuove la produzione di DAO, che naturalmente sarebbe ostacolato se i livelli di progesterone non fossero sufficienti.

Certo, sarebbe bello se potessi testare i tuoi livelli di istamina. Sfortunatamente, a causa della natura dell'istamina e del suo legame, testare i suoi livelli nel sangue non è una buona indicazione di quanto effettivamente scorre attraverso il sistema (10). Poiché i sintomi dell'intolleranza all'istamina sono così sensibili ai cibi ad alta istamina, tenere un diario alimentare e sintomatico è un altro ottimo modo per indicare che hai problemi di istamina. Ma - torniamo agli ormoni! Sia per gli estrogeni che per l'istamina, esistono delle misure che puoi adottare per gestire i loro livelli nel tuo corpo.

Bilanciamento naturale degli estrogeni e della istamina La dieta è uno dei modi più efficaci per gestire l'intolleranza all'istamina (11,12) e svolge un ruolo nel bilancio degli estrogeni. La cosa più importante per iniziare è seguire una dieta a basso contenuto di istamina che elimina tutti gli alimenti ad alta istamina, rilascio di istamina e infiammatori. Inoltre, queste quattro strategie dietetiche dovrebbero essere aggiunte durante l'uso della dieta a basso contenuto di istamina.

Bilancia il tuo apporto di proteine, grassi e carboidrati Il tuo corpo ha bisogno di tutti i blocchi per funzionare correttamente e troppo poco di questi macronutrienti può ridurre la capacità del sistema immunitario di funzionare correttamente e anche influenzare il modo in cui il tuo corpo produce ed elabora gli ormoni. Ridurre l'infiammazione L'infiammazione è la causa principale di tutte le malattie croniche e la dieta è un importante fattore di influenza. In termini di istamina, gli alimenti che contengono alti livelli di istamina, o che liberano istamina all'interno del corpo o addirittura bloccano l'enzima DOA dovrebbero essere ridotti al minimo nella dieta. Gli alimenti infiammatori come lo zucchero, i cereali raffinati e gli alimenti trasformati influenzano la capacità del corpo di gestire la produzione e l'elaborazione degli ormoni. Evita gli ormoni negli alimenti Proprio come dovresti cercare di ridurre il carico di istamina riducendo l'assunzione di alimenti ad alta istamina, evitare cibi che contengono estrogeni. I latticini e alcuni prodotti animali contengono livelli ormonali più elevati. Se scegli di averli nella tua dieta, assicurati di scegliere quelli da fonti biologiche allevate al pascolo per ridurre al minimo l'esposizione ormonale.

Evita l'alcool Sia nell'intolleranza all'istamina che nell'eccesso di estrogeni, l'alcol è un catalizzatore che può peggiorare ogni condizione, quindi è meglio evitare. L'intolleranza all'istamina non riguarda solo l'istamina. Spesso, ci sono altri sistemi corporei sbilanciati, che possono aumentare il carico di istamina che il tuo corpo deve affrontare. Non permettere che i sintomi ti controllino la tua vita Ora che conosci di più sul problema ormonale e istamina, puoi agire per il tuo massimo bene con una figura professionale per mitigare i tuoi sintomi



QI OIL MHz+ REJUVENATION, grazie alle frequenze impresse e all’azione combinata delle componenti di origine naturale, esplica un’azione riequilibrante del sistema ormonale femminile. Se massaggiato sul ventre calma spasmi, dolori mestruali e argina le emorragie. Indicato in disturbi legati agli squilibri ormonali, ansia e irritabilità che caratterizzano la sindrome premestruale e la menopausa. Azione lenitiva adatta a tutti i tipi di pelle. In caso di pelle sensibile, secca o matura, svolge un’azione astringente, tonificante, antirughe, anti-aging e idratante. Utile a calmare l’ansia pre-parto, Qi Oil Rejuvenation può essere anche massaggiato sulla pancia per prevenire le smagliature in gravidanza.



Consigli d'uso Per uso topico è necessario diluire QI OIL MHz+ REJUVENATION con un olio vettore, Qi OIL BALANCE. Può essere usato sia sulla pelle che per la diffusione ambientale. Per calmare gli spasmi dovuti al ciclo, basta massaggiare una buona quantità sul ventre con un movimento delicato in senso antiorario. Per godere di un bel bagno rilassante che allontana pensieri negativi e stress versate 20 gocce di QI OIL MHz+ REJUVENATION nell'acqua della vasca. 40 gocce di QI OIL MHz+ REJUVENATION diventano un vero e proprio trattamento capace di preparare la pelle prima parto. Infine, per via del suo effetto tonificante QI OIL MHz+ REJUVENATION può essere utilizzato per un pediluvio energizzante. (25 gocce)


 

AUTOIMMUNITA' E RECODE 21: Vorrei invitarti a iscriverti al nuovo Training Informativo "Recode 21". Che tu soffra di più sensibilità alimentari, sensibilità chimiche o malattie autoimmuni, ti mostrerò esattamente come ripristinare la tolleranza al tuo sistema immunitario. Come saprai, io stessa ho sofferto di malattia autoimmune, di sensibilità alimentari e chimiche. Ero arrivata ad un punto che la mia vita era soggetta a molte restrizioni, oltre a sintomi debilitanti. Tutto ciò ne risentì sia il lavoro che la mia vita sociale. ​


Questo metodo del Training Informativo ha aiutato tantissime persone a calmare il loro sistema immunitario iperattivo e a migliorare notevolmente la loro qualità di vita complessiva. Il ripristino della tolleranza orale si ottiene affrontando gli squilibri del sistema immunitario attraverso la dieta, lo stile di vita e l'integrazione. ​ Per assicurarti che sia facile da seguire, ho fornito deliziose guide di ricette, cartelle di lavoro e una comunità online e il gruppo Facebook dedicato Recode 21 per supportarti durante il programma.


Seguendo le raccomandazioni del Training Informativo, in breve tempo noterai che le tue reazioni alle proteine ​​alimentari e alle sostanze chimiche miglioreranno notevolmente. ​ Ho preso la letteratura scientifica più attuale sulla tolleranza immunitaria, ho fatto corsi sulla tolleranza orale e immunitaria e ho realizzato un Training Informativo che ho vagliato su me stessa e sulle persone a me care e molti professionisti sanitari si stanno avvicinando a questo programma.


Guarda l'anteprima del Training informativo RECODE 21: CLICCA QUI

Per informazioni scrivere a: info@patriziacoffaro.it

Rimani aggiornato, segui la mia pagina Facebook: Patrizia coffaro - Naturopata

Riferimenti: 1. Gene Database. HRH1 histamine receptor H1, HRH2 histamine receptor. (Homo sapiens (human)] 2018. Viewed 11 August 2018. 2. Editorial / Neuropharmacology 106 (2016) 1e2. https://helda.helsinki.fi/bitstream/handle/10138/224101/1_s2.0_S0028390816301435_main.pdf?sequence=1 3. Brandes, L., et al. Evidence that the antiestrogen binding site is a histamine or histamine-like receptor. Biochemical and Biophysical Research Communications. Volume 126, Issue 2, 31 January 1985, Pages 905-910. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/0006291X85902712 4. Barcik W, Wawrzniak M, Akkis CA, et al. Immune regulation by histamine and histamine-secreting bacteria. Curr Opin Immunol 2017;48:108-113. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0952791517300535 5. De Leo, B., et al. Immunoprofiling of human uterine mast cells identifies three phenotypes and expression of ERβ and glucocorticoid receptor. F1000Research 2017. https://www.semanticscholar.org/paper/Immunoprofiling-of-human-uterine-mast-cells-three-Leo-Esnal-Zufiaurre/c1494299212c94f02c8c36d21b9703012fcc35bb 6. Maintz L, Novak N. Histamine and histamine intolerance. Am J Clin Nutr 2007;85(5):1185-1196. https://academic.oup.com/ajcn/article/85/5/1185/4633007 7. Tsuji, S., et al. Increased mast cells in endocervical smears of women with dysmenorrhea. Cytojournal. 2018; 15: 27. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6243853/ 8. Obed, B., et al. (2017) Elevated histamine model: a protocol for an ex vivo model for in vitro study of histamine effect on placenta. Protocols.io. https://repository.uwl.ac.uk/id/eprint/4081/ 9. Whittaker, N., et al. Diamine Oxidase Deficiency as a Proposed Mechanism for Anaphylaxis After the Third Stage of Labor: A Case Report [2B]. Obstetrics & Gynaecology. May 2017 - Volume 129 - Issue 5. https://journals.lww.com/greenjournal/Abstract/2017/05001/Diamine_Oxidase_Deficiency_as_a_Proposed_Mechanism.65.aspx 10. Kovacova-Hanuskova, E., et al. Histamine, histamine intoxication and intolerance. Allergologia et Immunopathologia. Volume 43, Issue 5, September–October 2015, Pages 498-506. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0301054615000932 11. San Mauro, M., et al. Histamine intolerance and dietary management: A complete review. Allergol Immunopathol (Madr). 2016 Sep-Oct;44(5):475-83. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27590961 12. Mauro Martin IS, Brachero S, Garicano Vilar E. Histamine intolerance and dietary management: a complete review. Allergol Immunopathol (Madr) 2016;44(50):475-483. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27590961 Le informazioni contenute nei nostri articoli NON intendono sostituire una relazione con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consigli medici.

1.502 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page