top of page
Cerca

L'inositolo aiuta con questi disturbi


L'inositolo è una sostanza simile alla vitamina che è poco conosciuta. In caso di disturbi molto specifici, tuttavia, l'inositolo può essere utilizzato come integratore alimentare e ha un ottimo effetto.


Cos'è l'inositolo?

L'inositolo era annoverato tra le vitamine del gruppo B. Ma dopo che si è saputo che l'inositolo può essere prodotto dal corpo stesso dal glucosio, la sostanza è ora considerata un vitaminoide e quindi una sostanza simile alla vitamina. "Simile alla vitamina" significa che se c'è un aumento del fabbisogno, ha perfettamente senso assumere la sostanza come integratore alimentare , poiché la produzione propria dell'organismo potrebbe non essere sufficiente.


Da un punto di vista chimico, l'inositolo, noto anche come inositolo o cicloesano esolo, appartiene al gruppo degli alcoli. Tuttavia, l'inositolo non ha nulla in comune con il lussuoso e inebriante etanolo contenuto nelle bevande alcoliche. L'inositolo svolge molte importanti funzioni nel corpo, ad esempio nell'area del metabolismo dei grassi e dell'equilibrio ormonale. Soprattutto quando si tratta di ormoni e disturbi ormonali, l'inositolo può quindi essere utilizzato come integratore alimentare e sostenere molto bene la terapia della cosiddetta PCOS. PCOS sta per sindrome dell'ovaio policistico.


Cos'è il mio-inositolo?


Esistono diverse forme di inositolo. Ci sono 9 isomeri di inositolo. Il termine isomero significa che tutti questi composti hanno fondamentalmente la stessa struttura e differiscono solo per la disposizione spaziale dei loro atomi. Il più importante di questi isomeri è chiamato mio-inositolo. È spesso usato come sinonimo di inositolo. Un altro isomero è chiamato D-chiro-inositolo.


Dove si trova l'inositolo nel corpo?


L'inositolo si forma principalmente nei reni, ma anche in altri organi come il fegato. Tuttavia, le concentrazioni più elevate si trovano nel cervello, dove si presenta come prodotto intermedio nel corso del metabolismo cellulare (1). È stato scoperto che sia le concentrazioni di inositolo troppo alte nel cervello che quelle troppo basse possono diventare problematiche e sono persino associate a depressione, morbo di Alzheimer, disturbi d'ansia e tumori cerebrali.


Quali alimenti contengono inositolo?


L'inositolo non si forma solo nell'organismo stesso, ma è contenuto anche in molti alimenti, preferibilmente in alimenti vegetali (2), mentre gli alimenti animali ne contengono solo alcuni:

  1. Succo di pompelmo (120 ml): 470 mg di inositolo

  2. Burro di arachidi (30 g): 91 mg

  3. Fagiolini (100 g): 54 mg

  4. Cavoletti di Bruxelles (100 g): 40 mg

  5. Roast beef (40 g): 9 mg

  6. Pane integrale (25 g): 8,5 mg

  7. Prosciutto (40 g, 2 fette): 5,7 mg

  8. Latte scremato (120 ml): 5 mg

Inositolo per la sindrome dell'ovaio policistico


La principale area di applicazione dell'inositolo è il trattamento della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). È il disturbo ormonale più comune nelle donne in età fertile. Il quadro clinico è vario. I sintomi includono:

  1. Acne

  2. La perdita di capelli

  3. Aumento dei peli sul corpo

  4. Resistenza all'insulina o diabete di tipo 2

  5. Obesità

  6. La PCOS è spesso la causa dell'infertilità o del desiderio insoddisfatto di avere figli

  7. Cisti nelle ovaie

  8. Alto livello di androgeni (androgeni = ormoni sessuali maschili, ad es. testosterone)

  9. La mancanza di ovulazione





Poiché sono già disponibili diversi studi sulla terapia con inositolo per la PCOS, per lo più con risultati promettenti, l'uso di Inositolo in questo caso è stato classificato come sicuro ed efficace. Nel 2017, ad esempio, ricercatori inglesi e australiani hanno analizzato 10 studi randomizzati con un totale di 362 pazienti con PCOS (3).


È stato dimostrato nell'analisi di cui sopra che l'inositolo era in grado di regolare i cicli mestruali e promuovere l'ovulazione. Anche altri disturbi sono migliorati, come l'obesità, i disturbi metabolici, l'ipertensione o l'aumento della resistenza all'insulina. In alcuni studi, l'inositolo ha funzionato meglio della metformina (4).


Anche in un secondo studio condotto presso l' Università dell'Insubria in Italia nel 2018 , l'inositolo si è dimostrato efficace nella PCOS (5). Il trattamento ha migliorato lo stato metabolico e ormonale e ripristinato l'ovulazione. Di conseguenza, l'inositolo è stato valutato come un'opzione di trattamento interessante.


L'inositolo migliora la qualità degli ovuli e dello sperma


Ricercatori cinesi hanno già dimostrato nel 2002 che la concentrazione di inositolo nel contesto della fecondazione in vitro (inseminazione artificiale) era significativamente più alta proprio in quegli ovociti che poi mostravano un grado di maturazione più elevato e potevano infine essere fecondati (6). Nel frattempo, studi sugli animali e alcuni studi sull'uomo hanno dimostrato che l'inositolo può essere utile in caso di sterilità involontaria, poiché migliora la qualità delle cellule uovo.


L'inositolo è stato studiato in relazione alla qualità dello sperma. Secondo uno studio randomizzato in doppio cieco, la somministrazione di inositolo ha aumentato il numero totale e la mobilità degli spermatozoi negli uomini con infertilità idiopatica (le cause sono incerte) (7). Per questa diagnosi i ricercatori consigliano l'uso dell'inositolo, che può supportare molto bene la terapia.


L'inositolo migliora la resistenza all'insulina, la pressione sanguigna e i livelli di lipidi nel sangue


Spesso, la resistenza all'insulina può essere dimostrata nelle donne con PCOS, che sembra svolgere un ruolo importante nello sviluppo della malattia. È un disturbo del metabolismo nell'equilibrio del glucosio e dell'insulina delle cellule. Le cellule non reagiscono più così bene all'insulina, cosicché il glucosio (zucchero nel sangue) non può più essere completamente incanalato nelle cellule e il livello di zucchero nel sangue aumenta. Il diabete di tipo 2 è una delle possibili conseguenze.


Inoltre, una pressione sanguigna precedentemente elevata è diminuita e i livelli di lipidi nel sangue potrebbero essere influenzati positivamente. Come è noto, tutti questi valori sono rilevanti anche nelle malattie cardiovascolari, tanto che l'inositolo potrebbe apparentemente ridurre il relativo rischio in maniera del tutto indipendente dalla PCOS - come confermato da uno studio dell'Università degli Studi di Milano, condotto su donne è stata effettuata la menopausa (cioè senza PCOS) (8).


L'inositolo allevia i problemi di salute della menopausa


Nel 30-50 percento di tutte le donne che hanno una PCOS con una corrispondente resistenza all'insulina nella fase fertile (io compresa), al più tardi con la menopausa si sviluppa una sindrome metabolica. Questo è caratterizzato dalla presenza comune di obesità, livelli elevati di lipidi nel sangue, ipertensione e aumento della resistenza all'insulina (9).


Ci sono già indicazioni che l'inositolo sia un'applicazione interessante nelle donne in menopausa con sindrome metabolica, poiché rende le cellule del corpo nuovamente sensibili agli effetti dell'insulina. L'assunzione orale giornaliera porta ad un significativo miglioramento in termini di pressione alta, glucosio, colesterolo e livelli di insulina.


Inositolo nella terapia del cancro


L'inositolo sta diventando sempre più popolare nella terapia del cancro. (10) Ad esempio, studi in vitro e sull'uomo hanno dimostrato che i tumori al seno hanno spesso un deficit di inositolo. La somministrazione di inositolo può, tra l'altro, contrastare la crescita cellulare incontrollata, per cui il tumore che si sviluppa diminuisce di dimensioni (11).


Uno studio croato controllato con placebo con 14 pazienti con cancro al seno ha mostrato che la somministrazione di inositolo potrebbe ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia e quindi migliorare la qualità della vita. I pazienti avevano ricevuto 6 g di una miscela di IP6 (acido fitico) e inositolo suddivisi in due dosi giornaliere (12).


Come si ottiene l'inositolo?


Ora, naturalmente, sorge la domanda su come è possibile rifornirsi al meglio di inositolo. Da un lato, come spiegato all'inizio, la sostanza viene prodotta nell'organismo, circa 4 g al giorno nei reni. D'altra parte, l'inositolo viene assorbito attraverso il cibo. Negli alimenti animali l'inositolo si trova per lo più in forma libera (ma solo in piccole quantità), negli alimenti vegetali, invece, l'inositolo si trova sotto forma di acido fitico (acido inositolo-esafosforico) (13).


Molto acido fitico si trova negli strati superficiali e nelle piantine dei cereali, oltre che nei legumi e nei semi oleosi. Poiché funge da riserva per inositolo e fosfato, si beneficia automaticamente dell'inositolo, che viene rilasciato durante la digestione (14). Tuttavia, le persone nei paesi industrializzati assumono in media solo 1 g di inositolo al giorno, spesso molto meno (15). Perché la tipica dieta occidentale, povera di prodotti integrali e legumi (ma anche di agrumi), fornisce poco inositolo.


Secondo uno studio dell'Università La Sapienza di Roma, la comune dieta povera di fibre porta a non utilizzare preziose fonti di inositolo. I ricercatori criticano il fatto che l'acido fitico sia ancora messo in guardia, così che molte persone evitano persino i cibi corrispondenti per paura.


Perché si dice più volte che l'acido fitico è un antinutriente che può inibire l'assorbimento di minerali come zinco o ferro dall'intestino. Raramente si fa notare che una carenza di minerali è da temere solo se la dieta è squilibrata e contiene un'altissima percentuale di acido fitico - come spesso accade nei paesi in via di sviluppo con carestia, dove si consuma solo farinata di cereali.


Tuttavia, se assumi inositolo come integratore alimentare, la deviazione tramite acido fitico non è ovviamente necessaria e non devi comunque preoccuparti di eventuali carenze minerali.


La biodisponibilità dell'inositolo


Alcune pubblicazioni affermano che la biodisponibilità dell'inositolo dal cibo è scarsa (poiché l'inositolo è lì legato all'acido fitico come descritto sopra). Secondo i nostri scienziati italiani, tuttavia, non è sempre così (16). Solo una dieta malsana può peggiorare la biodisponibilità. Ad esempio, una carenza di inositolo potrebbe essere osservata contemporaneamente a una dieta ricca di zuccheri. Apparentemente, un metabolismo del glucosio disturbato inibisce l'assorbimento dell'inositolo.


I benefici dell'inositolo come integratore alimentare


Negli studi, l'efficacia dell'inositolo di solito non viene testata con il cibo, ma con integratori alimentari. La ragione di ciò è che consente l'assorbimento di una maggiore quantità di inositolo, il che è importante in termini di effetto terapeutico. Gli integratori alimentari consentono inoltre un dosaggio esatto e garantiscono un'elevata biodisponibilità.


Quale preparazione di inositolo è raccomandata?


Se desidera assumere l'inositolo, parlane con il medico in modo che anche il resto della terapia possa essere adeguato di conseguenza. Come integratore alimentare con inositolo, consiglio le seguenti preparazioni:


Il giusto dosaggio di inositolo


Poiché l'inositolo non è un farmaco, ma un integratore alimentare, non ci sono raccomandazioni vincolanti per il dosaggio. Negli studi sulla PCOS, le dosi abituali erano per lo più di 2 g di inositolo due volte al giorno. Le informazioni sul dosaggio di inositolo possono variare a seconda del produttore. Ti consigliamo di discutere il dosaggio con il tuo medico o un medico alternativo prima di prenderlo. In ogni caso, inizia con la dose più bassa specificata dal produttore e aumentala solo quando la tolleranza è buona e se dopo tre mesi l'effetto desiderato non si è ancora verificato.


L'inositolo ha effetti collaterali?


L'inositolo è generalmente ben tollerato. Secondo una revisione effettuata presso il Centro di Ostetricia e Ginecologia Agunco di Roma, gli studi hanno dimostrato che anche a una dose molto elevata di 12 g al giorno, l'inositolo portava al massimo a lievi effetti collaterali come flatulenza o diarrea (17). La normale dose giornaliera, invece, è di soli 2-4 g, per cui le intolleranze sono pochissime.

,Da notare però che la ricerca sugli effetti dell'inositolo in malattie come la depressione, i tumori o le malattie cardiovascolari è ancora agli inizi, per cui la situazione relativa agli effetti collaterali in queste aree di applicazione è ancora limitata. Lo stesso vale per l'assunzione durante la gravidanza, che pertanto è sconsigliata ( 18 ).


Per la terapia di accompagnamento della PCOS, tuttavia, l'inositolo è già stato classificato come sicuro. Per questo motivo, le indicazioni per gli integratori alimentari di solito riguardano solo questa malattia. Poiché l'assunzione di inositolo è stata monitorata in studi per un massimo di un anno, non è noto quale effetto avrebbe un'assunzione nel lungo periodo.


Se soffri di PCOS, ti consiglio non solo di affidarti all'inositolo, ma anche di prendere in considerazione altre terapie olistiche che - in combinazione con l'inositolo - possono alleviare i sintomi e far avverare il desiderio di avere figli.








840 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page