top of page
Cerca

Stanchezza Surrenale e fegato: che fare?


La medicina e la ricerca ignorano che le ghiandole surrenali producono la bellezza di 56 composti adrenalinici diversi, destinati a svariate funzioni. Per il fegato che deve assorbirla, c'è una differenza enorme tra l'adrenalina quotidiana e quella che le surrenali producono nei momenti di grande stress, chi non è nello stress quotidiano? o chi non attraversa un periodo di maggior dolore emotivo o chi fa un lavoro che odia? il fegato fa di tutto pur di proteggerci dal secondo tipo di adrenalina. 


Le ghiandole surrenali devono infatti produrre un composto molto potente per aiutarci ad affrontare tradimenti, gelosie, invidie, offese, dolore, paura, aggressività, lutti, conflitti, delusioni, indifferenza. Inoltre, devi sapere che le diete, i detox aggressivi, le alimentazioni come il digiuno intermittente (non adatto a tutti), gli integratori che ti promettono miracoli per espellere le tossine, provocano scariche di adrenalina. E dopo il fegato ha il compito di ripulire tutto. E' un processo naturale che ci permette di affrontare gli alti e bassi della vita. Purtroppo, nell'arco della giornata, con le oscillazioni emotive, con problemi di salute di lavoro, di coppia, ecc., abbiamo numerose (troppe) scariche di questa adrenalina caustica.  Le ghiandole surrenali e il fegato sono costretti a lavorare più del dovuto. 


È difficile crederlo, ma l'80% delle persone nel mondo sperimenta uno stato di affaticamento surrenale più volte nel corso della vita, eppure molte persone che soffrono dei sintomi non sono consapevoli di avere un affaticamento surrenale.


Lo stress cronico e lo stile di vita influenzano la capacità del corpo di recuperare lo stress fisico, mentale o emotivo. Infatti, sia per un breve periodo o per una condizione cronica, la maggior parte delle persone, ad un certo punto della loro vita,  lottano con l'affaticamento surrenale..

Se hai un affaticamento surrenale potresti provare uno o più dei seguenti sintomi:

  • debolezza;

  • mancanza di energia;

  • problemi di concentrazione;

  • confusione mentale;

  • scarsa memoria;

  • problemi digestivi;

  • insonnia;

  • depressione;

  • irritabilità;

  • stanchezza anche dopo il risveglio;

  • bisogno di riposare durante il giorno;

  • sensazione di sopraffazione;

  • squilibrio ormonale;

  • desideri per cibi dolci e salati.

Questi sintomi possono essere indicativi di alcuni diversi disturbi ma spesso vengono trascurati; oggi sempre più persone stanno cominciando a capire che una combinazione di questi potrebbe indicare l'insorgenza di un’insufficienza surrenale.


L’insufficienza surrenale può essere una delle principali cause di accumulo di grassi in eccesso e bassi livelli di energia.


Altri sintomi e segnali dell’affaticamento surrenale


Quando le ghiandole surrenali sono ipoattive, possono causare una carenza di ormoni a livello cellullare. In questo caso, benché la tiroide sia sana e le analisi nella norma, si possono avere i sintomi dell’ipotiroidismo, come l’aumento di peso, depressione, caduta dei capelli, sensazione di freddo, oscillazione dei livelli di glucosio nel sangue, sfaldamento delle unghie. E’ abbastanza frequente che queste due problematiche, stanchezza e ipotiroidismo si presentino associate.


Oppure si può avere un affaticamento neurologico a causa di un’infiammazione del sistema nervoso centrale provocata dal virus Epstein Barr.


Altri segnali possono essere:

  • senso di stanchezza nella prima parte della giornata o durante il giorno, bisogno di sdraiarsi o chiudere gli occhi, anche se si ha dormito la giusta quantità di ore durante la notte;

  • stanchezza al lavoro, ma più energia quando si arriva a casa alla sera;

  • la sera si è esausti, ma si fatica ad addormentarsi;

  • sudorazione abbondante;

  • sete, bocca secca, non si riesce a dissetarsi (ma non è l'unico segno) e spesso si ha voglia di mangiare salato;

  • vista appannata o difficoltà a mettere a fuoco;

  • bisogno continuo di sostanze stimolanti: nicotina, caffeina, spuntini zuccherati o farmaci.

Le ghiandole surrenali influenzano gli altri organi del corpo


Le ghiandole surrenali sono due organi posti sopra i reni e fanno parte del sistema endocrino. Sono coinvolte nella produzione di oltre 50 ormoni che guidano quasi tutte le funzioni corporee, molte delle quali sono essenziali per la vita. Gli ormoni influenzano direttamente o indirettamente ogni funzione, organo e tessuto nel corpo.



L’affaticamento surrenale spesso comporta delle conseguenze su altri organi e altre ghiandole. Per esempio il pancreas, quando deve lavorare più del solito per compensare l’ipoattività delle ghiandole surrenali, si infiamma o si ingrossa. Il cuore deve lavorare più del solito per regolare i livelli di cortisolo e glucosio. L’improvviso afflusso del cortisolo può provocare squilibrio nel sistema nervoso centrale e nel cervello. Essi reagiscono l'uno con l'altro e rispondono alle condizioni del corpo in un atto di equilibrio intricato e altamente sensibile.


Le ghiandole surrenali lavorano a stretto contatto con l'ipotalamo e la ghiandola pituitaria in un sistema chiamato asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Le ghiandole surrenali svolgono un ruolo importante nella risposta allo stress. Quando il cervello registra una minaccia (emotiva, mentale o fisica), la midollare surrenale rilascia l’ormone adrenalina per aiutarci a reagire alla minaccia (risposta della lotta o fuga), così il sangue corre al cervello, al cuore e ai muscoli.  


La corteccia surrenale rilascia, quindi, i corticosteroidi per smorzare i processi come la digestione, la risposta del sistema immunitario e altre funzioni non necessarie per la sopravvivenza immediata.


Le ghiandole surrenali sono responsabili dell'equilibrio degli ormoni, come ad esempio:

  • Glucocorticoidi - gli ormoni che bilanciano lo zucchero nel sangue del corpo, aiutano con l'energia e il metabolismo degli alimenti, aiutano il corpo a colmare lo stress e gestiscono la risposta immunitaria (ad esempio, cortisolo);

  • Mineralocorticoidi - ormoni che mantengono la pressione sanguigna sana, gestiscono il livello di idratazione del sangue e lo mantengono sano mantenendo in equilibrio sale e acqua (ad esempio aldosterone);

  • Ormoni sessuali - estrogeni e testosterone;

  • Adrenalina - ormone che influenza la salute del cuore, assicura che tutte le parti del corpo stiano ricevendo sangue e converte il glicogeno in glucosio nel fegato.

Quali sono le cause dell'affaticamento surrenale?


La stanchezza surrenale è una condizione in cui il corpo e le ghiandole surrenali non riescono a stare al passo con l’eccessiva quantità di stress quotidiano. A volte male interpretato come un disturbo autoimmune, l'affaticamento surrenale può imitare alcuni precursori di altre malattie e malattie comuni. un episodio di stress acuto o stress prolungato e cronico può causare sovraccarico e inefficienza delle ghiandole surrenali.


L’affaticamento surrenale può essere causato da forti traumi emotivi, morte di una persona cara, divorzio, perdita del posto di lavoro, intervento chirurgico, esposizione alle tossine ambientali e all'inquinamento, prolungato stress a causa di difficoltà finanziarie, cattive relazioni o difficoltà nell'ambiente di lavoro e altre condizioni che comportano sentimenti di impotenza, trauma emotivo, mancanza di sonno, dieta povera, intolleranze e allergie alimentari, virus e parassiti oltre alla mancanza di esercizio fisico.


Ma Attenzione: 


Anche se potrebbe essere contraddittoria, la depurazione del fegato va saputa eseguire adeguatamente, proprio per prevenire eventuali effetti collaterali, che potrebbero essere inutili o addirittura dannosi, in qualsiasi tipo di pulizia, disintossicazione o dieta che intendiamo provare, anche se è seguitissima e riscuote tanti consensi in ambito salutistico. Per questo quando pensiamo ad una disintossicazione epatica non dovremmo pensare solo al fegato ma anche alle ghiandole surrenali e ad oggi non esistono detox che si prendono cura di entrambi. 


Se decidiamo di depurare il fegato dai veleni, ma agiamo in maniera aggressiva perché subentra la fobia di sbarazzarci velocemente dalle tossine accumulate nel corpo, finiamo per creare danni peggiori. Il fegato si stressa ma anche le ghiandole surrenali, che saranno già stressate e indebolite. La medicina non è ancora al corrente di quante tossine può eliminare il fegato in un determinato lasso di tempo, in particolare durante una depurazione, nemmeno dell'associazione adrenalina e veleni. 

Qualsiasi disintossicazione dev'essere seguita da una ripresa veloce. Se il fegato è costretto a ripulirsi a ritmo sostenuto, le ghiandole surrenali possono indebolirsi più velocemente e questo rende più difficile il recupero di chi si è disintossicato. Ricordatevi che un fegato efficiente può proteggere concretamente la milza e tutto il sistema immunitario. 

Il lavoro pesante del fegato

Moltissime persone che vivono esperienze di tradimento, gelosia, offesa, dolore dispiacere, negligenza, trattamento irresponsabile o narcisistico o altre emozioni che stressano le surrenali, in seguito provano attacchi di stanchezza surrenale. Oppure il loro attacco digerente diventa delicato perché il fegato, occupato ad assorbire l'adrenalina, in quel momento è indebolito. Per non parlare dell'eventuale adrenalina non neutralizzata in circolazione, che ha un'azione estremamente corrosiva sulle mucose dello stomaco e dell'intestino. Siccome l'adrenalina fuori controllo alimenta gli agenti patogeni, non è infrequente sentirsi apatici, affaticati, in preda a malesseri in seguito a un periodo difficile, come la perdita di una persona cara, problemi relazionali, lavorativi, economici, ecc. 


Si potrebbe pensare (pensiero molto comune nelle diete Paleo e chetogenica) che una dieta ricca di grassi (anche buoni), tamponi l'adrenalina tossica in circolazione. Purtroppo è il contrario: il grasso crea una sospensione di adrenalina, trattenendola nell'organismo sul lungo termine. Non potendo essere assorbita, disinnescata, stoccata  o eliminata tramite le urine come al solito succede, questa sospensione di adrenalina nei lipidi trattiene anche le informazioni che conteneva al momento del suo rilascio. Ciò comporta un fegato grasso o stanco, che si traduce in ulteriori lipidi ematici, ma anche in una sensibilità emozionale maggiore, per esempio nel momento in cui si scopre di non essere invitati ad un matrimonio o a una riunione importante.


Questo è il segreto per cui non riusciamo a dimenticare vecchi rancori. Ripulisci adeguatamente e con intelligenza il fegato, non affidarti agli improvvisati che ti bombardano di integratori per questo processo. Ti garantisco che il cibo fa tutto da se, cibo scelto e con criterio durante la fase detox. Liberati dai grassi e il fegato potrà finalmente trasformare l'adrenalina e impedire che tu riviva continuamente determinate esperienze. Devi sapere che le ghiandole surrenali e il fegato sono incredibilmente resilienti quando abbiamo uno stile di vita sano e ci comportiamo correttamente. Non sei stanca/o di sentirti esausta/o?

Esami da fare


L’esame più attendibile è il dosaggio del cortisolo nella saliva fatto in 4 diversi momenti della giornata che consente di valutare se il profilo di secrezione del cortisolo è normale o alterato. Il semplice prelievo di sangue al mattino per il dosaggio del cortisolo è molto meno indicativo a questo scopo. Preferire i laboratori come Synlab, oppure Natrixlab quest'ultimo rilascia un pdf con il rapporto DHEA:Cortisolo.


Il trattamento per l'affaticamento surrenale comporta la riduzione dello stress sul corpo e la sulla mente, eliminando le tossine, evitando pensieri negativi e ricostituendo il corpo con cibo sano e pensieri positivi.


Richiedimi gli oli vegetali biofrequenziati per supportare il fegato, la bio-frequenza, opportunamente programmata, comunica alle cellule l’informazione specifica per risolvere un determinato disequilibrio. Da massaggiare sull'organo. Scrivimi una email a: info@patriziacoffaro.it e personalizzerò il tuo olio per te.


Per maggiori info è acquistabile tramite Amazon il mio eBook: "Supportare la metilazione e la disintossicazione" Clicca sull'immagine sotto.




323 visualizzazioni0 commenti

Comments


La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page