top of page
Cerca

Hashimoto: gli ormoni tiroidei sono essenziali?


Rispondo così alla domanda di una ragazza con Hashimoto e un TSH fuori range, soprattutto rispondo così a quel medico che le ha detto che se non ha intenzione di avere i figli può non prendere l'ormone sostitutivo, senza nemmeno preoccuparsi di gestire l'autoimmunità e l'ipotiroidismo. Ora dovresti sapere che ci sono molti pregiudizi, molte opinioni, quando si tratta di questo aspetto relativo alla sostituzione dell'ormone tiroideo, ma cerchiamo di capire meglio . Questo che ti scrivo è estrapolato dal mio Training Informativo Hashimoto Re-Start: "Il TSH è un indicatore per farci sapere se siamo effettivamente in uno stato ipotiroideo. Ma non sarà sufficiente sapere se sta gestendo tutto i nostri sintomi. In effetti, se guardiamo al quadro generale, molti sintomi che potremmo provare quando abbiamo Hashimoto potrebbero essere correlati alla componente infiammatoria sistemica e autoimmune, su cui gli ormoni tiroidei possono avere qualche effetto. Ma a meno che tu non capisca che anche la parte della malattia autoimmune deve essere gestita, avrai momenti molto difficili e sarai frustrata nel cercare di capire il giusto tipo di sostituzione ormonale.


Quando iniziamo a controllare i livelli di TSH una volta all'anno, la distruzione della ghiandola tiroidea può verificarsi più velocemente di un controllo di una volta all'anno, per questo ci sono pazienti che dopo che vengono diagnosticati, nel giro di tre mesi hanno perso più tireociti, più cellule follicolari tiroidee e il suo TSH è alto. Ora sono in uno stato ipotiroideo fino a che non faranno di nuovo gli esami, nel frattempo, tra un controllo e l'altro stanno perdendo densità ossea, qualità ossea, stanno accelerando la degenerazione dei nervi, la loro risposta infiammatoria è incontrollata, non possono rigenerare il loro intestino, non possono attivare il loro microbioma, le loro giunzioni strette intestinali possono rompersi, la loro barriera emato-encefalica si sta rompendo.



Dal momento che non hanno ormoni tiroidei che influenzano il tasso metabolico, finiscono con l'avere non solo l'autoimmunità, ma ora quello stato di insufficienza ipotiroidea. Devi conoscere l'impatto della carenza degli ormone tiroidei nel corpo umano. Se qualcuno diventa effettivamente ipotiroideo, e sta effettivamente avendo una ridotta attivazione dell'ormone tiroideo periferico delle cellule, di nuovo questo verrà scoperto con un alto livello di TSH perché l'ipofisi sta cercando di far funzionare la ghiandola tiroidea per dare al corpo gli ormoni tiroidei di cui ha bisogno per i siti recettoriali. Ma parliamo un po' più in dettaglio del sistema cerebrale. Quindi, gli ormoni tiroidei aiutano a mantenere intatta la barriera emato-encefalica. Gli ormoni tiroidei hanno un effetto anabolico proliferante su questi tessuti, quindi la barriera ematoencefalica può svolgere il suo lavoro. Gli ormoni tiroidei attivano specificamente gli astrociti nella barriera emato-encefalica per mantenerli sani. Gli ormoni tiroidei hanno la capacità di smorzare e modulare la microglia, le cellule immunitarie della microglia nel cervello.


Calcola i valori "ottimali" delle analisi tiroidee. Scarica gratis la guida: CLICCA QUI

Quando non sono modulati, c'è un maggior grado di informazione sui neuroni. Maggiori informazioni sui neuroni possono portare alla depressione e alla mancanza di funzioni cerebrali e rallentare le velocità cerebrali. Inoltre può avere un impatto sulla promozione delle malattie neurodegenerative. Quando le persone hanno carenza di ormoni tiroidei, i loro percorsi neurotrasmettitoriali diventano meno efficienti, come la serotonina, la dopamina e l'acetilcolina. Questo è il motivo per cui molti di loro finiscono con depressione e disturbi dell'umore e mancanza di motivazione, perché gli ormoni tiroidei sono fondamentali per consentire il normale funzionamento della neurotrasmissione. Per questo gli ormoni tiroidei sono fondamentali come fattore di crescita per consentire ai nervi di ramificarsi. Quando attivi il cervello e impari cose nuove, il motivo per cui puoi acquisire nuove funzioni è perché i neuroni si ramificano l'uno nell'altro e si connettono, consentendo l'esecuzione di determinate funzioni. Si chiama plasticità.


La ramificazione dei neuroni è tutta compromessa in uno stato ipotiroideo. Ora che invecchiamo, se non abbiamo abbastanza ormoni tiroidei, tendiamo a neuro-degenerare più velocemente e a perdere la nostra capacità di costruire plasticità. Diventa fondamentale assicurarsi che quei livelli siano normali. Il sistema gastrointestinale, l'intestino, deve rigenerare costantemente le cellule. Le giunzioni strette devono rigenerarsi, il microbioma deve funzionare. Gli ormoni tiroidei sono coinvolti in tutte queste funzioni. Gli ormoni tiroidei sono coinvolti nel far contrarre la muscolatura liscia del tratto gastrointestinale, come la cistifellea, per attivare cose come il movimento o ciò che chiamiamo motilità, motilità intestinale. Se queste cose non accadono, allora c'è costipazione, fermentazione, sindrome da crescita eccessiva del lievito, sindromi da crescita eccessiva batterica e incapacità di produrre enzimi digestivi, calcoli biliari, fanghi della cistifellea e intestino permeabile.



Per questo gli ormoni tiroidei sono fondamentali per tutte queste funzioni. Come abbiamo detto, gli ormoni tiroidei sono coinvolti nell'attivazione degli osteoblasti che aiutano a formare l'osso e nell'arresto degli osteoclasti che distruggono l'osso. Ma quando sei carente, hai l'effetto opposto; gli osteoblasti scendono e gli osteoclasti salgono. Invece di costruire ossa, inizi a ridurre la densità ossea. Gli ormoni tiroidei sono fondamentali per la produzione di energia nei muscoli e, di nuovo, quando le persone sono in stato ipotiroideo, semplicemente non hanno resistenza muscolare. A volte sollevare il braccio sopra la testa è faticoso per alcuni pazienti con disturbi della tiroide. Anche il metabolismo ne risente. Quando le persone hanno disturbi della glicemia di cui abbiamo parlato nelle sezioni precedenti (Training Informativo Hashimoto Re-Start), hanno problemi con l'eliminazione di diversi grassi, sono più inclini alla disregolazione della glicemia, che i loro percorsi del segnale di insulina e glucosio sono anormali e la loro termoregolazione è disattivata, la loro capacità di bruciare calorie è disattivata o anche per costruire massa muscolare e sviluppare proteine ​​è anormale.


Gli ormoni tiroidei sono fondamentali per la risposta vasomotoria, per ottenere il flusso sanguigno o una circolazione sana, sono carenti e queste cose iniziano ad accadere. Gli ormoni tiroidei hanno un impatto davvero potente sull'attivazione degli enzimi per produrre antiossidanti per il nostro corpo. Quando una persona è in uno stato di carenza di ormone tiroideo, la capacità del suo corpo di produrre antiossidanti viene ostacolata e poi ci sono le cellule T che disregolano e il sistema immunitario inizia ad avere disfunzioni. Tutte queste cose avvengono in uno stato ipotiroideo. È anche il motivo per cui abbiamo parlato delle considerazioni iniziali quando si osserva una persona con Hashimoto. Dobbiamo assicurarci che la tiroide sia stabile, che abbia la giusta dose e che tutte queste cose siano prese in considerazione. Ci sono due gradi di carenza di ormone tiroideo. La più ovvia è che la ghiandola tiroidea è distrutta, la persona non produce abbastanza ormoni tiroidei. Per questo stanno esprimendo alcune o tutte queste cose. Un'altra parte è la sostituzione ormonale del paziente, ma la sua risposta immunitaria infiammatoria sta annientando anche la risposta dei siti recettoriali, quindi anche se i loro laboratori sembrano buoni, non stanno ottenendo l'effetto migliore in alcuni di questi tessuti.



Ci sono alcuni studi di ricerca che sono stati condotti sull'impatto degli ormoni tiroidei nella risposta autoimmune. Quindi, anche questo è un aspetto importante. Questo potrebbe spiegare perché alcune persone hanno la cosiddetta fase della luna di miele quando iniziano a prendere gli ormoni tiroidei si sentono molto meglio, perché gli ormoni tiroidei non solo affrontano la carenza di ormoni, ma hanno anche un impatto immediato molto potente sullo smorzamento dell'immunità autoimmune. Per un periodo di tempo il corpo si adatta alla sostituzione dell'ormone tiroide e poi le espressioni autoimmuni continuano e in qualche modo tornano ad avere molti sintomi come nebbia cerebrale, depressione, bassa energia, dolori muscolari e così via. Questo era uno studio che è stato pubblicato: "In conclusion our data suggests that level of thyroxine replacement decreases oxidant status and increases antioxidant status. So thyroid hormones directly impact the body's ability to make their own antioxidants, which is critical in dealing with an autoimmune disease, inflammatory disease. Thyroid hormones can have a protective role, modulating antioxidant levels and on the other side tissue hypothyroids can worsen oxidative stress". (tradotto: in conclusione i nostri dati suggeriscono che il livello di sostituzione della tiroxina diminuisce lo stato ossidante e aumenta lo stato antiossidante. Gli ormoni tiroidei hanno un impatto diretto sulla capacità del corpo di produrre i propri antiossidanti, che è fondamentale nel trattare con la malattia autoimmune e malattia infiammatoria. Gli ormoni tiroidei possono avere un ruolo protettivo, modulando i livelli di antiossidanti e dall'altro i tessuti ipotiroidei possono peggiorare lo stress ossidativo.)



Quindi, se qualcuno è in uno stato ipotiroideo, i suoi tessuti possono effettivamente essere distrutti molto, molto, molto più velocemente perché gli ormoni tiroidei proteggono i tessuti dalla rottura. Ci sono alcune persone che hanno questa teoria come se prendi gli ormoni tiroidei dipendi da loro e non puoi mai liberartene ed è peggio. Ma in realtà, è esattamente l'opposto. Gli ormoni tiroidei proteggono i tessuti da ulteriori disgregazioni e consentono a molti di questi sistemi fisiologici di entrare in equilibrio e produrre un ambiente antinfiammatorio. Quando i livelli della tiroide sono bassi, i livelli di T3 sono bassi, gli enzimi che producono i radicali liberi si attivano e i normali sistemi antiossidanti che dobbiamo affrontare con l'infiammazione diminuiscono. Questi circoli viziosi sono esattamente ciò che non vuoi che accada quando hai una malattia autoimmune.


Permettimi di sottolineare anche questo. Puoi avere due malattie autoimmuni; potresti avere l'artrite reumatoide e l'Hashimoto, o potresti avere l'Hashimoto e diciamo la gastrite autoimmune. Gli ormoni tiroidei calmeranno anche l'autoimmune di quegli altri tessuti. Non sono stati fatti studi per mostrare se non hai una carenza di ormoni tiroidei cosa potrebbero fare, ma se sei di sicuro ipotiroideo, sembra esserci un effetto benefico. Non voglio mostrarti troppi studi, ma voglio condividerne alcuni. Questo è uno studio intitolato: "Levothyroxine Replacement Alleviates Thyroid Disfunction in Hypothyroid Patients with Autoimmune Thyroiditis: Evidence from a Thyroid MRI Study." (tradotto: La sostituzione della levotiroxina allevia la disfunzione tiroidea nei pazienti ipotiroidei con tiroidite autoimmune: prove da uno studio di risonanza magnetica della tiroide). Non per leggerti tutto, ma fondamentalmente quello che hanno scoperto è che quando hanno fatto la mappatura della ghiandola tiroidea, hanno scoperto che un gruppo che ha effettivamente eseguito la sostituzione dell'ormone tiroideo ha avuto le risposte infiammatorie nella tiroide ridotta e hanno notato che i loro livelli di anticorpi e livelli di PCR, che sono un marker per l'infiammazione, sono stati ridotti.


Quindi la mentalità di alcune persone che dicono: "Beh, ti darò un botanico e un'erba per aggiustare la tua ghiandola tiroidea e aspetteremo che si riprenda", è una cattiva idea. Devi assicurarti di fare cose per smorzare l'autoimmunità. Per smorzare la risposta autoimmune, devi sempre assicurarti che il TSH venga controllato regolarmente per evitare l'impatto della carenza dell'ormone tiroideo sul sistema immunitario e sul resto del corpo. Puoi controllare regolarmente i tuoi livelli di TSH per vedere se sono a posto. Se hai un ottimo medico o un sanitario con cui lavori, è bene che tu esegua i lievlli di TSH, FT4 e FT3. Ogni trimestre non è una cattiva idea, come ogni tre o quattro mesi, per controllare i livelli di TSH sarebbe l'ideale, soprattutto una volta che sei stabile puoi estenderlo. Ma una volta all'anno tende ad essere troppo lontano per avere una chiara immagine della nostra salute tiroidea e autoimmune. Inoltre, se dovessi mai avere sintomi o nuovi sintomi di metabolismo lento o anche se hai sintomi di tiroide attiva come nervosismo, ansia e quelle sensazioni che stanno divampando, dovresti assolutamente controllare di nuovo gli esami. Ora, quando si arriva effettivamente al punto di scegliere il tipo di regolazione dell'ormone tiroideo da prendere, quindi le decisioni cliniche chiave che vengono prese per la scelta della sede dell'ormone tiroideo appropriato, emergono da diverse cose".


La sezione continua con: "Queste sono le otto decisioni cliniche più comuni che devono essere prese in considerazione quando una persona decide di prendere la sostituzione dell'ormone tiroideo". Prendi sul serio il lavoro da autodidatta ma solo per confrontarti con il tuo medico. Non sederti in disparte e aspettare che qualcun altro si prenda cura di te. Ho scoperto che le persone che si auto-educano e si prendono cura della loro salute hanno i migliori risultati nella gestione di Hashimoto.


Acquista il Training Informativo a 59.5 euro invece di 119 euro.


Per saperne di più sul Training Informativo HASHIMOTO RE-START, clicca qui


XO - Patrizia Coffaro






665 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page