top of page
Cerca

La connessione tra Hashimoto e glutine


Hashimoto è una malattia infiammatoria cronica autoimmune della ghiandola tiroidea. Introduciamo diete che possono aiutare con questa malattia.


Le persone con disturbi autoimmuni hanno una cosa in comune: problemi intestinali. Perché nell'intestino, più precisamente nell'intestino tenue, si trova l'80% del sistema immunitario. Più grave è la malattia autoimmune, più pronunciata è la cosiddetta sindrome dell'intestino permeabile, una parete intestinale permeabile che consente alle particelle di cibo incompatibili di entrare senza ostacoli dal tratto digestivo nel flusso sanguigno.


Medici funzionali dagli USA, che ho conosciuto personalmente, ora stanno tracciando la connessione terapeuticamente promettente tra l'intolleranza al glutine e la tiroidite di Hashimoto, l'infiammazione autoimmune della tiroide. In tal modo, stanno attirando l'attenzione medica sul sistema immunitario, piuttosto che limitare il trattamento della tiroide alla terapia ormonale sostitutiva.


Autoimmunità: quando il corpo attacca se stesso


Prima di passare alla connessione tra tiroidite cronica, tiroidite di Hashimoto e intolleranza al glutine, chiariamo cosa sia effettivamente l'autoimmunità. L'autoimmunità è un processo in cui il nostro sistema immunitario attacca il tessuto del corpo, cioè il nostro stesso organismo. Di solito, il compito del sistema immunitario è proteggerci dalle infezioni da batteri, virus e parassiti.


Per fare questo, il sistema immunitario produce anticorpi che si accumulano nel sangue e agiscono contro gli intrusi prima che possano farci ammalare. L'autoimmunità, d'altra parte, può essere facilmente paragonata alla situazione in cui il tessuto estraneo viene rifiutato dall'organismo dopo un trapianto di organi. Il tessuto di ogni persona è costituito da singole molecole che il sistema immunitario riconosce come endogene e le differenzia dalle cellule estranee.


Quando un organo donato non corrisponde abbastanza al tessuto del ricevente, il sistema immunitario interviene e distrugge l'organo estraneo.

Se c'è autoimmunità, nel corpo avvengono processi simili a quelli del rigetto d'organo. Il tessuto proprio dell'organismo non viene riconosciuto dal sistema immunitario e invece - come se fosse un tessuto estraneo - viene attaccato da anticorpi autoprodotti e progressivamente distrutto. Le malattie autoimmuni tipiche sono la sclerosi multipla (SM), l'artrite reumatoide, il lupus, la celiachia e la tiroidite di Hashimoto.


Tiroidite di Hashimoto: una malattia autoimmune


La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario dirige gli anticorpi contro la propria tiroide. La rilevazione di questi anticorpi è quindi anche un importante marker diagnostico per questa malattia. Il tessuto tiroideo viene continuamente distrutto dall'attacco anticorpale. Il risultato è sia un'infiammazione cronica che una massiccia carenza di ormone tiroideo, cioè l' ipotiroidismo.


La piccola ghiandola tiroidea a forma di farfalla si trova nella parte anteriore del collo ed è di grande importanza per vari processi metabolici. Produce i due ormoni tiroidei T3 (triiodotironina) e T4 (L-tiroxina). In modo che la tiroide sappia quando produrre la quantità di questi ormoni, la ghiandola pituitaria (una ghiandola ormonale delle dimensioni di un pisello che si trova nel cervello) secerne l'ormone stimolante la tiroide TSH. La quantità di TSH che circola nel sangue segnala alla tiroide se T3 e T4 devono essere prodotti o meno.


Più TSH c'è nel sangue, più ormoni tiroidei servono al corpo

Tuttavia, se la tiroide non può più produrre abbastanza ormoni a causa di una condizione di ipoattività, il livello di TSH continua ad aumentare. Una tiroide ipoattiva viene quindi diagnosticata non solo sulla base di bassi valori di T3 e T4, ma anche sulla base di un aumento del valore di TSH.

Più alto è il livello di TSH al di sopra del valore normale, più pronunciato è l'ipotiroidismo.


T3 e T4 sono in gran parte responsabili del controllo del nostro metabolismo. Senza gli ormoni tiroidei - nei bambini - non sarebbe possibile né lo sviluppo mentale né quello fisico. Negli adulti, una carenza di ormone tiroideo ostacola varie funzioni del corpo. Il battito cardiaco e le prestazioni del cervello possono rallentare, così come l'uso di energia dal cibo. Inoltre, la mancanza di ormoni tiroidei ha un effetto negativo sulla temperatura corporea, sul ciclo femminile e sul peso.


I sintomi della tiroidite di Hashimoto sono di conseguenza diversi: stanchezza, svogliatezza, aumento della sensibilità al freddo, costipazione, intestino irritabile, pelle secca, capelli e unghie fragili, raucedine, dimenticanza, perdita di memoria, irritabilità, depressione, sindrome premestruale, periodi pesanti, aumento di peso così come i dolori muscolari e articolari sono tra i disturbi più comuni.


Nella medicina convenzionale, l'ipotiroidismo viene trattato con la terapia ormonale sostitutiva. I pazienti con Hashimoto devono assumere ormoni artificiali sotto forma di compresse per il resto della loro vita per evitare ulteriori complicazioni (inclusi gozzo, insufficienza cardiaca, coma).


I medici integrativi chiedono sempre più che le persone con malattie autoimmuni siano esaminate per l'intolleranza alimentare. Il glutine proteico dei cereali, in particolare, è generalmente sospettato di provocare una reazione immunitaria distruttiva contro la ghiandola tiroidea nei pazienti di Hashimoto.


Glutine: attacco al sistema immunitario


Il glutine è una miscela proteica di glutenina e gliadina, che, in combinazione con l'amido, fa parte dei chicchi di frumento, segale, orzo, avena, farro e kamut. Il grano contiene la maggior parte del glutine a circa il 50 percento.


In combinazione con l'acqua, il glutine crea una massa dura e appiccicosa ed è quindi noto come proteina del glutine. Questa proteina adesiva costituisce la base ideale per la cottura del pane. Tuttavia, è un disastro per il nostro intestino! Nel nostro tratto digestivo, il glutine si lega alla parete dell'intestino tenue. Problemi digestivi e disordini immunitari sono ormai inevitabili.


Viene coltivato ricco di glutine per i processi di panificazione industriale, il grano moderno in particolare contribuisce al fatto che sempre più persone sono affette da intolleranza al glutine, che a sua volta è associata a diverse malattie secondarie. La gliadina in particolare è considerata la causa principale di questa miseria per la salute.

"Ognuno di noi è più o meno intollerante al glutine"

Gli scienziati hanno scoperto che alcuni componenti della gliadina si legano ai recettori intestinali e distruggono le strette connessioni nella parete intestinale. Questi composti di solito tengono insieme le cellule dell'intestino tenue e impediscono alle particelle di cibo di filtrare attraverso la parete intestinale nel flusso sanguigno.


Se la gliadina distrugge le connessioni, la parete intestinale diventa permeabile. Si parla della cosiddetta sindrome dell'intestino permeabile. I componenti alimentari non completamente digeriti, ma anche le tossine possono ora entrare senza ostacoli nel flusso sanguigno. Il corpo considera gli intrusi come aggressori. E come sempre, quando si sente attaccato, attiva il suo consueto programma di difesa e risponde all'"attacco" con una reazione immunitaria.


La reazione immunitaria - che già avviene nell'intestino - inizia con la produzione di alcune cellule di difesa (cellule T) contro la gliadina mobile che è legata ai tessuti. In una seconda reazione immunitaria, sorgono anticorpi anti-gliadina (AGA).


Nel tempo, questa reazione immunitaria contro il glutine porta nell'intestino a notevoli processi infiammatori e, nel contempo, alla progressiva distruzione dei villi dell'intestino tenue. Chiunque soffra di infiammazione cronica dovrebbe quindi eliminare immediatamente il glutine dalla propria dieta.

Medici come Daniel Leffler della Harvard Medical School non avvertono quindi solo le persone celiache contro il glutine:

Il glutine è in gran parte indigeribile per tutti. Ognuno di noi è più o meno intollerante al glutine.

Le persone con elevati anticorpi anti-gliadina sono a maggior rischio di sviluppare il cancro linfatico e disordini autoimmuni, in particolare la tiroidite autoimmune - Tiroidite di Hashimoto.


Il glutine aumenta il fabbisogno di ormoni tiroidei


Uno studio di Roma mostra che i pazienti Hashimoto con intolleranza al glutine hanno bisogno del 49% in più di ormoni T4 per un valore di TSH nell'intervallo normale rispetto ai pazienti senza intolleranza al glutine.



Dopo una dieta priva di glutine per undici mesi, il valore T4 delle persone sensibili al glutine per un valore di TSH accettabile era in gran parte identico a quello del gruppo di confronto. Questi risultati illustrano ancora una volta la connessione tra glutine e malattie autoimmuni. È vero che i pazienti di Hashimoto non soffrono automaticamente di celiachia. Tuttavia, si può presumere che la maggior parte delle persone colpite abbia un certo grado di cosiddetta sensibilità al glutine.


Il glutine crea una reazione eccessiva del sistema immunitario


Sia che sia presente la sensibilità al glutine o la celiachia, per le persone con malattie autoimmuni come la tiroidite di Hashimoto, un'eccessiva reazione immunitaria ha conseguenze distruttive. Nel caso di una malattia autoimmune esistente, il sistema immunitario è comunque eccessivamente attivo. Con gli alimenti contenenti glutine nella dieta, il corpo sensibile al glutine si trova in una situazione di stress permanente.


La costante reazione immunitaria alla sostanza incompatibile gliadina alla fine aggrava anche la malattia autoimmune. Il rilascio di anticorpi contro la proteina del glutine non viene rilasciato solo nel tratto intestinale e nel tessuto tiroideo, ma può causare infiammazione in altre parti del corpo, il che spiega i vari sintomi dell'intolleranza al glutine.


Mentre in alcune persone l'infiammazione correlata al glutine si manifesta nelle articolazioni, in altre si manifesta in disturbi della pelle come eruzioni cutanee e rosacea. Molti avvertono i sintomi dell'infiammazione nel cervello, si sentono annebbiati nei loro pensieri, soffrono di sbalzi d'umore, ansia e perdita di memoria.


Glutine e tiroide: la grande confusione molecolare


La doppia reazione immunitaria contro il glutine degli alimenti e contro il tessuto tiroideo, secondo alcuni scienziati, è dovuta alla somiglianza molecolare tra il componente costitutivo della proteina gliadina e le cellule tiroidee. Quando il glutine entra nel flusso sanguigno attraverso la parete intestinale permeabile, il sistema immunitario lo interpreta come un attacco e rilascia anticorpi.


Questi anticorpi ora non solo respingono l'incompatibile proteina del glutine gliadina, ma allo stesso tempo mettono il tessuto tiroideo strutturato in modo simile in uno stato infiammatorio, a seguito del quale il tessuto viene distrutto e la produzione di ormoni viene ridotta. Se le persone con una malattia tiroidea autoimmune consumano cibi contenenti glutine, la tiroide è immediatamente sotto tiro.



Intolleranza al glutine: gli esami del sangue non sono accurati


Per esperienza personale, dopo aver girato i migliori medici sul territorio Nazionale senza aver risolto i mei problemi che mi portavo dietro da anni, ho scoperto che i pazienti tiroidei che vogliono essere testati per l'intolleranza al glutine purtroppo non ottengono risultati affidabili dai normali esami del sangue.


I test sugli anticorpi di solito prendono di mira solo una certa parte del glutine, vale a dire l'alfa-gliadina. Vengono ignorati vari altri componenti del glutine come omega-gliadina, gamma-gliadina, agglutinina di germe di grano, ecc., che possono essere ugualmente responsabili di una reazione immunitaria.

Nei casi meno pronunciati di intolleranza al glutine, gli esami del sangue falliscono ancora di più e riconoscono erroneamente le infiammazioni attive nel corpo.


Il Dott. Kenneth Fine, direttore medico dell'innovativo laboratorio EnteroLab, ritiene che le analisi delle feci siano molto più accurate. Con questo metodo di test appositamente sviluppato per l'intolleranza al glutine, vengono determinati gli anticorpi prodotti nell'intestino prima di passare nel flusso sanguigno.

Ecco come Fine ha scoperto che in America una persona su tre è intollerante al glutine. È probabile che il tasso sia simile in Europa. Su 10 persone, 8 avrebbero nuovamente la predisposizione genetica all'intolleranza al glutine. Soprattutto le persone con i geni HLA-DQ sono affette da intolleranza al glutine o celiachia.


Di conseguenza, una diagnosi sbagliata e raccomandazioni dietetiche sbagliate possono insidiosamente peggiorare la salute delle persone con Hashimoto. In questo contesto, se ci si rende conto che i cereali contenenti glutine, come il grano, sono l'alimento base numero uno nel mondo occidentale, si ha a che fare con una catastrofe sanitaria subliminale.


Non a caso la tiroidite di Hashimoto è una delle malattie autoimmuni più comuni. Come paziente di Hashimoto, vale sicuramente la pena fare un auto-esperimento senza glutine.


Tiroidite di Hashimoto: quando il sistema immunitario ti colpisce


Un'altra difficoltà per la prova clinica dell'intolleranza al glutine nelle persone con malattie autoimmuni sorge quando il sistema immunitario è già così indebolito da non produrre più anticorpi a sufficienza.

Anche per questo motivo i test di intolleranza al glutine nei pazienti di Hashimoto sono spesso erroneamente negativi. I livelli di anticorpi possono essere così bassi da non essere nemmeno visibili nei test, anche se si stanno verificando reazioni immunitarie segrete che danneggiano i tessuti.


Da una prospettiva olistica, si consiglia quindi alle persone con malattie tiroidee autoimmuni di evitare in ogni caso il glutine, indipendentemente dal fatto che i test mostrino una risposta anticorpale attiva o meno. Chiunque mangi cibi contenenti glutine nonostante una malattia autoimmune confermata danneggerà inutilmente il proprio sistema immunitario.


Tiroidite di Hashimoto - Necessaria dieta senza glutine


Poiché sia ​​la sensibilità al glutine che la connessione diretta tra Hashimoto e tale intolleranza al glutine sono difficili da dimostrare con esami del sangue standard, i medici ortodossi sono spesso critici nei confronti di una dieta priva di glutine se si esclude la celiachia.


Tuttavia, studi recenti parlano un linguaggio diverso. La connessione tra malattie autoimmuni (soprattutto tiroidite di Hashimoto) e intolleranza al glutine è troppo ovvia per essere ignorata. Esperti di medicina funzionale americani di malattie autoimmuni consigliano quindi alle persone con infiammazione cronica della tiroide, in particolare, di seguire una dieta rigorosamente priva di glutine come primo e più importante passo per tenere sotto controllo questo disturbo immunitario.


Perché il glutine agisce come un forte attivatore di una reazione immunitaria nella maggior parte dei pazienti Hashimoto, indipendentemente dalla diagnosi di celiachia. L'esperienza mostra che i livelli ormonali e i sintomi della tiroidite di Hashimoto migliorano significativamente nella maggior parte delle persone che assumono una dieta priva di glutine. Il fattore decisivo, però, è la coerenza. Per avere risultati dobbiamo vivere senza glutine non un po' senza glutine, questo è irrealistico è come se si dicesse di essere un po' incinta.


La risposta immunitaria innescata da ogni consumo di glutine può durare fino a sei mesi. Anche il più piccolo morso di cibo contenente glutine provoca un rilascio duraturo di anticorpi dal sistema immunitario contro il tessuto tiroideo e altre cellule del corpo. L'occasionale pezzo di torta o pasta al ristorante italiano rovina rapidamente il successo terapeutico di una dieta priva di glutine.


Vivi senza glutine nella quotidianità


Ora può sorgere la domanda in questione se i sintomi di carenza non si verificherebbero senza cereali come il grano e simili. Il fatto è che i cereali contenenti glutine NON contengono sostanze nutritive che non possono essere ottenute da alimenti senza glutine. Riso integrale, quinoa, teff, miglio, grano saraceno, amaranto, patate americane sono alternative nutrienti e innocue ai cereali contenenti glutine.

Hashimoto: misure olistiche


Naturalmente, il glutine non è l'unico problema con Hashimoto. E una dieta priva di glutine non è l'unica cosa che devi fare per tenere sotto controllo la malattia. Mentre la medicina convenzionale prescrive esclusivamente ormoni tiroidei e osserva in altro modo mentre le ghiandole tiroidee si atrofizzano, i medici che adottano misure olistiche e naturopatiche possono fare molto per portare Hashimoto a un punto fermo e quindi per essere privo di sintomi.


Prima di sentire i vari contestatori, ho allegato la ricerca scientifica che afferma ciò che ho scritto. Quindi, prima di lanciarvi in contestazioni prive di fondamento, vi invito a leggere tutta la ricerca scientifica come ho fatto io.





Riferimenti

- Kresser C., "The Gluten-Thyroid Connection", chriskresser.com, July 2010 (The Gluten-Thyroid Connection)

- Michelle J., "How do antibodies work?", Livestrong.com, March 2011 (How do antibodies work?)

- N.N., "The Gluten-Thyroid Connection," Genetics Home Reference, July 2013 (Hashimoto's Thyroiditis)

- N.N., "Gluten", ScienceDaily Aug 2013 (Gluten)

- Schocker L., "Gluten-Free: Judging if its right for you",

- Huffingtonpost.com, June 2011 (Gluten Free: Assessing If It's Healthy)

- Jockers D., "Avoid the gluten epidemic," NaturalNews.com (Avoid the Gluten Epidemic)

- Kharrazian D., book Why Do I Still Have Thyroid Symptoms? When My Lab Tests are Normal. Morgan - - James Publishing. 2010. Pg 28-31. (Why am I still having thyroid symptoms? When my laboratory values ​​are normal.)

- Kharrazian D., "Changing your diet is that first step in addressing Hashimoto's," Thyroidbook.com, - - - - August 2010 (Changing your diet is the first step in treating Hashimoto's thyroiditis)

- Viriki C. et al., "A typical celiac disease as cause of increased need for thyroxine: a systematic study", NCBI, Mar 2012

- "Enterolab.com"

- Volta U. et al., "Deamidated gliadin peptide antibodies as a routine test for celiac disease: a prospective analysis", NCBI, Mar 2010 (Deamidated gliadin peptide antibodies as a routine test for celiac disease: a prospective analysis)

- Ryan M., "Hashimoto's Diet: Keys to Success", Hashimotoshealing.com, Mar 2013 (Hashimoto's Diet: Keys to Success)


Che tu soffra di più sensibilità alimentari, sensibilità chimiche o malattie autoimmuni, ti mostrerò esattamente come ripristinare la tolleranza al tuo sistema immunitario.

Scopri il mio Training Informativo Recode 21


2.415 visualizzazioni0 commenti

La tua donazione ci aiuta

Se ti è piaciuto questo articolo, saremmo molto felici di un piccolo contributo al nostro lavoro! Per poter continuare a dare una informazione libera. Dona ora con PayPal.

Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni mese consigli sulla salute via e-mail, informazioni sulla naturopatia e tendenze nella medicina naturale
Il tuo modulo è stato inviato!
Competenza e fiducia:
I nostri testi sono preparati professionalmente, scientificamente e controllati legalmente da esperti interni: farmacisti, biologi e nutrizionisti. In caso di domande sul contenuto del testo, inviare una e-mail a:
info@patriziacoffaro.it
bottom of page